lunedì, Gennaio 30, 2023
Home > Marche > Il Senato premia Giorgio Girelli

Il Senato premia Giorgio Girelli

il senato

Il Senato premia Giorgio Girelli. Vincitore di concorso pubblico nazionale Girelli ha percorso tutti i gradi dirigenziali della Amministrazione della Camera Alta a capo di vari e rilevanti strutture

di Paola Cecchini

Da tempo rinviata a causa del Covid si è ora avuta conoscenza che giorni addietro si è svolta nella prestigiosa Sala Capitolare del Senato della Repubblica la cerimonia di consegna a Giorgio Girelli della medaglia d’oro alla carriera (“ad aetatis honorem”).

Vincitore di concorso pubblico nazionale Girelli ha percorso tutti i gradi dirigenziali della Amministrazione della Camera Alta a capo di vari e rilevanti strutture preposte al funzionamento di: Commissione Affari Costituzionali, Comitato Parlamentare per l’inventario delle problematiche costituzionali (presieduto dal sen. Franco Bonifacio), Ufficio ricerche nel settore giuridico e storico-politico, Commissione per il Contenzioso, Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia, Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema sanitario per concludere al vertice della Direzione Generale delle competenze parlamentari, la entità che provvede ad indennità, vitalizi, contributi ai gruppi, assistenza sanitaria e diversi altri aspetti dello status del senatore oltre alla gestione di complessi aspetti del diritto parlamentare.

Materia nella quale Girelli è particolarmente esperto essendo stato appunto chiamato dalla Università di Urbino a tenere per diversi anni corsi accademici nella materia. Più conosciuto a Pesaro quale esponente politico, consigliere regionale o presidente del Conservatorio Rossini, in verità le maggiori energie egli le ha dedicate al suo ruolo di dirigente del Senato, richiesto peraltro per quattro anni anche al Quirinale quale consigliere parlamentare di Cossiga e Scalfaro.

Di tutto il resto si è occupato nel tempo libero. Avendo cura della “macchina” parlamentare, i dirigenti assistono i presidenti in Aula e nelle commissioni vigilando sul rispetto del regolamento o fornendo soluzioni ad intricate questioni procedurali. Gente preparata e che è talvolta approdata al concorso per il Senato avendo già vinto altre rilevanti prove ad esempio presso la Banca d’Italia, la Corte dei Conti, la Dirigenza di Confindustria. E non a caso dalle sue file provengono personalità che hanno ricoperto ruoli apicali nelle Istituzioni, nelle università e nella cultura quali Elia, Scoppola, Maccanico, Salvi, Gifuni, Lanzillotta, Manzella, P. Napolitano, Vegas, La Sorella. Un mestiere che esige rigorosa terzietà, capacità di estraniarsi dalle proprie preferenze politiche, da praticare semmai fuori ufficio. Indipendenza ed equidistanza, imparzialità, osservanza del regolamento sono punti d’onore che la categoria rivendica con orgoglio.

E non potrebbe essere diversamente per chi collabora con personalità politiche dagli orientamenti contrapposti dei quali deve avere la fiducia. Ruolo che Girelli ha sperimentato anche su se’ stesso. “Ricevetti – racconta Girelli – una lettera autografa quando dirigevo l’Ufficio della Commissione Affari Costituzionali anche da Armando Cossutta, Rifondazione Comunista – che era ben al corrente della mia attività politica svolta nel tempo libero – con espressioni di particolare apprezzamento per il mio operato”. “Per converso – mi confida Girelli – ho dovuto correggere in piena seduta il democristiano presidente Murmura (di cui ero pure amico) perché in buona fede, di fronte ad una parità di voti, dichiarava approvata una legge ritenendo che il voto favorevole del presidente prevalesse. Invece la parità significa bocciatura perché tutti i voti hanno lo stesso peso e le deliberazioni sono assunte “a maggioranza”.


In foto: Girelli (ambasciatore e Presidente Emerito Conservatorio. Statale di Musica “G. Rossini”) e la presidente Casellati. La medaglia d’oro alla carriera

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net