lunedì, Gennaio 30, 2023
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Il Provinciale” del 7 gennaio alle 11.25 su Rai 1: Benevento e la magia delle “Janare”

Anticipazioni per “Il Provinciale” del 7 gennaio alle 11.25 su Rai 1: Benevento e la magia delle “Janare”

il provinciale

Anticipazioni per “Il Provinciale” del 7 gennaio alle 11.25 su Rai 1: Benevento e la magia delle “Janare” – Dalla cima del monte Taburno, il cui profilo ricorda quello di una donna “dormiente”, fino all’eremo di San Michele, il Sannio beneventano è al centro del nuovo appuntamento con “Il Provinciale  in onda  sabato 7 gennaio alle 11.25 su Rai 1 e domenica 8 gennaio alle 14 su Rai 2 con contenuti extra.

È un viaggio mistico, legato alla leggenda delle streghe che nel beneventano sono sempre state chiamate “Janare”. La radice del nome deriva da “janua” che vuol dire porta – si racconta, infatti, che passassero sotto gli stipiti – o da “dianara” che sta per “seguaci di Diana”, dea della caccia, della luna e della natura.

Quella delle Janare è una ritualità che si lega alla cultura pagana, e pre-cristiana; la matrice longobarda – popolo di guerrieri e cacciatori che ha abitato a lungo il beneventano – ha reso questa ritualità molto selvaggia e così, nel Medioevo, la religiosità cristiana, nella sua veste integralista, ha proibito le danze propiziatorie. Molte Janare, al tempo, sono state mandate al rogo, si diceva che portassero morte e malefici. In realtà, secondo una lettura sociologica e storica, erano donne che avevano una grande sapienza, legata alla natura e alla botanica in particolare.

Erano guaritrici in un tempo in cui la medicina non era conosciuta, soprattutto nelle aree rurali. Queste conoscenze legate alle erbe le rendeva pericolose agli occhi di una società patriarcale e maschilista, totalmente incapace di accogliere la diversità, la stravaganza e tutto quello che usciva dal binario di una cultura obbediente e timorata. Secondo qualcuno quello delle Janare è stato un femminicidio medioevale, sotto mentite spoglie.

Federico Quaranta e Mia Canestrini hanno esplorato gli aspetti antropologici di questa vicenda leggendaria per scoprire cosa ne rimane oggi: un mondo di virtù, ricco di sapienze e di aneliti di libertà che hanno vinto tutte le sfide del tempo per arrivare fino a oggi. 

Il provinciale è un programma televisivo condotto da Federico Quaranta in onda dal 31 ottobre 2020 su Rai 2 e dal 22 ottobre 2022 su Rai 1. In ogni episodio viene raccontato un viaggio con lo scopo di descriverne le peculiarità culturali, territoriali, geografiche e morfologiche della località visitata e gli aspetti meno conosciuti del territorio anche tramite la voce della popolazione locale e la naturalista Mia Canestrini.

Federico Quaranta (Genova27 marzo 1967[1]) è un conduttore radiofonicoconduttore televisivo e autore televisivo italiano.

Federico Quaranta, oltre a essere un conduttore radio-televisivo, è anche autore dei programmi che conduce. Dal 2003 è con Tinto (Nicola Prudente), Decanter su Rai Radio2.[2]

Dal 2005 realizza servizi televisivi in tema enogastronomico per Linea Verde Orizzonti, su Rai 1.

Nel 2008, entra nel Guinness World Records grazie a una eccezionale flûte da primato: alta 2,05 metri, 58 centimetri di diametro, su un gambo di appena 3 centimetri di diametro, riempita per l’occasione di Asti Spumante DOCG.[3]

Nel 2009 conduce, sempre insieme a Tinto (Nicola Prudente), il programma “Magica Italia, Turismo e Turisti” che va in onda la domenica mattina su Rai 1.

Dal 2012 è in onda su LA7 con un programma enogastronomico, Fuori di gusto (di cui è anche autore). Ad affiancarlo nella conduzione ci sono Vladimir Luxuria e Nicola Prudente.[4]

Dal 2013 è su Rai 1 con La prova del cuoco e Linea Verde Orizzonti.

Dal 2 giugno 2014 presenta, con Eleonora Daniele, la terza edizione di Estate in diretta.

Tra il 2015 e il 2017 ha condotto dieci puntate de La prova del Cuoco in sostituzione di Antonella Clerici per motivi di salute e professionali.[5]

Foto interna ed esterna: https://www.raiplay.it/programmi/ilprovinciale