venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Abruzzo > Teramo, la Riccitelli sposta la stagione di prosa al Palazzetto di San Nicolò

Teramo, la Riccitelli sposta la stagione di prosa al Palazzetto di San Nicolò

Teramo – La Riccitelli sposta la sua Stagione di Prosa al Palazzetto dello Sport di San Nicolò a Tordino.

Stante il perdurare dell’impedimento all’accesso al Teatro Comunale di questa città e in attesa che l’incredibile vicenda si risolva nelle sedi legali deputate, squadre di tecnici ed esperti sono al lavoro da settimane su incarico della Società: prima per individuare il luogo più idoneo a ospitare una Stagione con titoli e ospiti prestigiosi, poi per renderne possibile l’attuazione senza limitazioni o disagi per gli attori e per il pubblico.

Immediata e convinta, e pertanto ancor più significativa, la disponibilità del mostro sacro del teatro italiano, Gabriele Lavia, che tra pochi giorni aprirà la Stagione 2017/2018 con il suo celebre e collaudato spettacolo “Il Sogno di un uomo ridicolo”.

“Non portiamo il nostro pubblico in un Palazzetto dello Sport, ma proviamo a portare il Palazzetto dello Sport a teatro – ha spiegato il Presidente della Riccitelli Maurizio Cocciolito – cioè, fuor di metafora, stiamo facendo e faremo quanto necessario per rendere compatibile quello spazio con lo spettacolo teatrale, per rendere il più possibile accogliente e funzionale quella struttura, per offrire al teatro uno spazio diverso, per continuare ad affascinare ed emozionare, certi che la magia del teatro è frutto di quella tensione che si crea tra attori e pubblico e che quando si spengono le luci tutto il mondo si eclissa e quello che conta davvero avviene sul palcoscenico che diventa tutto il mondo. E questo mondo non può soffocarlo nessun divieto e non abita solo la casa di qualcuno che delle chiavi ha fatto muro.”

Nel corso dei prossimi giorni la Riccitelli sarà a disposizione di quanti vorranno delucidazioni e chiarimenti, illustrando i dettagli tecnici e le caratteristiche del teatro che si andrà a creare in un ambito e con modalità sicuramente inconsuete ma non per questo meno funzionali o accattivanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *