mercoledì, Luglio 17, 2024
Home > Abruzzo > Genesi, all’Aurum di Pescara la mostra di Bruno Di Pietro

Genesi, all’Aurum di Pescara la mostra di Bruno Di Pietro

genesi

Genesi, all’Aurum di Pescara la mostra di Bruno Di Pietro

di Goffredo Palmerini

PESCARA – Ha preso il via ieri 16 giugno alle ore 17:30 a Pescara, Museo Aurum – Largo Gardone Riviera, la 36^ Mostra personaleGENESI: 1,2,6,7,8” del pittore e scultore BRUNO DI PIETRO. Con un tema di grande suggestione, l’Arca e il Diluvio universale, l’esposizione si dispiega in 30 opere a tema di piccola e media dimensione in tecnica mista, oltre ad alcune installazioni lignee. Al vernissage relazionerà ALESSANDRO MASI, storico dell’arte, scrittore e giornalista. Interverranno con brevi comunicazioni GAETANO BASTI, editore della rivista D’Abruzzo; REMO DI LEONARDO, giornalista e poeta dialettale; RENATO MARINI, artista e gallerista; EUGENIO CANCELLI, architetto; FRANCA DI BELLO, artista. Modera la giornalista MILA CANTAGALLO. La mostra è accompagnata da una presentazione a stampa con testo critico di Alessandro Masi e un contributo di Armando Ginesi, oltre a note biografiche e professionali dell’Artista.

L’artista abruzzese, con trascorsi a Milano, Parigi e Venezia, in 50 anni di attività ha realizzato circa 4.000 lavori originali tra dipinti, sculture (bronzo, acciaio, marmo, pietra della Maiella, plex, legno), installazioni, composizioni, disegni e grafiche. Tutta la produzione di Bruno di Pietro è catalogata e archiviata in 7 periodi ben definiti tra luoghi, temi, tecniche e modus pingenti. Sempre singolari ed intriganti le tematiche trattate dall’artista nelle sue mostre personali, con un ampio ventaglio di opere esposte.

In una densa recensione critica sull’arte di Bruno Di Pietro, sul suo eclettismo, sulla sua straordinaria “coscienza attiva, capace di rendersi liricamente composta, ma anche ipoteticamente ribelle, come quando si pone di fronte ai grandi temi della nostra epoca parlando di Covid, di ambiente, di crisi energetica, di catastrofe naturale, di fine dell’universo”, così tra l’altroannota Alessandro Masi: “C’è un tempo unico, un insieme, un filo genetico che tiene legata dall’inizio alla fine tutta la produzione artistica di Bruno Di Pietro, quasi fosse una traccia, una cifra individuale che fa di tutte le sue opere un unico racconto, una raccolta strutturata, esplicita e coerente […]. Bruno Di Pietro è un artista con una lunga storia alle spalle che inizia dai lontani anni ’60 all’ombra di grandi maestri come Pompeo Borra e che matura con il passare dei decenni (anche sul piano internazionale con i suoi frequenti viaggi) in un percorso intimo sempre più originale e distinto dagli altri grazie alla sua ansia di sconfinamento. […] La sua pittura è metafisica come quella di Mondrian, ma leggiadra come quella di Legèr; distribuisce lo spazio per masse sinfoniche come Malevič, ma poi ironizza il tempo come Depero: è uno Schönberg e uno Stravinskij insieme. In altre parole, Bruno Di Pietro vive il rischio della pittura con la consapevolezza della caduta e della salvezza, della finitudine del gesto e dell’ampio orizzonte a cui destinarlo, del tempo finito e quello che potrebbe ancora proseguire verso un Altrove […]”.

Bruno Di Pietro, artista versatile e dall’ingegno multiforme testimoniato dalla sua creatività anche in campo poetico, così sottolinea in prefazione sulla mostra GENESI: I lavori qui in mostra sono l’input che è riuscito a darmi una ciotola d’ulivo palestinese trovato curiosando in un mercatino di Natale qualche anno fa. L’oggetto, qui esposto, si può benissimo qualificare come una scultura lignea; essa si presenta come un lavoro artigianale. Ma non starei qui a raccontare se la natura non si fosse divertita a disegnare, nell’incavo della ciotola, meravigliose illusioni ottiche con animali che mi ricordano le figure rupestri. Osservando attentamente l’incavo, da un lato ci trovo tratti di testa di leone in fase d’attacco. Al lato opposto vi è la testa di un cavallo imbrigliato ma molto figurativo. Insomma un capolavoro ligneo, che mi esonda nell’immaginario. Spinto da tale visione artistica elaboro in pochi attimi visioni fantastiche con scene bibliche. La fantasia ripercorre tempi atavici con quel Noè uomo prediletto da Dio che, in previsione di un diluvio universale, costruisce l’Arca dove imbarcare ogni coppia possibile di animali di quel tempo e luogo. Tutto ciò mi ha portato ad una rilettura della Genesi e suggerito una mostra a tema e, in qualche modo, a riprodurre l’Arca in miniatura. E così con ritagli di legno brasiliano (Lapacho), guidato da esperienze compositive acquisite nel tempo e spinto da un vago intuito, vado a raccontare in sintesi alcuni versetti della Genesi”.

Riguardo i lavori esposti Bruno Di Pietro annota: “Noi contemporanei, esseri stressati con specifico riferimento ai creativi, possiamo dire e dare nel campo delle arti in generale solo “l’essenziale”, cioè una vaga idea di ciò che vorremmo rappresentare, a differenza delle storiche opere del glorioso Rinascimento. Certamente le opere con dimensioni importanti fanno scenografia e destano meraviglia. Ma nell’arte visiva, come nella poesia, per un artista basta quel poco, ma intenso, per rappresentare ed esprimere ciò che si vorrebbe comunicare: “l’urlo” di Munch ne è un esempio (cm. 83×66), così come “M’illumino d’immenso” di Giuseppe Ungaretti. I miei lavori a tema sulla Genesi sono di media e piccola dimensione, realizzati ad olio su tela e resine varie su foglio di alluminio, altre su lastre di vetro trasparente a cristalli liquidi. Quel poco che vi ho materializzato – aggiungeDi Pietro – seppur nella sua semplice essenzialità dovrebbe presuntuosamente dare l’input a chi guarda di ciò che voglio dire, sta poi a questi se coinvolto emotivamente darsi in qualche modo (aggiungere) tutto ciò che non c’è, che non si vede che manca ma forse si avverte e se lo trovi ti lascia una sensazione di benessere che spinge a possedere l’opera. Nel mio diluvio, tra le onde non ci sono corpi sparsi come nelle incisioni del Doré, ma tu avverti la tragedia, la paura, morte e distruzione tra il fragore delle onde, perché sai che quell’opera è lì a rappresentarmi il diluvio universale. Ed è così che l’opera si completa a propria immagine e somiglianza e valutata in qualsiasi modo la si voglia intendere. Questa riflessione – conclude l’Artista – potrebbe essere uno dei tanti aspetti del perché l’arte visiva contemporanea per molti rimane un enigma. E comunque non è un dogma.”

Bruno Di Pietro è natonel 1947 a Manoppello, in provincia di Pescara. Pittore poliedrico, è in continua ricerca di tematiche da esplorare, di tecniche pittoriche e di materiali da utilizzare. Artista non facile e non incline a discipline e sottomissioni alle accademie, spirito libero e generoso, intuitivo, osservatore attento, estrapola ed assorbe ogni positività che lo circonda. Nel 1969 emigra in Svizzera, ma nel 1970 già rientra in Italia e si stabilisce definitivamente a Milano, dove frequenta l’Accademia di Brera (1971-’73) con il Prof. Pompeo Borra. Nel 1971 stipula un contratto con la Galleria delle Orsole, situata nei pressi della Borsa, nel cuore finanziario della città, dove peraltro espone la sua prima importante mostra personale, curata da Patrizia Bonetti e Antonino De Bono. Gli anni successivi lo portano a Parigi, per un lungo periodo. Nella capitale francese frequenta la “Maison Americaine” in Boulevard Raspail e qui apprende le tecniche della gravure, l’incisione. In un’antica stamperia di Montparnasse collabora e segue le tecniche della serigrafia. Realizza in estemporanea una serie di dipinti e acquerelli al latte, oggi presenti in collezione, a Milano e Parigi. Si sposta in diverse città europee, visitando mostre e musei, lasciando in particolare alcuni suoi lavori in gallerie di Bruxelles, Charleroi, St. Moritz e Baden. Rientrato a Milano, forte delle esperienze acquisite, apre uno studio d’arte, dapprima in via Claudiano e poi in Corso Sempione 17.

Una lunga serie di eventi, premi, mostre collettive e personali connotano l’attività dell’artista, in gallerie e in prestigiose ambientazioni di Milano, ma anche in altre città d’Italia e all’estero, che qui sarebbe lungo e pedante elencare. Soggiorna a Londra, Vienna e Bratislava. Spesso è a Venezia, dove realizza diversi disegni e lavori ad olio, in estemporanea. Dal 1980 al ’90 suoi lavori vengono esposti in fiere campionarie a Milano, Monza, Palermo, Roma, Napoli e Lucerna, a cura di Paolo Colombo. Nella sua attività, a volte frenetica, non tralascia l’Abruzzo, sua terra d’origine, dove periodicamente porta le sue opere in esposizione. Attualmente, in contemporanea con la mostra Genesi a Pescara, l’artista espone al Museo Michetti a Francavilla al Mare, ospite del MuMART, e al Centauro di Chieti. Diversi premi gli sono stati tributati in riconoscimento per l’attività e l’eccellenza artistica delle opere. Bruno Di Pietro è socio fondatore dal 2016 del Contemporary Art Group ATMOSFERA 7. La sua pittura, negli ultimi anni, spazia nell’impressionismo.

Al vernissage della Mostra, domenica 16 giugno ore 17:30, cureranno le riprese i videomaker Nicola Genovesi e Massimo Cavuto, e il servizio fotografico Maurizio Alfonso e Tonino Iacone. Dopo l’inaugurazione è offerto un rinfresco dalle cantine Lampato di Pianella. L’ingresso in Mostra è libero, l’apertura dalle ore 9:00 alle 20:00. Per informazioni e appuntamenti: 333 5957400 – 085 454 9508.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net