lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Abruzzo > SANITA’: PAOLUCCI REPLICA A FEBBO SU TAVOLO MONITORAGGIO

SANITA’: PAOLUCCI REPLICA A FEBBO SU TAVOLO MONITORAGGIO

< img src="https://www.la-notizia.net/eden" alt="eden"

PESCARA –  “I casi sono due: o il consigliere Mauro Febbo non sa leggere i verbali del Tavolo di Monitoraggio, non essendosi mai occupato di sanità, oppure strumentalmente fa finta di non saperli leggere”. Lo afferma l’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, replicando all’esponente di Forza Italia e in particolare sui 69 milioni e 700mila euro riconosciuti alla Regione Abruzzo per gli adempimenti Lea (i livelli essenziali di assistenza) del 2015.

“Febbo sa benissimo – spiega Paolucci – che le verifiche sugli adempimenti Lea avvengono a distanza di 24 mesi dal periodo a cui si riferiscono, tanto è vero che tutte le Regioni (quelle ovviamente più virtuose) sono alla verifica dei Lea del 2015. Del resto, quando lo stesso Febbo lasciò il governo della Regione nel 2014, l’Abruzzo era ancora inadempiente rispetto ai Lea del 2011. In questo verbale, invece, come ampiamente dimostrabile dalla lettura dei documenti, viene riconosciuto alla Regione non solo un valore molto positivo dei Lea, ma anche un miglioramento della qualità delle cure. Di qui la premialità di 69 milioni e 700mila euro, che i tecnici chiamano ‘residui 2015’, e che spettano proprio quando si è adempienti rispetto agli obiettivi fissati”. Sui Lea c’era stato uno scontro in Consiglio regionale tra l’assessore e il consigliere di minoranza.

“Mi attendo anzi le scuse da parte di Febbo – conclude Paolucci – perché proprio in Aula, ed è ai verbali della seduta, disse che avrebbe voluto vedere come avremmo risolto il nodo dei Lea. Questo governo regionale lo ha risolto ed ha ottenuto un punteggio pari a 182, mai raggiunto dall’Abruzzo. D’altra parte come non ricordare che Febbo fu quello che propose al posto del Cardiochirurgico di Chieti (un polo da 12mila metri quadrati, da noi aperto e attrezzato), un centro studi per gli anziani”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *