martedì, Novembre 24, 2020
Home > Abruzzo > Tortoreto, incendio nella cucina di uno stabilimento balneare

Tortoreto, incendio nella cucina di uno stabilimento balneare

Nella tarda serata di ieri, una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Nereto, è intervenuta a Tortoreto, a seguito di un principio di incendio, avvenuto nella cucina di uno stabilimento balneare.

Giunti sul posto i vigili del fuoco verificavano che in prossimità di una friggitrice ad olio, si era sviluppato un principio di incendio, che aveva interessato la stessa friggitrice, il piano cottura e la cappa di aspirazione. I vigili del fuoco accedevano nella cucina e spegnevano velocemente le fiamme ancora attive, utilizzando un estintore ad anidride carbonica.

Successivamente si utilizzava un motoventilatore per favorire l’evacuazione del denso fumo, che aveva invaso il locale e si bloccava l’alimentazione del gas. Il titolare dello stabilimento, che in quel momento si trovava nel locale insieme ad alcuni ospiti, faceva presente che inizialmente le fiamme si erano sviluppate dall’olio  surriscaldato contenuto nella friggitrice e che aveva tentato di spegnerle prima con un estintore a povere e poi con l’acqua, senza riuscirci.

Anzi, subito dopo aver utilizzato l’acqua, l’olio bollente schizzava violentemente fuori dalla friggitrice e le fiamme si espandevano tutto intorno. Nelle operazioni di intervento veniva impiegata una squadra composta da cinque vigili del fuoco, con un’autopompa e un’autobotte in supporto, partita dal Comando di Teramo.

I vigili del fuoco raccomandano, in caso di necessità, di non utilizzare mai l’acqua per spegnere incendi di olio caldo, in quanto si otterrebbe l’effetto contrario, con le fiamme che tenderebbero ad espandersi rapidamente.

In questi casi è consigliabile l’uso di estintori di Classe “F”, come quelli a schiuma, di coperte ignifughe e, ove possibile, semplicemente coprendo l’apparecchiatura o il pentolame in cui si sono sviluppate le fiamme con il coperchio in dotazione.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *