martedì, Novembre 29, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Filarmonica della Scala. Tema” dell’11 novembre alle 21.45 su Rai 5: storia di un’orchestra (e non solo)

Anticipazioni per “Filarmonica della Scala. Tema” dell’11 novembre alle 21.45 su Rai 5: storia di un’orchestra (e non solo)

filarmonica
(none) Anticipazioni per “Filarmonica della Scala. Tema” dell’11 novembre alle 21.45 su Rai 5: storia di un’orchestra (e non solo) – Claudio Abbado che dirige la Sinfonia n. 1 in re maggiore, Titano, di Gustav Mahler; e Carlo Maria Giulini impegnato nella Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98. di Johannes Brahms: si apre con queste pagine musicali la serie “Filarmonica della Scala. Tema”, in onda da venerdì 11 novembre alle 21.45 su Rai 5, con cui Rai Cultura ripercorre quarant’anni di storia della Filarmonica della Scala, dal 1982. Una storia riletta attraverso i suoi concerti, dal fondatore Claudio Abbado al direttore principale Riccardo Chailly, passando per le bacchette più significative nella vita dell’orchestra. Accanto ai concerti, lo speciale, “La Filarmonica della Scala e Milano – Ritratto in 4 movimenti per cittá e orchestra”. Diretto da Andrea Franceschini, ospita gli interventi di Fedele Confalonieri, Marcello Flores, Angelo Foletto, Stefano Jacini, Silvia Lelli, Giuseppina Manin, Ernesto Schiavi, Giangiacomo Schiavi e i professori d’orchestra della Filarmonica della Scala. Cosa accomuna Filarmonica della Scala e Milano? Tempo, Esperienze, Mutamenti e Azione, come i 4 movimenti di una sinfonia, mostrano ciò che ha reso l’orchestra una realtà in evoluzione ma fedele a sé stessa. La città non è solo la casa del Teatro più famoso al mondo, ma vera e propria interlocutrice e compagna di eventi. L’Associazione Orchestra Filarmonica della Scala riunisce musicisti dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano che svolgono un’attività autonoma, realizzando una stagione di concerti secondo accordi sanciti da una convenzione con il Teatro alla Scala. La Filarmonica realizza inoltre la Stagione Sinfonica del teatro e numerose tournée: dal 1982 al 2012 la Filarmonica è stata protagonista di oltre 1200 concerti fuori sede. Tra i direttori che hanno dato un rilevante apporto all’attività dell’orchestra si distinguono oltre al fondatore Claudio Abbado, a Carlo Maria Giulini e a Riccardo Muti, direttore Musicale dal 1982 al 2005, i Maestri Daniel BarenboimLeonard BernsteinFrans BrüggenSemyon BychkovRiccardo ChaillyJames ConlonPeter EötvösValery GergievDaniel HardingJohn Eliot GardinerFabio LuisiLorin MaazelZubin MehtaGianandrea NosedaSeiji OzawaGennadij RozdestvenskijWolfgang SawallischGiuseppe SinopoliYuri TemirkanovFranz Welser–Möst. L’orchestra ospita anche i più promettenti direttori della nuova generazione, quali Gustavo DudamelPhilippe JordanRobin TicciatiDiego Matheuz e Andrea Battistoni. Il 3 dicembre 2012 il Maestro Barenboim dirige alla Scala il concerto inaugurale della Stagione 2012/2013, che segna il ritorno alla Scala di Cecilia Bartoli. Tra i solisti che si sono esibiti con la Filarmonica si ricordano i pianisti Maurizio PolliniRadu LupuMurray PerahiaLang LangArcadi VolodosLeif Ove Andsnes e Piotr Anderszewski e Jan Lisiecki, i violinisti Salvatore AccardoLeōnidas KavakosGidon KremerAnne-Sophie MutterVadim RepinGil ShahamChristian TetzlaffMaxim Vengerov e Frank Peter Zimmermann, i violoncellisti Mstislav RostropovičMischa MaiskyYo-Yo Ma e Mario Brunello, il violista Yuri Bashmet, il chitarrista Massimo Laura. Tra le voci ricordiamo Lucia Valentini TerraniElīna GarančaEdita GruberováChrista LudwigFrederica von StadeWaltraud MeierAnna NetrebkoBryn TerfelVioleta UrmanaMarjana Lipovšek. La Filarmonica promuove la musica contemporanea attraverso commissioni di nuovi brani sinfonici a compositori italiani e stranieri. Dal 1998, quando Riccardo Muti dirige Scena di Ivan Fedele, si succedono sul podio direttori come Peter EötvösRafael Fruhbeck De BurgosJames ConlonRiccardo ChaillyDaniel Harding e Andrea Battistoni. Un percorso interpretativo su opere già note, nasce con l’interesse di Riccardo Muti per Goffredo Petrassi e Gyorgy Kurtag. Nel 1993 Riccardo Chailly porta alla Scala e in tournée la Sinfonia Turangalila di Olivier Messiaen presentandola al pubblico in una delle prime lezioni-concerto, e anni dopo omaggia uno dei suoi maestri, Hans Werner Henze. Altri omaggi da allievo a maestro includono Myung-Whun Chung, che dirige Olivier Messiaen, ed Esa-Pekka Salonen che nella stagione Sinfonica del Teatro alla Scala ripropone Niccolò Castiglioni, con cui aveva studiato a Milano. La Filarmonica della Scala collabora inoltre con il Festival Milano Musica dal 1994, con il quale ha commissionato a Claudio Ambrosini la trascrizione di Tre Canzoni di Giovanni Gabrieli, brano diretto per la prima volta da Riccardo Muti e ripreso da Fabio Luisi nel 2012, quarto centenario della morte di Gabrieli. La Filarmonica della Scala ha commissionato: Foto interna ed esterna. https://www.rai.it/ufficiostampa/assets/template/us-articolo.html?ssiPath=/articoli/2022/11/Filarmonica-della-Scala-Tema-5c2c7711-764f-4aa5-bf42-a5294fc964e3-ssi.html