martedì, Aprile 20, 2021
Home > Marche > Rassegna G.B. Salvi, conversazioni sul ’68 a Sassoferrato con Maurizio Verdenelli

Rassegna G.B. Salvi, conversazioni sul ’68 a Sassoferrato con Maurizio Verdenelli

< img src="https://www.la-notizia.net/conversazioni" alt="conversazioni"

Conversazioni sul ‘68”. Non poteva non chiudere così a Sassoferrato la prestigiosa rassegna d’arte/Premio internazionale ‘G.B. Salvi’ numero cinquanta: rivisitando un periodo fondamentale nel secolo scorso, coevo alla fondazione del Premio, quando ‘il mondo fu in rivolta’ come scrisse Tiziano Terzani nel suo libro ‘In America’ (Longanesi editore): ma non solo negli States ed in Oriente, ma in Europa anche e soprattutto in Italia e naturalmente nelle Marche dove le università ‘arsero letteralmente’ al fuoco della contestazione studentesca. E pure nel Maceratese con l’occupazione dei due atenei, nel capoluogo e a Camerino che vent’anni dopo conobbe poi il fenomeno (unico prima di propagandarsi in tutta la Penisola) de ‘La Pantera’. Prendendo spunto, gli universitari camerinesi dalla vicenda di questo animale che importato abusivamente sul territorio, riuscì ad evadere ‘scampando’ poi sull’altopiano di Colfiorito dove fu oggetto di vaste battute da parte delle forze dell’Ordine e volontari, tuttavia senza esito. Sul caso Macerata, c’è da aggiungere, esiste anche un bel libro di un protagonista di allora, l’ex assessore provinciale alla Cultura Renato Pasqualetti (“Il mondo sottosopra”) a dimostrazione come il 1968 incise profondamente, seppure per breve tempo, anche nel tessuto dell’antica Universitas. E a Macerata fu provveditore agli studi, un dirigente di altissimo livello: l’abruzzese Aldo Tornese (che rilanciò la scuola dei Salesiani) passato poi a dirigere i provveditorati di Perugia, Milano e Roma prima di concludere la carriera come presidente di Corte dei Conti. Ebbene Aldo Tornese, prima a Perugia (caso Zibaldone) poi a Milano (dove esplose il più famoso ma successivo caso La Zanzara) fu al centro della nascita del Movimento studentesco. Spettò proprio a Tornese salvare dagli strali della Giustizia prima i redattori del giornale studentesco del Classico di Perugia, quindi quelli del giornale del Liceo lombardo ‘Parini’, cui storicamente si deve l’avvio della ‘Contestazione’.

Di tutto questo e altro parlerà sabato pomeriggio (ore 17) a Palazzo degli Scalzi, in piazza Gramsci a Sassoferrato, il giornalista Maurizio Verdenelli: “Quando l’Immaginazione andò al Potere (e ci rimase poco).

Sara poi la volta, il 13 ottobre, del docente dell’ateneo urbinate Dino Mengozzi sulla musica (e parole) del 68. Il trittico delle ‘conversazioni sul 68’ in attesa della cerimonia del premio G.B Salvi (che avverrà nella stessa giornata di sabato 20, ore 18.30) sarà affidata ad altri due docenti urbinati, Gastone Mosci e Sergio Pretrelli su Urbino e il ‘68.
Nell’organizzazione, a cura della Regione, del comune di Sassoferrato e di numerosi sponsor istituzionali, pure il docente dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, il prof. Riccardo Tonti Bandini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *