lunedì, dicembre 11, 2017
Home > Abruzzo > Uil PA Abruzzo: incontro con il ministro Orlando su affollamento carceri e carenza personale

Uil PA Abruzzo: incontro con il ministro Orlando su affollamento carceri e carenza personale

A margine della manifestazione sulla presentazione del libro di Michele Fina la Uil Abruzzo, rappresentata dai diversi dirigenti facenti capo ai vari quadri confederali, ha avuto modo di interloquire con il Ministro della Giustizia Andrea Orlando e scambiare alcuni pareri sulle questioni che afferiscono il dicastero da luil rappresentato, tra i quali la situazione riguardante la polizia penitenziaria e la questione tribunali.
“Le risposte date sono state tutte apprezzate e condivise – afferma Mauro Nardella segretario generale territoriale Uil PA Polizia penitenziaria – Quanto è stato fatto dal Ministro su alcune questioni quali la cancellazione dell’onerosità degli alloggi nelle caserme, il riallineamento degli appartenenti al Corpo di Polizia penitenziaria con quelli della Polizia di Stato e l’intervento fatto e dalla Uil auspicato circa la revisione delle politiche sull’utilizzo di personale nelle sedi extramoenia, favorendo più l’utilizzo dello stesso negli istituti di pena che nei palazzi del potere, rappresenta un autentico inno alla pragmaticità”.
Il segretario generale territoriale Uil PA Polizia aquilano si ritiene soddisfatto dall’incontro e sottolinea “Molto resta da fare ma è davvero un ottimo inizio. I presupposti per l’implementazione di politiche volte al soddisfacimento delle aspettative della Polizia penitenziaria ci sono tutti, non ultima la questione riguardante la vigilanza dinamica la quale, tuttavia, non potrà essere affrontata se non dopo aver bene ascoltato le Organizzazioni sindacali di categoria che su questa nuova forma di gestione dei detenuti ha molto da ridire viste le innumerevoli aggressioni subite negli tempi. Sulla questione dei tribunali sembra non esserci stata una totale preclusione ad una revisione delle politiche ti chiusura dei 4 tribunali abruzzesi. Bisognerà presentare valide proposte entro il 2020 e che la Uil, ovviamente, non mancherà di proporre” – conclude Nardella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: