venerdì, Novembre 27, 2020
Home > Abruzzo > Teramo Vive: “Il Movimento 5 stelle di Teramo si fa beffe della prassi istituzionale”

Teramo Vive: “Il Movimento 5 stelle di Teramo si fa beffe della prassi istituzionale”

< img src="https://www.la-notizia.net/teramo-vive" alt="teramo vive"

Riceviamo dal Gruppo Consiliare di Teramo Vive e pubblichiamo: “Il Movimento 5 stelle di Teramo si fa beffe della prassi istituzionale del sistema democratico, dimenticando il ruolo che riveste sui banchi del Consiglio Comunale, pur se all’opposizione e lancia sui social la richiesta di dimissioni dell’assessore Valdo Di Bonaventura, esponente del gruppo politico Teramo Vive, in maggioranza nello stesso consesso.

Probabilmente l’urgenza di una richiesta così forte non ha consentito lo svolgimento del dibattito nelle opportune sedi democratiche, soprattutto per un movimento così avvezzo alle piattaforme tecnologiche; ma pensiamo, invece, che gli esponenti del Movimento hanno voluto far leva sul populismo social ben sapendo che la richiesta, se inoltrata ufficialmente in Consiglio Comunale, avrebbe perso ogni consistenza.

Perché si sarebbe loro illustrato (ma immaginiamo che lo conoscano già) tutto l’iter del “Piano asfalti” messo in campo dall’assessore Di Bonaventura, che ha innanzitutto redatto un piano per una città che non ne ha mai avuto uno; che ha ricercato, reperito e “rastrellato” ogni possibilità di finanziamento in una città ridotta economicamente all’osso; che sta ancora studiando soluzioni e modalità per intercettare ulteriori risorse e che, con in mano il mandato della Cassa Depositi e Prestiti, può ora dare il via ai lavori.

Quanto ai ritardi, ci preme sottolineare che sono di ordine procedurale e relativi a requisiti e documentazione delle ditte che verranno incaricate dei lavori, come da normale amministrazione e per i quali, riteniamo, non si possa individuare alcuna responsabilità a carico dell’assessore.

Se poi il Movimento 5 stelle di Teramo è a conoscenza di ulteriori problematiche che a noi non risultano, tanto da poter dichiarare che “la gara è completamente bloccata” e gli asfalti non si faranno, siamo pronti ad ascoltarli in Consiglio Comunale e a rispondere, nella stessa sede”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *