mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Abruzzo > Atri, nuovo sopralluogo alla frana di Casoli

Atri, nuovo sopralluogo alla frana di Casoli

Predisposto piano interventi per messa in sicurezza dell’area

Atri – Un nuovo sopralluogo è stato effettuato ieri mattina nella zona della frana che dal gennaio 2017 ha costretto circa 12 famiglie che risiedevano in due palazzine e tre case singole a lasciare le proprie abitazioni nella frazione di Casoli di Atri. Alla presenza di tutti gli attori interessati sono stati visionati i progetti preliminari predisposti dai tecnici ed è stato stilato un primo piano di interventi che prevede la messa in sicurezza del tratto di Strada Provinciale 27 con lavori di drenaggio ed opere rigide di contenimento (paratie di pali) e terre armate per la riprofilatura del versante.

I fondi sinora disponibili sono 850 mila euro, disposti dalla Regione Abruzzo, mentre altre risorse arriveranno dalla Protezione Civile, dalla Regione e dalla Provincia. Si continuerà, inoltre, a monitorare tutta l’area interessata dal movimento franoso.

Tra i presenti il sindaco della città ducale, Gabriele Astolfi; l’assessore all’urbanistica Domenico Felicione; il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca; il Professor Sandro Moretti del Dipartimento Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Firenze; i referenti della Protezione Civile Regionale e Nazionale coordinati rispettivamente da Antonio Iovino e Paolo Marzan, oltre al consulente della Protezione Civile Regionale, professor Nicola Sciarra e i tecnici incaricati dal Comune di Atri: il geologo Angelo Iezzi e il progettista ing. Pierantonio Cascioli.

Questo ulteriore sopralluogo – commenta il sindaco di Atri, Gabriele Astolfiricorda quanto sia urgente e sentita la messa in sicurezza di tutta l’area e il poter garantire alle famiglie interessate di poter rientrare nelle proprie abitazioni quanto prima e la sicurezza della rete viaria del tratto interessato. Ringrazio tutte le figure coinvolte con le varie professionalità per la risoluzione di questo problema. L’auspicio è che i tempi siano celeri soprattutto data l’incombenza di un nuovo inverno”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *