sabato, Luglio 13, 2024
Home > Abruzzo > Sulmona, Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)- la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila annuncia la prossima tutela dell’area di Case Pente con il vincolo culturale.

Sulmona, Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)- la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila annuncia la prossima tutela dell’area di Case Pente con il vincolo culturale.

La Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila ha risposto (nota prot. n. 9480 del 24 giugno 2024) all’istanza (28 maggio 2024) dell’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) finalizzata alla tutela dell’area di Casa Pente (Sulmona) con il vincolo culturale (artt. 10 e ss. del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), nonché l’emanazione di misure preventive e cautelari per i beni culturali interessati.

Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)-

La Soprintendenza aquilana ha reso noto che “sono state avviate, a marzo 2023, le indagini di archeologia preventiva … nell’area in loc. Case Pente, interessata dalla realizzazione del ‘Progetto centrale di compressione gas e quattro linee collegamento’ da parte di Snam Rete Gas, in ottemperanza alle prescrizioni riportate nel Decreto VIA n. 70 del 7-3-2011”.   

Lo svolgimento di tali indagini ha portato, fra l’altro, all’individuazione di un edificio rustico “al momento parzialmente riportato alla luce” da tutelare e conservare “mediante l’integrale mantenimento in situ”, come già disposto dalla Soprintendenza stessa.

Essendo ancora in corso le analisi del caso, “ulteriori prescrizioni saranno incluse nei provvedimenti di assoggettamento a tutela dell’area interessata dal rinvenimento, a seguito di avvio del procedimento di dichiarazione di cui agli articoli 12 e 13 del D. Lgs. 42/2004, che è intenzione di questa Soprintendenza intraprendere al termine delle indagini complete dell’edificio la cui estensione ricade anche in area non ricompresa tra quelle di proprietà di Snam Rete Gas.  Non sarebbe infatti funzionale alle esigenze di tutela l’apposizione di un vincolo parziale di un complesso esistente e noto, escludendone le porzioni non ancora indagate”.

Si deve, quindi, attendere l’individuazione di un’area da tutelare con vincolo culturale ben più ampia dei ritrovamenti oggi visibili e, in ogni caso, “i beni archeologici, una volta riportati alla luce, sono comunque tutelati per legge e sottoposti alle misure del Codice dei Beni Culturali, anche in assenza di un provvedimento espresso; eventuali interventi dovranno sempre essere autorizzati ai sensi degli artt. 21 e 22 del D. Lgs. 42/2004”.

Insomma, a breve dovrebbe esserci un’efficace tutela del patrimonio culturale dell’area.

Si ricorda che nella zona di Case Pente, in Comune di Sulmona, nel corso del tempo sono state rinvenute  durante l’effettuazione di lavori stradali (anni ‘60 e ‘70 del secolo scorso) diverse sepolture di epoca romana (III-IV sec. d.C.) e l’iscrizione nota come dei Callitani, oggi esposta al Museo Archeologico di Sulmona, nelle vicinanze (Colle Macerre) altri sarcofaghi di epoca romana, mentre sono presenti la Chiesetta rupestre di S. Angelo in Vetulis, fra i più antichi esempi dell’architettura e dell’arte alto-medievale in Abruzzo, e, nella contigua Valle del Torrente Vella, un possente muro di terrazzamento di epoca risalente con i resti di un’articolata e ampia struttura di epoca romana, probabilmente una villa del I sec. a. C., una parte della quale venne trasformata nella Chiesetta rupestre di San Leopardo.

Negli anni scorsi (nota prot. n. 6949 del 28 agosto 2008) l’allora Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo aveva espresso forte contrarietà nei confronti dell’apertura di una cava in loc. Case Pente, “in quanto i lavori di estrazione verrebbero a interferire pesantemente con un complesso archeologico fra i più importanti e inediti dell’area peligna, che cela i resti di un insediamento vasto e articolato, con tracce della viabilità, dell’abitato, della necropoli”.

Il GrIG esprime soddisfazione per l’intervento della Soprintendenza aquilana e del Ministero della Cultura, perché il sito rischia di esser stravolto dal progetto della centrale di compressione del gas naturale del Gruppo Snam s.p.a., a servizio del gasdotto “Rete Adriatica”, noto come il gasdotto dei terremoti, visto che – incredibilmente – va a attraversare pesantemente buona parte dell’Appennino, fra le are a maggior rischio sismico d’Europa.

Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)

Sede: Via Grazia Deledda n. 39, Cagliari. Telefono 345-0480069;

Per segnalazioni o informazioni: grigsardegna5@gmail.com;

SPORTELLO VERDE presso la nostra sede previo appuntamento.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) è un’associazione ecologista nata a Cagliari nel giugno 1992 e opera in via autonoma, su segnalazione di associazioni, comitati, singoli cittadini. La nostra attività è improntata all’utilizzo dello “strumento diritto” per difendere il territorio e le sue valenze ambientali, naturalistiche, paesaggistiche, archeologiche, storiche e culturali dagli attentati che quotidianamente vengono portati avanti da speculatori, inquinatori e, purtroppo, da amministratori pubblici insensibili, poco accorti o, addirittura, conniventi.

E’ associazione di protezione ambientale riconosciuta (art. 13 della legge n. 349/1986) con D.M. Ambiente n. 203 del 18 luglio 2016, comunicato sulla Gazzetta Ufficiale, serie generale, n. 180 del 3 agosto 2016. Riconoscimento confermato con D.M. Transizione Ecologica n. 76 del 15 febbraio 2022.

In pochi anni il Gruppo d’Intervento Giuridico ha svolto:

* oltre 3.500 azioni legali ed iniziative varie a favore del patrimonio ambientale e storico-culturale italiano (più di 1.200 per la difesa delle coste);

* in più di 3.000 casi ha ottenuto l’intervento delle varie amministrazioni pubbliche competenti e/o della magistratura;

* 85 ricorsi ai Giudici amministrativi e speciali;

* 35 costituzioni di parte civile in procedimenti penali;

* numerose denunce ed iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica grazie a mezzi di informazione nazionali.

Parallelamente all’azione legale diretta, svolgiamo un’approfondita attività di studio delle principali tematiche ambientali e teniamo ogni anno corsi e seminari di diritto ambientale finalizzati a diffondere il più possibile l’utilizzo del diritto per conseguire una migliore qualità della vita.    Abbiamo aperto lo Sportello Verde per offrire un servizio in favore di cittadini, comitati, amministrazioni pubbliche.  Inoltre, accompagniamo visitatori di ogni età lungo il sentiero storico-naturalistico della Sella del Diavolo a Cagliari.

Collaboriamo con varie Associazioni e Comitati ambientalisti e sosteniamo, inoltre, le campagne anti-bracconaggio promosse dalla Lega per l’Abolizione della Caccia

Il Gruppo d’Intervento Giuridico è attualmente così strutturato (assemblea del 15 dicembre 2023):

presidente onorario: Gian Carlo Fantoni;

* presidente: Stefano Deliperi;

* consiglio direttivo: Roberta Aresu, Claudia Basciu, Rita Pirino, Juri Iurato, Manrico Bendinelli, Andrea Bazzini, Carlo Colapinto, Stefano Deliperi;

* Sede regionale Marche: coordinatore Ferruccio Cucchiarini;

* Sede regionale Toscana: coordinatrice Donatella Mercatelli; Presidio Apuane (Massa, Carrara, Lucca): Alberto Grossi; sede locale Arezzo-Valdarno Superiore: Roberto Russo;

* Sede regionale Umbria: coordinatore Stefano Luchetti;

* Sede regionale Veneto: coordinatore Manuel Zanella;

* Sede regionale Campania: coordinatore Livio Marrocco;

* Sede regionale Abruzzo: coordinatrice Giovanna Margadonna;

* Sede regionale Lazio: coordinatore Daniele Natili; Sede Roma Capitale: Cristiana Mancinelli Scotti;

Annunci

file:///about/blank Segnala questo annuncioPrivacy

* Sede regionale Emilia-Romagna: coordinatrice Rossella Ognibene;

* Sede regionale Piemonte: coordinatrice Maria Cariota; Sede provinciale Asti: Alessandro Mortarino;

* Sede regionale Lombardia: coordinatrice Katia Impellittiere; sede provinciale Sondrio: Zinia Dolgetta;

* Sede regionale Puglia: coordinatore Filippo Colapinto (sede in Via Argiro n. 7 – Bari);

* Sede provinciale Oristano: Luciana Miglior;

* responsabile Sportello Verde: Claudia Basciu;

* coordinatore programma escursionistico Sella del Diavolo: Antonello Fruttu;

* componente Commissione di riserva dell’Area Marina Protetta dell’Asinara: Simonetta Bullitta (D.M. 28 dicembre 2018, n. 355);

* componente Comitato regionale faunistico della Sardegna (decreto Assessore Difesa Ambiente R.A.S. n. 688/3 del 28 gennaio 2020); Paolo Fiori.

Descrizione: https://gruppodinterventogiuridicoweb.com/wp-content/uploads/2011/05/anatre_in_volo.gif