lunedì, Settembre 26, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film cult stasera in TV: “American Graffiti” sabato 13 agosto 2022

Il film cult stasera in TV: “American Graffiti” sabato 13 agosto 2022

american graffiti

Il film cult stasera in TV: “American Graffiti” sabato 13 agosto 2022 alle 21.10 su Twenty Seven (Canale 27)

American Graffiti è un film del 1973 diretto da George Lucas ed interpretato da Richard Dreyfuss, Ron Howard, Harrison Ford e Cindy Williams.

Nel 1995 American Graffiti è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1] Nel 1998 l’American Film Institute l’ha inserito al settantasettesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi,[2] mentre dieci anni dopo, nella lista aggiornata, è salito al sessantaduesimo posto.[3]

Curt Henderson, Steve Bolander, John Milner e Terry Fields sono quattro giovani amici. I quattro si incontrano nel parcheggio del Mel’s Drive-In al tramonto. Steve e Curt si stanno preparando per lasciare la città e frequentare un college nell’East Coast, e questa sarà l’ultima notte che passeranno insieme ai loro amici. Mentre Steve non vede l’ora di lasciare la piccola cittadina, Curt è dubbioso e ha paura di ciò che lo attende. La ragazza di Steve, Laurie, sorella minore di Curt, non vuole che Steve parta, sa bene che tutto cambierebbe. Mentre girano in macchina, Curt vede una bellissima bionda in una Ford Thunderbird bianca. La donna gli sussurra “Ti amo” per poi scomparire per le strade. Lui rimane folgorato. Si incrociano varie volte durante la notte, ma Curt non riesce mai a parlarle o capire realmente chi sia.

Intanto John, meccanico di professione, maggiore degli altri, il “duro buono”, quello con la macchina più veloce e personale di tutte, l’idolo ed il punto di riferimento per gli amici, è in giro alla ricerca di ragazze mentre da un’auto all’altra gli comunicano che c’è in giro un forestiero che lo cerca per sfidarlo a una corsa in macchina. Ad un semaforo abborda un gruppo di amiche che però gli infila in macchina una ragazzina minorenne che lui cerca di riportare a casa, ma lei lo minaccia di urlare che l’ha violentata se non le fa trascorrere una serata da “grande” piena di emozioni e soprattutto che la faccia sentire donna e sexy.

Steve nel frattempo, preparandosi a lasciare il suo paese, ha affidato la sua macchina a Terry (detto “il rospo”) durante la sua assenza – fino a Natale – mentre sarà al college. Terry non ci può credere e parte subito sulla splendente auto e proprio grazie a questo abborda una bella e svampita bionda che, nonostante il poco “sex-appeal” del ragazzo, le bugie raccontate, l’ingenuità di lei, e le svariate avventure della notte, alla fine dice di essersi divertita e sorprendentemente propone di rivedersi.

Curt, deciso a rintracciare la voluttuosa bionda va alla stazione radio dove trasmette il famoso D.J. Lupo Solitario (unico attore a recitare se stesso) per far passare un messaggio alla sfuggente platinata della T-Bird ma parla con un uomo che dice di essere un dipendente del famoso D.J. e che Lupo Solitario non c’era. Appena uscito dalla stazione, Curt vede l’uomo con cui aveva parlato continuare le trasmissioni come Lupo Solitario e trasmettere il messaggio alla bionda: capisce quindi che era proprio lui. Nel frattempo John giocando d’astuzia riesce a farsi dare l’indirizzo della ragazzina e a riaccompagnarla a casa. Steve e Laurie litigano e si lasciano e lei, per fare un dispetto a Steve, sale sulla macchina di Bob Falfa, che continua a cercare John per la corsa in auto.

Curt inciampa nei Pharaohs, una banda di teppisti della città, che lo costringono a seguirli nelle loro scorribande e a subire una sorta di iniziazione: sgattaiolare sotto la vettura della polizia e fissare all’asse posteriore dell’auto un cavo legato ad una struttura fissa. Provocati i poliziotti, questi partono a sirene spiegate e l’asse posteriore si stacca dall’auto. Ora Curt sarebbe pronto a diventare un Pharaoh, ma riesce a staccarsi dal gruppo e proseguire libero la sua nottata.

Tutto converge verso la “Paradise Road” dove arrivano anche Toad e Steve e vedono John gareggiare contro Bob Falfa, con Laurie come passeggera di quest’ultimo. Dopo la partenza bruciante, la vettura di Falfa sbanda e capotta nel fosso e Steve e John corrono a salvare Bob e Laurie prima che l’auto esploda. Laurie stringe Steve e gli chiede nuovamente di non abbandonarla. Egli ammette di aver deciso di rimanere in città con lei.

All’alba la misteriosa bionda chiama Curt alla cabina telefonica rispondendo al messaggio trasmesso via radio qualche ora prima. Curt vuole sapere chi è, almeno il suo nome, ma la bionda si palesa essere una prostituta, come già gli avevano detto i Pharaohs, e Curt resta comprensibilmente deluso. Le vicende della notte allontanano da Curt ogni dubbio sulla sua partenza per il college, che puntualmente compirà la mattina, salutato dagli amici di sempre.

Una didascalia finale, con tanto di fotografie, ci informa che John è morto travolto da un automobilista ubriaco nel 1964, Terry è morto disperso in Vietnam presso An Lộc nel 1965, Steve è diventato agente di assicurazioni a Modesto, e Curt è uno scrittore e vive in Canada.

Regia di George Lucas

Con Richard Dreyfuss, Ron Howard, Harrison Ford e Cindy Williams

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://en.wikipedia.org/wiki/American_Graffiti#/media/File:American_graffiti_ver1.jpg