sabato, Gennaio 23, 2021
Home > Marche > ITI Urbano-ex mercato coperto: approvato schema di convenzione

ITI Urbano-ex mercato coperto: approvato schema di convenzione

Il “disegno” della nuova Fermo prende sempre più corpo. Sull’ITI Urbano per l’ex mercato coperto, infatti, l’iter procede speditamente. La Giunta Comunale ha deliberato in questi giorni l’approvazione dello schema di convenzione che disciplina i rapporti giuridici tra la REGIONE MARCHE, in qualità di Autorità di Gestione dei POR FESR ed FSE, e il Comune di FERMO in qualità di Organismo Intermedio (OI) finalizzato alla realizzazione degli Investimenti Territoriali Integrati (ITI) della Strategia di Sviluppo Urbano Sostenibile, cofinanziata dal Programma Operativo Regionale Marche FESR 2014-2020, e dal Programma Operativo Regionale Marche FSE 2014-2020. Schema di convenzione che prossimamente verrà sottoscritto dalle parti.

“Dopo Piazza Dante, la risalita, l’area Vallesi in corso di recupero, Piazzale Azzolino riqualificato, il Polo Museale ampliato, l’azione sul Fontevecchia, un altro passo importante – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro – è rappresentato dalla prossima firma della convenzione che prevede il contributo proveniente dalla Regione Marche di 3.500.000 euro per recuperare l’ex mercato coperto, per farne una vetrina, anche tramite start up giovanili, del nostro territorio e delle eccellenze, per fortificare ancora di più l’attrattività della città”.

“ITI Urbano – prosegue il Sindaco –  che prevede un finanziamento complessivo di circa 6 milioni di euro, somma veramente importante che la Regione ha voluto indirizzare su Fermo per cui va il nostro vero ringraziamento, che vedrà delle essenziali direttrici di investimento: una su tutti quella tecnologica, sulla segnaletica finalizzata al miglioramento della fruibilità turistica dell’intera città, l’altra molto importante relativa ai finanziamenti di oltre 1 milione di euro per start up giovanili, attività di ricerca, borse di studio e lavoro, work experience che interesseranno decine di giovani. E’ molto importante, infatti, poter dare nei prossimi anni una prospettiva di città a tanti giovani del territorio per non costringerli ad “emigrare” con l’effetto di impoverimento intellettuale della nostra Provincia. I tempi di realizzazione non saranno immediati, per i chiari vincoli burocratici e di appalto, tuttavia già nel 2019 potremo vedere in via di attuazione o realizzate parzialmente alcune di queste azioni migliorative visto che il finanziamento  deve essere speso per intero entro il 2021”.

Come si ricorderà, il progetto dell’ITI Urbano è stato presentato alla Regione Marche nel 2016 e finanziato a fine 2017 con un contributo complessivo di oltre 6 milioni di euro di fondi comunitari. Il progetto prevede sostanzialmente due grandi interventi. Il primo consiste in un finanziamento a fondo perduto (pari al 50% delle spese) rivolto alle imprese che, anche in collaborazione con Università e/o Centri di Ricerca, realizzeranno progetti di ricerca applicata e innovazione tecnologica. A tale misura sono inoltre affiancati 25 assegni di ricerca rivolti a giovani laureati che avranno la possibilità di fare esperienza nell’ambito di progetti innovativi concreti.

Il secondo grande intervento dell’ITI Urbano consiste nella ristrutturazione e nella rifunzionalizzazione dell’ex Mercato coperto che è destinato a diventare una nuova struttura polifunzionale in pieno centro storico. Allo stato attuale, del finanziamento complessivo più di 3 milioni di euro sono destinati al recupero di tale importante sito che, grazie ai fondi comunitari dell’ITI Urbano, potrà così essere restituito alla fruizione della città.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *