domenica, Novembre 28, 2021
Home > Marche > Alcol, nelle Marche si beve più che in Veneto. In 239.000 a rischio

Alcol, nelle Marche si beve più che in Veneto. In 239.000 a rischio

< img src="https://www.la-notizia.net/patenti" alt="patenti"

Ancona – Nelle Marche si beve più che in Veneto. Le ultime statistiche sul consumo di alcol certificano che in regione il vino scorre molto sulle tavole e non solo. I dati che si riferiscono a persone dagli 11 anni in su, dicono che il 69,1% ha bevuto almeno una volta all’anno dell’ alcol, che possa essere vino, birra o altro. Di per sé il dato non sembra preoccupante anche se la media nazionale è del 66,8%.

Invece se si calcola chi beve regolarmente ogni giorno la cifra arriva al 24,7%. E’ la seconda cifra più alta in Italia, preceduta solo dalla Valle D’Aosta con il 28,7%. In Veneto per fare un esempio è del 22,7%, mentre a livello nazionale è ancora più bassa con il 20,7%. In valori assoluti 343.000 cittadini marchigiani bevono regolarmente ogni giorno.

Quello che comunque preoccupa è il comportamento a rischio causato dalla bevande alcoliche, secondo la definizione dell’Istat. Qui la percentuale è del 17,2% (239.000 residenti). Un dato più alto rispetto alla media nazionale che è del 15,9%. Il 51,9% dichiara invece di fare un uso moderato delle bevande alcoliche.

Tornando ai comportamenti rischiosi, le regione del Nord hanno percentuali più alte. Al top ancora la Valle D’Aosta con il 24,4%. In fondo alla classifica la Sicilia con solo, si fa per dire l’8,9%.

In relazione a quel 17,2% di bevitori marchigiani che mettono a rischio in qualche modo la propria incolumità psicofisica e anche quella degli altri, la ricerca mostra che ciò è dovuto nel 10,8% dei casi da consumo di alcol eccessivo abitudinario, un 54,6% di eccessivo uso quando si mangia e l’8% (111.000) del binge driking. Anche in questo caso la media italiana è inferiore anche se solo dello 0,5%.  A proposito di quest’ultima pratica molto diffusa tra i giovani con binge drink si intende secondo l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità esso corrisponde all’assunzione in un’unica occasione di consumo in breve tempo di oltre 6 Unità Alcoliche (UA = 12 grammi di alcol puro) di una qualsiasi bevanda alcolica. La regione dove è più diffuso è il Trentino Alto Adige dove la percentuale è del 15,4%.

 

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net