giovedì, Luglio 7, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per la Grande Opera in TV di Liberovici del 4 giugno alle 22.15 su Rai 5: “Trilogy in Two”

Anticipazioni per la Grande Opera in TV di Liberovici del 4 giugno alle 22.15 su Rai 5: “Trilogy in Two”

teatro

Anticipazioni per la Grande Opera in TV di Andrea Liberovici del 4 giugno alle 22.15 su Rai 5: “Trilogy in Two

Grande Teatro in TV di Petito 11 marzo Rai 5: “Una mangiata impossibile"

Un’opera contemporanea sul tema della bellezza: è “Trilogy in Two”, in onda sabato 4 giugno alle 22.15 su Rai 5.

Suddivisa in due atti, l’opera è ispirata a tre figure: Faust, simbolo dell’invenzione e dell’egoismo; Florence Nightingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna ed esempio di solidarismo; e Venezia, sintesi di acqua e mosaici e contraltare di nuovi razzismi.

A dominare la scena dello spettacolo diretto da Andrea Liberovici sono Helga Davis (già protagonista dell’ultima edizione di “Einstein on the beach” di Robert Wilson e Philipp Glass) e lo Schallfeld Ensemble, realtà internazionale di musica contemporanea con sede a Graz.

Musica, libretto, video, regia sono di Andrea Liberovici. Direzione musicale di Sara Caneva. Direttore di scena Fabrizio De Sanctis, luci Davide Riccardi, fonico Lorenzo Pattellani.

Una coproduzione Teatro Nazionale di Genova e Fondazione I Teatri/Festival Aperto, Reggio Emilia con Schallfeld Ensemble.

Opera contemporanea intorno al tema della bellezza. Suddivisa in due atti è ispirata a tre figure: Faust simbolo dell’invenzione e dell’egoismo, Florence Nightingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna ed esempio di solidarismo, Venezia sintesi di acqua e mosaici.

Andrea Liberovici (Torino30 marzo1962) è un compositoreregista e cantautore italiano.[1]

Figlio di Sergio Liberovici (compositore, sodale – tra gli altri – di Italo Calvino nella creazione di un nuovo repertorio di canzone popolare Torino, 1930 – 1991) e di Margherita Galante Garrone (cantautrice nota come Margot, compositrice e fondatrice-regista del “Gran teatrino la fede delle femmine” 1941 -2017), cresce a Venezia con la madre e con il musicologo Giovanni Morelli (1942-2011). Ha studiato composizione, violinoviola nei conservatori di Venezia e Torinorecitazione presso la Scuola del Teatro stabile di Genova e canto con Cathy Berberian per la vocalità del musical. Creatore di musiche e testi fin da giovanissimo scrive musiche di scena per importanti compagnie di teatro di prosa, musica per radio, televisione e balletti.

Il suo primo album esce a soli sedici anni, Oro[2] (1978), ma è soprattutto con il successivo Liberovici (1980) che, a fianco di una certa maturità musicale nel filone cantautorale dell’epoca, si contraddistingue per alcuni testi scioccanti (che ricordano Faust’O o il primo Ivan Cattaneo), con alcune allusioni sessuali abbastanza esplicite.

Nel frattempo la sua carriera si era evoluta e affinata, dedicandosi soprattutto alla scrittura di musiche di scena per compagnie di teatro di prosa, musica per televisione e balletti. Nel 1992 ha pubblicato l’album Pranzo di famiglia[3].

Nel 1996 ha fondato assieme a Edoardo Sanguineti ed Ottavia Fusco una compagnia di teatro musicale, il “teatrodelsuono”, che si applica alla sperimentazione di nuovi motivi delle relazioni musica, poesia, scena e tecnologie della elaborazione del suono e del montaggio.

La sua musica e i suoi spettacoli sono stati presentati nelle grandi città italiane ed all’estero, come a New YorkParigiAtene e Montréal. Negli anni ha realizzato spettacoli, installazioni e video con artisti italiani e internazionali quali Yuri BashmetPeter GreenawayAldo NoveJudith MalinaVittorio GassmanClaudia CardinaleGiorgio AlbertazziEnrico Ghezzi.