domenica, agosto 18, 2019
Home > Marche > Ascoli Piceno: arrestato in riviera per atti persecutori contro la ex moglie, tenta il suicidio in carcere

Ascoli Piceno: arrestato in riviera per atti persecutori contro la ex moglie, tenta il suicidio in carcere

< img src="https://www.la-notizia.net/aprilia" alt="aprilia"

ASCOLI PICENO – Ha tentato il suicidio in carcere per impiccagione il 33enne, di origini siciliane ma residente da anni in riviera, arrestato a marzo per atti persecutori (stalking) e tentata estorsione. A salvargli praticamente la vita sarebbe stato un compagno di cella, allertando celermente gli agenti di polizia penitenziaria, che sono riusciti ad evitare il peggio. L’uomo si troverebbe ora sotto stretto controllo.

Il 33enne era stato denunciato più volte dalla consorte in passato per reati della stessa indole ed era già stato colpito da un’ordinanza del giudice che gli vietava di avvicinarsi ai componenti del proprio nucleo familiare, data la sua pericolosità. Poi, solo poche settimane fa, si era presentato alle luci dell’alba dinanzi l’attività commerciale dove lavora la ex moglie a San Benedetto del Tronto e, prima aveva tentato di estorcerle del denaro e poi, vista la resistenza della donna, aveva iniziato ad urlare e a danneggiare il locale, tanto da attirare l’attenzione di alcuni passanti che fortunatamente hanno chiamato subito i Carabinieri al 112. Immediatamente sono intervenute più pattuglie sul posto, riuscendo a bloccare l’uomo prima che potesse nuocere fisicamente alla malcapitata.

L’uomo era stato quindi stato arrestato per atti persecutori, tentata estorsione e danneggiamento e portato al carcere di Marino del Tronto. La notizia e’ stata anticipata da La Nuova Riviera.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: