lunedì, Luglio 22, 2024
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Picasso protagonista tra Mantova e Milano. Due grandi mostre in arrivo a settembre 2024

Picasso protagonista tra Mantova e Milano. Due grandi mostre in arrivo a settembre 2024

In tempi caotici come oggi, Picasso diventa un nostro contemporaneo: il suo esempio è una lezione d’ottimismo, un modello da seguire, una spinta all’impegno politico e alla pratica artistica. La scoperta della precarietà nascosta dell’artista e degli ostacoli lungo il suo percorso non ci restituisce un’immagine brutale e poco conosciuta della xenofobia, del nostro contemporaneo, e di noi stessi?”, esordisce Annie Cohen-Solal (Algeri, 1948), scrittrice e storica francese che cura entrambe le mostre in programma per settembre 2024, tra Palazzo Te a Mantova e Palazzo Reale a Milano, su Pablo Picasso. Infatti, nonostante sembri che sul celebre maestro sia stato già detto tutto, i più non sanno che per quasi 50 anni fu marchiato come straniero e anarchico, tanto da doversi rifugiare nel sud della Francia dopo che a Parigi nel 1940 gli fu rifiutata la naturalizzazione.

Pablo Picasso, La Baie de Cannes, Cannes, 19 aprile 1958 – 9 giugno 1958. Olio su tela, 130×195 cm. Musée national Picasso-Paris. Dation Pablo Picasso, 1979. Succession Picasso by SIAE 2024 Photo copyrighy RMN-Grand Palais Musée national Picasso-Paris Mathieu Rabeau

Picasso a Mantova con la mostra “Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza”

È in programma dal 5 settembre 2024 al 6 gennaio 2025 la mostra Picasso a Palazzo Te. Poesia e Salvezza, realizzata grazie alla collaborazione della famiglia dell’artista e del Musée National Picasso-Paris e articolata in quattro sezioni in stretto dialogo con gli affreschi di Giulio Romano: “Il rapporto tra il pittore e architetto cinquecentesco e Picasso passa dal lavoro sulle Metamorfosi di Ovidio, che l’artista spagnolo esegue su richiesta di Albert Skira nel 1931 e che viene esposto a Palazzo. Ma le domande e i misteri sollevati dal lavoro di Picasso e Giulio Romano vanno oltre le affinità tematiche: entrambi gli artisti sono “amici” del cambiamento e leggono la metamorfosi come tema dominante. Entrambi estraggono dalla letteratura e dalla poesia alimento e salvezza, insieme suggeriscono un modo di partecipare all’arte e alla vita”, spiega il direttore Stefano Baia Curioni. Così in mostra, tra disegni, documenti, sculture e dipinti (alcuni mai esposti in Italia), ci sono 50 opere del maestro simbolo del Novecento, in cui la poesia svolge un ruolo fondamentale, vera e propria ancora di salvezza per superare i numerosi ostacoli legati alla sua condizione di straniero. “L’artista naviga magistralmente tra le molteplici tensioni della società francese utilizzando la metamorfosi come strategia. Diventa quindi, al livello estetico, personale e professionale, un artista mercurial che pochissimi critici, soprattutto in Francia, riescono a decifrare”, racconta la curatrice.

Pablo Picasso

Picasso a Milano con la mostra “Picasso lo straniero” a Palazzo Reale

Inaugurerà poco dopo l’apertura a Mantova anche la mostra Picasso lo straniero a Milano, in programma dal 20 settembre 2024 al 2 febbraio 2025 a Palazzo Reale (e le cui prevendite sono già disponibili sul sito del museo). Provenienti dal MNPP e Musée National de l’Histoire de l’Immigration di Parigi, qui verranno presentate oltre 80 opere dell’artista insieme a documenti, fotografie, lettere e video. La mostra milanese, infatti, si apre a più riflessioni sui temi dell’accoglienza, dell’immigrazione e delle relazioni con l’altro, indagando le scelte politiche ed estetiche di Picasso che non ottenne mai la cittadinanza francese e plasmò la propria identità vivendo nella condizione di immigrato. “La collaborazione tra Milano e Mantova in questo doppio progetto espositivo rappresenta un’opportunità straordinaria per approfondire la complessa figura di Picasso, un artista che ha saputo navigare tra le acque agitate della xenofobia e dell’identità, trovando nella poesia e nell’arte una via per superare gli ostacoli”, conclude l’assessore alla cultura del Comune di Milano Tommaso Sacchi.

Articolo di Caterina Angelucci-Fonte ARTRIBUNE

  Caterina Angelucci (Urbino, 1995). Laureata in Lettere Moderne con specializzazione magistrale in Archeologia e Storia dell’arte presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2018 al 2023 si è occupata per ArtsLife di contenuti e approfondimenti per la sezione Arte. Dal 2021 cura e organizza la residenza per artisti Lido La Fortuna (Associazione Lido Contemporaneo, Fano, PU) e fa parte del gruppo di ricerca di Endless Residency avviato da Viafarini (Milano), assegnatario del Grant Italian Council X edizione. Oltre a svolgere attività di curatela indipendente, collabora con riviste di settore. Nel 2023 pubblica per postmedia books Endless Residency. Un osservatorio sulla mobilità artistica. 

ARTRIBUNE srl – Via Ottavio Gasparri- 13/17 – 00152 Roma

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.