mercoledì, Gennaio 20, 2021
Home > Marche > Pesaro, torna VAGHE STELLE DELL’ORSA: poesia a Palazzo Mosca

Pesaro, torna VAGHE STELLE DELL’ORSA: poesia a Palazzo Mosca

< img src="https://www.la-notizia.net/pesaro" alt="pesaro"

PESARO – Prende il via anche quest’anno la seguitissima rassegna poetica “Vaghe stelle dell’orsa”, giunta ormai alla VI edizione, promossa e sostenuta dal Comune di Pesaro, Assessorato alla Bellezza e Vivacità, in collaborazione con la Biblioteca “Bobbato” e Sistema Museo.

Gli incontri, curati come di consueto dalla poetessa pesarese Laura Corraducci, si svolgeranno nel cortile di Palazzo Mosca – Musei Civici in tre appuntamenti serali: mercoledì 29 maggio, 5 e 12 giugno alle 21 (ingresso libero, in caso di maltempo si terranno alla Chiesa dell’Annunziata).

Le Marche sono da sempre terra di letteratura e poesia, la rassegna prende infatti il titolo da un celebre verso di Giacomo Leopardi e, come per le precedenti edizioni, si è voluto puntare sulla pluralità e sulla diversità degli stili che ciascun artista incarna con il proprio dettato poetico.

Saranno ospiti nove poeti, sette autori italiani e due figure di spicco della poesia internazionale, provenienti dalla Bulgaria (Ivan Hristov) e dall’India Sonnet Mondal, che leggeranno i loro versi in lingua, consentendo di fruire il suono del testo nella versione originale. Le letture saranno inoltre accompagnate da intermezzi musicali per creare cortocircuiti fra parole e suoni.

La poesia, dunque, come trasversalità di lingue e culture, creatrice di ponti fra uomini e donne di mondi differenti. Laura Corraducci, nel presentare e introdurre le singole voci, guiderà il pubblico dialogando con gli autori e svelando il mistero che si cela dietro la loro scrittura. Si entra nelle trame del sogno con la bellezza e l’incandescenza di versi che sanno stupire, coinvolgere, innamorare.

Prima serata mercoledì 29 maggio con la poesia del milanese Marco Vitale, della poetessa romana Elena Buia Rutt e del bulgaro Iva Hristov. Intermezzi musicali di Crstina Flenghi (flauto).

Mercoledì 5 giugno è la volta di Isabella Leardini, del padovamo Stefano Dal Bianco, e del poeta Daniele Mencarelli. Gli intermezzi musicali sono affidati all’estro di Raffaele Damen (fisarmonica).

La rassegna si chiude mercoledì 12 giugno con il poeta indiano Sonnet Mondal, il fiorentino Massimiliano Bardotti, e la poetessa pavese Annalisa Manstretta. Intermezzi musicali a cura Fabio Mina (flauti) e Frida Neri (voce).

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *