martedì, luglio 16, 2019
Home > Marche > Quanti marchigiani si ricoverano in ospedale e perché. I numeri e le differenze tra le province

Quanti marchigiani si ricoverano in ospedale e perché. I numeri e le differenze tra le province

< img src="https://www.la-notizia.net/ospedale" alt="ospedale"

Ancona – Gli italiani si ricoverano sempre meno. Come mostra il Rapporto annuale sull’attività di ricovero ospedaliera, il numero totale di dimissioni è diminuito del 2.62%, passando dai 9.305.006 del 2015 ai 9.061.064 del 2016. Tradotto: mediamente si verificano circa 670 ricoveri in meno ogni giorno. Un dato, questo, che però potrebbe scendere ancora. Specialmente sotto il profilo della prevenzione si potrebbe ancora fare molto. Ma quali sono le cause più comuni dei ricoveri nelle Marche e in quali provincia si ricorre spesso all’attività ospedaliera? La prima provincia è Pesaro/Urbino con 183,44 ricoveri ogni 10 mila abitanti in un anno. La provincia è la quinta in Italia per ricorso all’ospedale. Per Ancona abbiamo questo tasso: 152,64 ogni 10 mila residenti. Viene poi Macerata con 143,80, Ascoli Piceno con 138,08 e per ultimo Fermo dove forse si preferiscono altre strade prima dell’ospedale, visto che il tasso è di 127,42 ed è uno degli ultimi nella graduatoria delle province. Ma vediamo i motivi dei ricoveri. Come nella maggioranza delle province a Pesaro/Urbino il 45,96% dei pazienti si è ricoverato per scompenso cardiaco; per il 19,24 % la causa è broncopneumopatia cronica. Terza causa frattura del collo del femore per il 16,41%. Provincia di Ancona: scompenso cardiaco per il 31,17%, frattura del collo del femore per il 15,16 e poi interventi di sostituzione per il 14,68%. A Macerata la causa prima è anche qui lo scompenso cardiaco per il 28,91% seguito dalla frattura del collo del femore con un 16,41% e interventi di sostituzione con il 13,04%. A Fermo è diversa la principale causa che in questo caso è frattura del collo del femore per il 15,84% seguita dalla colecistectomia per il 12,12% e poi per interventi di sostituzione con il 12,01%. Lo scompenso cardiaco ha interessato “solo” il 10,81% dei ricoveri. Ad Ascoli Piceno invece è  al primo posto con il 22,25% Segue la frattura del collo del femore,15,37% e poi anche qui, la colecistectomia con il 13,94%.  La provincia proporzionalmente con più ricoveri è Trieste con 205 ogni 10 mila abitanti. L’ultima in Italia è Isernia con 109 ogni 10 mila residenti.

 

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: