lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Marche > Di chi si fidano i marchigiani? Più dell’Europa che del Governo, rivela un sondaggio

Di chi si fidano i marchigiani? Più dell’Europa che del Governo, rivela un sondaggio

< img src="https://www.la-notizia.net/europa" alt="europa"

Ancona – I marchigiani si fidano più dell’ Europa che del Governo. Questo il dato forse sorprendente che emerge secondo i dati dell’ultimo Eurobarometro Flash, condotto per conto della Commissione lo scorso autunno e riportato sull’Infodata del Sole 24Ore. Nel sondaggio risulta che il 30% dei residenti in regione tende a non fidarsi dell’Unione Europea. Invece sono ben il 49% di quelli che tendono a non fidarsi del Governo nazionale. Altri aspetti importanti inclusi nelle domande della rilevazione, riguardo l’ottimismo (o il pessimismo) verso il futuro, il giudizio della propria situazione economica e della qualità della vita del luogo in cui viviamo, in questo caso la regione di appartenenza. Il 30% si dichiara pessimista sul futuro della regione e il 33% giudica negativa la situazione economica in regione e solo il 9% giudica negativa la qualità della vita in regione. Alla domanda su qual è la preoccupazione maggiore dei marchigiani, emerge che il 40% ritiene la disoccupazione il principale problema che agita e causa ansia. Il 33% si preoccupa per la condizione della sanità mentre per l’immigrazione sono solo il 17% dei marchigiani a considerarla una grave difficoltà. Seguono poi il 15% per la situazione economica, il 14% per l’ambiente, il 12% l’istruzione e l’11% la criminalità. E’evidente che quelle che sembrano essere le situazioni di emergenza come la criminalità collegata spesso all’immigrazione, non sono tra i principali problemi degli abitanti della regione, o almeno solo una parte minoritaria di loro si sente minacciata. Se diamo un’occhiata al sondaggio a livello nazionale, in nessuna delle 20 regioni italiani si rileva una maggioranza che giudica negativamente l’Unione Europea, mentre questo avviene nei confronti del Governo, in particolare nel Lazio (54%), Emilia Romagna (54%), Veneto (52%) e Piemonte (50%).

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net