giovedì, Novembre 26, 2020
Home > Marche > Firmata Convenzione all’Unione Montana di Cagli per gli interventi nel settore scuole

Firmata Convenzione all’Unione Montana di Cagli per gli interventi nel settore scuole

Con la firma congiunta del Presidente dell’Unione Montana del Catria e Nerone, Francesco Passetti, e dei dirigenti degli Istituti di Scuola Superiore “G. Celli” di Cagli, “Vito Volterra” di Sassoferrato, “B. Padovano” di Arcevia, e degli Istituti Comprensivi “F. Michelini Tocci” di Cagli, “E. Mattei” di Acqualagna, Statale di Sassoferrato, Statale di Arcevia, “S. Lapi” di Apecchio-Piobbico e “G. Binotti” di Pergola-Frontone-Serra prende il via la fase esecutiva del programma operativo riguardante il settore Istruzione per la Strategia Aree Interne Appennino Basso Pesarese Anconetano.

Si tratta di una serie di progetti, da svilupparsi nell’arco di due annualità, del valore totale di 600.000 euro, pensati e sviluppati in stretta collaborazione e sinergia tra le dirigenze scolastiche del territorio e le Amministrazioni, per venire incontro alle esigenze reali della popolazione scolastica, sempre alle prese con la carenza di finanziamenti pubblici.

Con queste progettualità si è voluto migliorare il livello di esperienze formative per i giovani delle comunità interessate e offrire nuove opportunità a livello occupazionale. Un contributo reale per migliorare la dinamica economica e contrastare i fenomeni di spopolamento e abbandono scolastico, che sempre maggiormente affliggono i nostri territori.

Le azioni progettuali, tutte sviluppate come parte del lavoro complessivo che va sotto il nome di Asili d’Appennino, prevedono vari interventi: presso l’IPSSAR di Piobbico verranno completati ed ammodernati i laboratori di accoglienza turistica, sala bar, cucina e pasticceria, mentre all’IPIA di Cagli saranno integrate le dotazioni del laboratorio di elettromeccanica, informatica e delle aule didattiche.

Sempre all’IPIA di Cagli, all’Istituto professionale di Arcevia e al Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Sassoferrato verranno realizzati dei FabLab: vere e proprie sedi locali di “ricerca, sviluppo e crescita” connesse sempre agli Asili d’Appennino e ai laboratori didattici delle scuole e in integrazione con il progetto regionale “Centri scolastici digitali/scuole di montagna”. Il modello FabLab darà supporto agli studenti orientandoli alla creatività e ad un vero spirito imprenditoriale tipico dei laboratori artigianali: saranno coinvolte le imprese artigiane, con programmi di disseminazione delle conoscenze e di trasferimento tecnologico.

Un ulteriore intervento sarà destinato al rafforzamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro per approfondire con esperienze pratiche le materie di studio. In questo modo saranno ampliate le possibilità per gli studenti di entrare in contatto con le competenze, le professionalità, le opportunità di occupazione del territorio, immaginando questo specifico percorso come una reale e proficua miscela fra mondo della scuola e mondo del lavoro.

Verranno attivati anche nuovi servizi e nuove attività formative presso tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio con l’obiettivo essenziale di ridurre le difficoltà di apprendimento degli alunni. Saranno coinvolti tutti gli istituti comprensivi dell’area: Cagli, Acqualagna, Sassoferrato, Arcevia, Apecchio-Piobbico e Pergola-Frontone-Serra Sant’Abbondio.

Tre le azioni previste: la prima sarà “Agire per l’agio, promozione del benessere a scuola” con un servizio di assistenza psicologica nella scuola primaria e nella scuola secondaria di 1°grado e nel biennio della scuola secondaria di 2°grado; la seconda sarà “Identificazione precoce e intervento sulle difficoltà di autoregolazione, attenzione e apprendimento – IPIDA3” mirata ai bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia, un momento sempre delicato della vita scolastica; la terza misura sarà “Contrasto alla dispersione scolastica” per fornire e potenziare le competenze aggiuntive ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie in determinate aree tematiche: lingua inglese, musica, teatro, recupero deficit formativi.

La Strategia Aree Interne, capitanata dall’Unione Montana Catria e Nerone, sta prendendo sempre maggiore forma e sostanza, e la firma di questa convenzione con tutte le dirigenze scolastiche del territorio ne è un’altra concreta dimostrazione; non a caso si è deciso di considerare la scuola come uno dei capisaldi di tutta la strategia: la scuola del presente sarà il nostro passaporto per il futuro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *