giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Mondo > Cisgiordania, giornalista di Al Jazeera morta durante gli scontri

Cisgiordania, giornalista di Al Jazeera morta durante gli scontri

cisgiordania

Cisgiordania, giornalista di Al Jazeera morta durante gli scontri

La giornalista palestinese-americana di Al Jazeera, Shireen Abu Akleh, è ​​stata colpita a morte da colpi di arma da fuoco mentre seguiva un’operazione militare israeliana nella città di Jenin, in Cisgiordania.

Il ministero della salute palestinese ha detto che è stata colpita alla testa da un proiettile e ha confermato la sua morte poco dopo. Anche l’operatore di Akleh, Ali Al-Samudi, è stato colpito a colpi di arma da fuoco ed è in condizioni stabili, ha detto il ministero. Le circostanze della sua morte non sono chiare.

Al Jazeera ha accusato le forze di sicurezza israeliane di aver preso di mira e ucciso deliberatamente Abu Akleh e ha invitato la comunità internazionale a condannare e ritenere Israele responsabile.

Al-Samudi ha dichiarato più tardi che non c’erano uomini armati palestinesi nell’area in quel momento. “L’esercito israeliano ci ha sparato”, ha detto Al-Samudi. “Non c’era nessun uomo armato palestinese sul posto”.

Le forze di difesa israeliane hanno affermato che le forze di sicurezza stavano operando nell’area “per arrestare sospetti in attività terroristiche” e sia i sospetti palestinesi che le forze israeliane stavano sparando in quel momento.

“Come parte dell’attività nel campo profughi di Jenin, i sospetti hanno sparato pesantemente contro la forza e lanciato esplosivi. La forza ha risposto sparando. Sono stati rilevati colpi”, ha detto l’IDF. “La possibilità che i giornalisti siano stati colpiti, forse da colpi di arma da fuoco palestinesi, è oggetto di indagine. L’evento è al vaglio”.

L’esercito israeliano ha intensificato le operazioni in Cisgiordania dopo che una serie di attacchi contro gli israeliani hanno provocato la morte di 18 persone. Molti degli aggressori provenivano dalla zona di Jenin.
Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha dichiarato che “sembra probabile” che i palestinesi armati siano responsabili della morte di Abu Akleh.

“Secondo le informazioni che abbiamo raccolto, sembra probabile che i palestinesi armati – che stavano sparando indiscriminatamente – siano i responsabili della sfortunata morte del giornalista”, ha affermato il primo ministro.

Abu Akleh indossava un elmetto e un giubbotto antiproiettile, con su scritto chiaramente “stampa”, quando le hanno sparato. Un giornalista che stava seguendo l’operazione israeliana a Jenin insieme alla corrispondente uccisa da ha detto alla Galileus Web che Abu Akleh e altri giornalisti si sono fatti riconoscere dalle forze israeliane prima che gli sparassero.

La collega di Abu Akleh, Nida Ibrahim, ha detto che era una “giornalista molto rispettata” che aveva lavorato con Al Jazeera dall’inizio della seconda Intifada palestinese nel 2000,.

Abu Akleh è nata e cresciuta a Gerusalemme e apparteneva a una famiglia cristiana, secondo la Bir Zeit University, dove era insegnante. Aveva 51 anni.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net