giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Mondo > Igor Volobuyev: il n.2 di Gazprombank ora combatte per l’Ucraina

Igor Volobuyev: il n.2 di Gazprombank ora combatte per l’Ucraina

Igor Volobuyev

Igor Volobuyev: il n.2 di Gazprombank ora combatte per l’Ucraina

Subito dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, l’ex vicepresidente della Gazprombank Igor Volobuyev è fuggito dalla Russia. Ora si è unito alle forze di difesa territoriale ucraine. Volobuyev ha parlato della sua decisione di lasciare la Russia in interviste con il giornalista Sergei Loiko (per The Insider), il blogger ucraino Denis Kazansky e l’outlet ucraino Liga.net.

Volobuyev è attualmente a Kiev. Quando Sergei Loiko gli ha chiesto come fosse riuscito a entrare in Ucraina come ex vicepresidente della Gazprombank con passaporto russo, è stato evasivo. “Questa è una lunga storia che spero di raccontare in futuro. È stata molto dura”, ha detto, aggiungendo che il suo viaggio dalla Russia all’Ucraina includeva tappe in Turchia, Lettonia e Polonia.

Volobuyev è nato nella città di Okhtyrka, nella regione ucraina di Sumy. Ha detto di aver deciso di tornare in Ucraina perché voleva “difendere la sua patria con le armi in mano”; voleva tornare per la prima volta nel 2004, ma non è stato in grado di farlo a causa di circostanze familiari. Volobuyev ha detto a Liga.net che nel 2014, ha “giurato a se stesso” che sarebbe andato a combattere se “i carri armati russi fossero venuti nella mia Okhtyrka”. Il 24 febbraio, il primo giorno dell’invasione russa dell’Ucraina, l’ex dirigente ha deciso di lasciare definitivamente la Russia.

“Non potevo più restare lì. Sono ucraino per nazionalità; Non potevo semplicemente sedermi in disparte e guardare mentre la Russia faceva questo alla mia patria. Il mio ritorno è come un pentimento: voglio ripulirmi dal mio passato russo. Voglio restare in Ucraina fino alla vittoria. Non posso vivere una vita piena e soddisfacente mentre uccidono mio padre, che vive a Okhtyrka; i miei cari; miei amici; e i miei vicini”, ha detto Volobuyev. Ha chiarito che suo padre è vivo e ora è al sicuro, ma ha trascorso un mese in un freddo seminterrato all’inizio della guerra.

Volobuyev ha definito l’aggressione della Russia contro l’Ucraina un crimine internazionale. “È il crimine di Putin, il crimine del governo russo e, di fatto, il crimine del popolo russo. E nonostante sia ucraino per nazionalità, mi assumo la responsabilità anche di questo. Mi vergogno e passerò il resto della mia vita pentendomi, perché sono doppiamente responsabile: non sono solo una normale persona russa. Sono nato qui [in Ucraina] e ho vissuto qui per 18 anni, quindi sono doppiamente, triplamente responsabile di questo”, ha detto Volobuyev.

Volobuyev ha lasciato la Russia il 2 marzo. Inizialmente, ha detto, nessuno sapeva che fosse partito, ma presto le autorità russe hanno iniziato a cercarlo. Alla fine, “hanno capito” che era in Ucraina. Ora sospettano che abbia venduto “segreti sugli stabilimenti della Gazprombank” per cui lavorava per le pubbliche relazioni. Volobuyev non era sicuro se fossero stati avviati procedimenti penali contro di lui in Russia.

Secondo Volobuyev, la guerra tra Russia e Ucraina va avanti da 20 anni ed è iniziata con la pressione economica. “Il loro obiettivo era legare l’Ucraina alla Russia, per farla diventare dipendente dal gas, proprio come la Bielorussia. Questo faceva parte della guerra. Devo ammettere che io stesso ho preso parte a queste guerre del gas quando lavoravo per Gazprom”, ha detto a Liga.net.

Durante le “guerre del gas”, secondo Volobuyev, i consumatori europei hanno smesso di vedere l’Ucraina come un fornitore di gas affidabile, il che ha permesso a Russia e Gazprom di offrire rotte di rifornimento che aggirano l’Ucraina.

Volobuyev ha affermato che la guerra dell’informazione contro l’Ucraina è stata guidata dal vice capo dell’amministrazione presidenziale russa Alexey Gromov. “Gromov era la principale figura responsabile della politica informativa della Russia in generale e della politica informativa di Gazprom in particolare. In questo senso, Gazprom non era il generatore di idee, era solo l’esecutore testamentario: tutti i compiti venivano dall’alto. Ho preso ordini dal segretario stampa di Gazprom Sergey Kupriyanov”, ha detto Volobuyev.

Volobuyev è consapevole di non essere particolarmente il benvenuto in Ucraina. “Capisco di essere arrivato qui coperto di melma e non ho l’illusione di poterla lavare via completamente. Ma dentro, sono pulito. La mia patria mi accetterà? Non ne sono sicuro”.

Fonte: https://meduza.io/en/feature/2022/04/27/i-want-to-wash-myself-clean-of-my-russian-past

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.