martedì, Settembre 27, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il “Concerto di Omaggio a Jules Massenet” su Rai 5 del 13 agosto alle 19: con il tenore Juan Diego Florez

Anticipazioni per il “Concerto di Omaggio a Jules Massenet” su Rai 5 del 13 agosto alle 19: con il tenore Juan Diego Florez

concerto

Anticipazioni per il “Concerto di Omaggio a Jules Massenet su Rai 5 del 13 agosto alle 19: con il tenore Juan Diego Florez

Su Rai5 l’Orchestra Sinfonica della Rai con il tenore Juan Diego Florez

In occasione del 110° anniversario della morte di Jules Massenet, Rai 5 propone sabato 13 agosto alle 19.00, il concerto dell’Osn dall’Auditorium Rai Arturo Toscanini di Torino con il tenore Juan Diego Florez.

Florez si esibisce con un recital di arie mozartiane e rossiniane, pagine del repertorio francese, canzoni italiane e arie da zarzuelas. Sul podio il direttore d’orchestra americano Christopher Franklin. 

Il Festival dei Due Mondi, conosciuto anche con il nome di Spoleto Festival, è una manifestazione internazionale di musica, arte, cultura e spettacolo che si svolge annualmente nella città di Spoleto, dal 1958.

Jules Émile Frédéric Massenet (ʒyl emil fʁedeʁik masnɛSaint-Étienne12 maggio 1842 – Parigi13 agosto 1912) è stato un compositorepianista e organista francese di epoca romantica, maggiormente noto come autore operistico. Quelle messe in scena più spesso sono ManonWerther e Thaïs. Compose anche oratori, balletti, lavori orchestrali, musica di scena, brani per pianoforte, canzoni e altra musica.

Mentre era ancora uno scolaretto, Massenet fu ammesso alla più importante università musicale francese, il Conservatorio di Parigi. Lì studiò con Jane Vieu e sotto Ambroise Thomas, che ammirava molto. Dopo aver vinto il primo premio musicale del paese, il Prix de Rome, nel 1863, compose prolificamente in molti generi, ma divenne rapidamente molto noto per le sue opere. Tra il 1867 e la sua morte, quarantacinque anni dopo, scrisse più di quaranta opere teatrali in una grande varietà di stili, dall’opéra-comique alle raffigurazioni su larga scala di miti classicicommedie romantichedrammi lirici, così come oratoricantate e balletti. Massenet aveva un buon senso del teatro e di ciò che avrebbe avuto successo con il pubblico parigino. Nonostante alcuni errori di calcolo, produsse una serie di successi che lo hanno reso il più importante compositore operistico francese tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

Come molti importanti compositori francesi del periodo, Massenet divenne professore al Conservatorio. Insegnò lì composizione dal 1878 al 1896, quando si dimise dopo la morte del direttore, Ambroise Thomas. Tra i suoi studenti c’erano Gustave CharpentierErnest ChaussonReynaldo Hahn e Gabriel Pierné.

Al momento della sua morte Massenet era considerato da molti critici come vecchio stile e poco avventuroso, sebbene le sue due opere più famose fossero rimaste popolari in Francia e all’estero. Dopo alcuni decenni di abbandono, le sue opere iniziarono a essere rivalutate favorevolmente durante la metà del XX secolo e molte di esse sono state messe in scena e incise. Sebbene i critici non lo classifichino tra i pochi eccezionali geni operistici come MozartVerdi e Wagner, le sue opere sono ora ampiamente accettate come prodotti ben realizzati e intelligenti della Belle Époque.

Foto interna ed esterna: https://www.rai.it/ufficiostampa/assets/template/us-articolo.html?ssiPath=/articoli/2022/08/Omaggio-a-Jules-Massenet-a0406a43-60ab-49b1-9f26-9ac17fb6d88b-ssi.html