giovedì, Novembre 26, 2020
Home > Abruzzo > Teramo ospiterà il Premio Benedetto Croce

Teramo ospiterà il Premio Benedetto Croce

teramo

Una importante e significativa collaborazione in ambito culturale è stata avviata alcuni giorni fa, tra il Comune di Teramo, quello di Atri e il Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce.

Nel corso di una riunione che si è svolta in municipio, sono stati sanciti i passaggi e stabilite le modalità che permetteranno alla prestigiosa manifestazione culturale di calendarizzare alcuni appuntamenti nel nostro territorio.

Alla riunione hanno partecipato, per il Comune di Teramo, il Sindaco Gianguido D’Alberto, il Vicesindaco Maria Cristina Marroni e l’assessore alla Cultura Luigi Ponziani; hanno partecitato poi, il vicesindaco di Atri Domenico Felicione; l’ass.re Cultura del Comune di Pescasseroli, Attilio Pistilli; il responsabile organizzativo del Premio, Pasquale D’Alberto; la dirigente del Liceo Classico Delfico, dott.ssa Loredana di Giampaolo; la prof.ssa dello stesso Liceo, Cutina; le docenti dell’Istituto Zoli di Atri, Monica Angelini e Daniela Brigida.

Il Premio dedicato a Benedetto Croce, grandissima personalità della filosofia, della politica e della cultura, nato a Pescasseroli nel 1866, fu istituito nel 2005 dal Comune di Pescasseroli. Il momento culminante della manifestazione è nella consegna dei premi agli autori di libri di narrativa, saggistica e giornalismo letterario. A ciò si aggiungono altri appuntamenti che fanno da corollario alla manifestazione e che si caratterizzano per il decentramento sul territorio regionale.  Per la prossima edizione, in questa ottica, saranno interessate le città di Teramo e Atri.

Nella città degli Acquaviva si svolgerà una tavola rotonda cui parteciperanno importanti studiosi: Emanuele Felice, Paolo Macrì e  Ernesto Galli Della Loggia.

Teramo, invece, sarà la città dove si terrà la serata conclusiva, con la premiazione dei vincitori delle diverse sezioni e la partecipazione di primarie personalità del mondo della cultura, e della letteratura in particolare.

Cresciuto di prestigio negli anni, il Premio “Benedetto Croce” ha tributato riconoscimenti a scrittori di rilievo, favorendo incontri con esponenti nazionali e internazionali della cultura.  Si avvale del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, del sostegno della Regione Abruzzo, della Provincia dell’Aquila e della Comunità Montana Alto Sangro Altopiano delle Cinquemiglia, con la fattiva collaborazione dell’Istituto Italiano di Studi Storici “Benedetto Croce” di Napoli, dell’ente autonomo Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, di Bifora Comunicazione ed altri. Inoltre, le iniziative del Premio sono possibili grazie a partnership con Centro Regionale Beni Culturali d’Abruzzo, Fondazione Mezzogiorno Europa, Ipa Adriatic ed altre istituzioni italiane.

L’assessore alla Cultura Luigi Ponziani manifesta l’apprezzamento per la nascente collaborazione: “Il premio ideato ed organizzato dal Comune di Pescasseroli, da alcuni anni si muove sul territorio regionale, coinvolgendo oltre alle istituzioni anche le scuole superiori. Una scelta ispirata al decentramento e coinvolgimento collettivo intorno ad un premio prestigioso, che si sposa con la nostra filosofia amministrativa. Contribuiremo con pieno coinvolgimento all’evento che si svolgerà nella nostra città, finalizzandolo non solo ad un appuntamento di natura episodica ma gettando le basi affinché la collaborazione diventi continuativa e ulteriormente proficua”.

Il Sindaco Gianguido D’Alberto esprime anche da parte sua, piena soddisfazione: “La caratura della manifestazione che ospiteremo è tale da porre al centro dell’attenzione, grazie ad essa, Teramo e la provincia. Voglio pertanto leggere la scelta operata dagli organizzatori, come un implicito riconoscimento delle potenzialità e dello spessore culturale del capoluogo e della stessa città di Atri. Ringrazio le istituzioni pubbliche, in primis il Comune di Pescasseroli, che hanno accolto la proposta degli organizzatori e assicuro che faremo di tutto per garantire il successo che il Premio Croce merita, in termini di immagine e di adeguata risposta culturale”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *