giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Marche > Qualità dell’aria e inquinamento. La situazione nelle località delle Marche

Qualità dell’aria e inquinamento. La situazione nelle località delle Marche

Ancona – Un report sulla qualità dell’aria presentato a settembre, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile con Enea e Ferrovie, mostra che l’Italia guida la classifica europea dei morti per inquinamento dell’aria con oltre 90.000 morti premature. Si tratta di 1.500 decessi per milione di abitanti, rispetto ai 1.100 in Germania, agli 800 della Francia e della Gran Bretagna, e ai 600 della Spagna. Ma è possibile scendere nel dettaglio dal punto di vista geografico con le rilevazioni delle stazioni di monitoraggio dell’aria su tutto il territorio nazionale. In questo caso, dal sito realizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e dal Laboratorio Nazionale Smart Cities del Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica (Cini) estrapoliamo i dati della regione Marche. Qui le stazioni sono 16. I valori della qualità dell’aria validati dalle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) fanno riferimento a 5 classi di giudizio che viene calcolato in base ad indicatori di legge: buona, discreta, mediocre, scadente, pessima. Alcune stazioni registrano il valore di mediocre: questo significa che l’inquinante peggiore ha raggiunto concentrazioni fino a una volta e mezzo il valore limite. Tra queste ci sono le stazioni di San Benedetto del Tronto, Ancona Cittadella, Falconara Scuola, Chiaravalle 2, Fabriano,Genga – Parco della Gola Rossa. Risultano invece di valore discreto, l’inquinante peggiore in questo caso ha raggiunto concentrazioni fino al valore limite consentito, le stazioni di Ripatransone, Ascoli Monticelli, Montemonaco, Civitanova Marche Ippodromo, Macerata Collevario, Jesi, Fano via Monte Grappa, Urbino via Neruda. Unica stazione buona è Falconara Acquedotto; in questo l’inquinante peggiore ha concentrazioni inferiori alla metà del relativo valore limite. Le sostanze monitorate sono le  PM10 e PM2.5: Particolato atmosferico. NO2, NO : Biossido di azoto, monossido di azoto. O3: Ozono. CO: monossido di carbonio. SO2: Biossido di zolfo e il Benzene. La rilevazioni di giudizio scadente e pessimo sono una decina e si trovano prevalentemente al Centro/Nord.

 

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net