giovedì, Luglio 18, 2024
Home > Marche > Terribile perdita per il mondo del giornalismo: addio a Dario Gattafoni

Terribile perdita per il mondo del giornalismo: addio a Dario Gattafoni

terribile perdita

Terribile perdita per il mondo del giornalismo: addio a Dario Gattafoni. Ero a conoscenza della sua malattia ed ho sperato in silenzio. E mai avrei mai voluto scrivere queste righe di ricordo

di Maurizio Verdenelli

E lo ricordo ancora. Legatissimo alla ‘sua’ Civitanova Marche in cui si muoveva da re, pur lui prudentissimo ed attento nell’istruttoria -così la definiva- che lo avrebbe condotto alla scrittura dell’articolo. ‘Nessuna fuga in avanti’ frenava a riguardo dell’attendibilita’ o meno delle notizie mentre io incessante lo solleciravo alla loro rapida, fors’anche troppo rapida, completezza.

Ma c’era una concorrenza da battere giorno per giorno.

Dario Gattafoni è il primo a sx. Redazione Il Messaggero anni ’80

Ed un (brutto) giorno la concorrenza ce lo porto’ via, come avrebbe fatto prima con Sandro Stacchietti, Alessandro Feliziani e molti altri. Ma era normale. Il Messaggero a Macerata aveva creati, aprendo le porte, una piccola grande scuola siciliana. Giovani cge poi si sarebbero fatti strada: penso a Maria Grazia Capulli, Emanuela Fiorentino, Fulvio Fulvi, Luca Patrassi, Rosalba Emiliozzi, Andrea Barchiesi, Guido Garufi , Ermanno Calzolaio, Elisabetta Mascellani accanto ai ‘veci’ Giancarlo ‘Titi’ Pantanettu, Giuseppe Pioli,  i cirrispondenti

Luigi Avi (Camerino), Piero Ciarapica (Tolentino), Asterio Tubaldi (Recanati) e il mitico fotoreporter Pietro ‘Briscoletta’ 

Corrispondente da Civitanova, primo tra i carissimi Domenico Bartolini, Lorena Cellini, Mario Pacetti era appunto il bravissimo, rigoroso Dario Gattafoni. Direttore pure e sopratutto di una radio locale. Per lui il varco professionale si apri’ meritatamente con l’investimento, voluto dal direttore Vittorio Emiliani (da Urbino) sull’edizione Marche..Fu la grande ‘primavera’ del giornale, firmato mezzo elefante, che per la prima volta in assoluto prendeva ogni giorno in esami cronaca grande, media e piccola dei maggiori centri provinciali marchigiani. Con tanto di testata permanente per ognuno di essi. Fu un successo. E Dario fu degli artefici. Ricordo un premio che gli aveva attribuito il consorzio degli industrualu calzaturieri al termine di servizi da lui redatti magistralmente. Eravamo a meta’ degli anni 80.

Qualche anno prima Dario -lo ricordava spesso- si era illustrato con la cronaca del fatto principale di sangue mai vissuto da Civitanova dal dopoguerra: l’uccisione del maresciallo dei Carabinieri, Sergio Piermanni sul piazzale della stazione Fs. Dario fu svegliato dalla raffica di mitra del brigadiere Angelo Albanesi che elimino’ i tre della banda Ale’, i tre killer dell’eroico sottufficiale. ‘Fui svegliato da un rumore che mi sembro’ quello di una canna di ferro battuta consecutivamente contro i sostegni della barriera di un terrazzo” ricordava quell’alba tragica, Gattafoni che abitava proprio sopra la scena del crimine.

Averlo con me, e’ stato bellissimo. Ogni mattina puntuale in redazione: andata e ritorno Civitanova-Macerata. Non avrebbe mai lasciato per nessun motivo al mondo la’sua’ Civitanova. E lo ricordo sul limitare della soglia del mio ufficio per annunciarmi che un altro giornale gli aveva fatto una proposta non rifiutabile. 

Il Messaggero maceratese era stato una grande vetrina, ed in findonera giusto così. Molto mi dispiacque, com’era naturale per la qualita’ rara e l’estrema serieta’ del giornalista. Tuttavia sapevo che per lui si trattava di un ritorno dopo un’iniziale collaborazione, anni prima.

Ero a conoscenza della sua malattia ed ho sperato in silenzio. E mai avrei mai voluto scrivere queste righe di ricordo.

Caro Dario, ti sia lieve la terra.

Foto copertina: https://www.odg.it/lutto-in-consiglio-nazionale-e-morto-dario-gattafoni/48926

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net