giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Abruzzo > Elezioni, Etica per Alba: garantire la sicurezza e rilanciare il turismo

Elezioni, Etica per Alba: garantire la sicurezza e rilanciare il turismo

Alba Adriatica – Continuano senza sosta le riunioni di Etica per Alba, il movimento civico creato da Gabriele Viviani, per definire una serie di punti programmatici in vista delle prossime elezioni amministrative. La macchina dell’ex assessore Pd si è messa in moto da tempo. Dopo aver valutato la situazione di difficoltà in cui versa la cittadina albense e l’incertezza politica del periodo, Viviani è sceso in campo in prima persona con una lista e con l’ormai certa candidatura a sindaco.

Sicurezza e turismo sono solo due dei punti chiave su cui si concentra l’attenzione di Etica per Alba. “Il contrasto ai fenomeni devianti necessita di una svolta – è quanto afferma Viviani – microcriminalità, commercio abusivo e spaccio di droga si sono diramate sul territorio. Se vogliamo dare una risposta efficace è necessaria una collaborazione attiva con gli organi preposti”.

Etica per Alba punta così all’attivazione di un numero verde, diretto e gestito dall’ufficio della polizia locale, in grado di stabilire un contatto attivo con la situazione segnalata. Il cittadino da soggetto passivo diventa una presenza in difesa del territorio, capace di attivare l’attività sinergica delle autorità locali e delle forze dell’ordine su situazioni di pronto intervento.

“Si tratta – spiega Viviani – di una nuova responsabilità civica che permette di qualificare l’azione di controllo e la difesa della collettività. In questo modo i cittadini avvertono la sicurezza di aver avviato un’azione corale di difesa e di partecipazione al territorio”.

Etica per Alba lancia altresì l’idea di “Polis del turismo” con l’intento di ragionare di economia turistica su diversi piani di intervento. “Il progetto – spiega Viviani – aspira a mettere in relazione le infrastrutture naturali e civili che attraversano lo spazio di Alba Adriatica: litorale; lungomare; zona commerciale/residenziale; statale adriatica. E’ importante – continua – intervenire sui vari fronti, uno di questi riguarda il problema dell’erosione chiamando in causa la grande assente di questi anni, la Regione Abruzzo, che deve farsi carico di un Piano di studio e di una strategia di intervento sulla macro-zona”.

L’invito di Etica per Alba è chiaro: un coinvolgimento dei luoghi, delle persone e delle attività, un lavoro di concerto tra gli operatori e i cittadini affinché il turista possa vivere ogni zona della cittadina a cui legare un’esperienza musicale, sportiva, culturale, di semplice rigenerazione psico-fisica.

Altro tema, gli eventi estivi. Il movimento lancia l’idea di un Ente Manifestazioni plurale, priva di conflitti di interessi, proiettato alla costruzione di un cartellone eventi con l’ambizione di un’offerta turistica adriatica originale. “Gli obiettivi sono possibili e realizzabili con strategie chiare che possono passare anche attraverso strumenti come la tassa di soggiorno che verrebbe a configurarsi come un patto per lo sviluppo” conclude Viviani.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net