giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Marche > Ascoli, fissata per il 10 maggio udienza per ricorso pilota contro tassa di Bonifica

Ascoli, fissata per il 10 maggio udienza per ricorso pilota contro tassa di Bonifica

< img src="https://www.la-notizia.net/consorzio" alt="consorzio"

“Siamo alla fase decisiva. Il 10 maggio è fissata l’udienza in Commissione Tributaria di Ascoli Piceno. Il ricorso pilota presentato chiede di dichiarare illegittimo il contributo di bonifica; di fatto una tassa sulla proprietà fondiaria. La sentenza sarà di “scuola”; un pronunciamento con importanti e vaste ricadute.

Confidiamo che la Commissione Tributaria valuti attentamente le motivazioni del ricorso, in punta di diritto, mettendo al centro il cittadino e non trattandolo come suddito.

Sul vergognoso balzello i cittadini sono fortemente indignati; nessun intervento, nessun investimento del Consorzio di Bonifica Marche su terreni, strade, fossi sottoposti a dissesto ed a degrado per intemperie;  oltre tutto nessuna sensibilità è stata manifestata dal Consorzio di Bonifica Marche per i proprietari di immobili  agricoli e rustici delle aree del cratere sottoposti anche loro a questa vergognosa tassa.

La illegittimità del contributo richiesto lo svela lo stesso Consorzio di Bonifica Marche quando nel piano di classifica degli immobili scrive “ l’approccio all’attuazione del  programma consortile è di tipo empirico in quanto non muove da una preliminare rilevazione dello stato dell’arte del reticolo idrografico che comporterebbe, per questa attività ricognitiva, un ingente impegno di risorse”.

Di fatto il Consorzio di Bonifica applica un contributo generico autocertificando formalmente la illegittimità del contributo richiesto; un autentico autogoal.

La sentenza di Cassazione a Sezioni Unite 8960/96 dice chiaramente che “il contributo non può essere generico ma occorre un incremento del valore del fondo in rapporto causale con l’opera di bonifica “.

L’Avv. FABIO LUZI ha scritto queste parole, nero su bianco, nel ricorso presentato e la cui udienza è fissata il 10 maggio dinanzi alla Commissione Tributaria di Ascoli Piceno.

Siamo fiduciosi nell’accoglimento del ricorso e nella dichiarazione di illegittimità della “tassa di bonifica”

 

 

 

 

SEGRETERIA PROVINCIALE

UGL