mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Abruzzo > SEVEL quale futuro? Nuovo sciopero il 16 novembre

SEVEL quale futuro? Nuovo sciopero il 16 novembre

sevel

Riceviamo e pubblichiamo: “Più si entra nei dettagli giornalistici legati alla fusione di PSA e FCA e più sembra che tale fusione parli francese, soprattutto se è vero che il futuro CDA è paritario ma il Ceo e il vicepresidente sembrano destinati a Parigi.

Non è possibile che questa operazione avvenga senza che ci sia un confronto con i Lavoratori e la loro rappresentanza, soprattutto non è accettabile il ruolo di osservatore del Governo italiano.

Se è vero che FCA e PSA sono stati partner per decenni con l’accordo SEVEL Sud di Atessa (rinnovato fino al 2023), la scelta di PSA di investire nello stabilimento di Gliwice in Polonia, per potenziare i suoi volumi produttivi, dovrebbe aprire delle serie riflessioni sul nostro futuro.

Per questo è necessario che la Regione Abruzzo apra immediatamente un tavolo di confronto per capire quali saranno le prospettive dello stabilimento dei record.

In questo momento aver forzato sulle nuove turnazioni, senza coinvolgere i Lavoratori e soprattutto senza aver aperto una discussione sui reali programmi produttivi è stata una scelta sbagliata.

Oggi la SEVEL, se da una parte vuole mantenere il principio delle nuove turnazioni, dall’altra deve ascoltare le giuste rimostranze dei Lavoratori che hanno aderito in modo massiccio agli scioperi proclamati.

Un’azienda responsabile, in un momento come questo, potrebbe mantenere gli attuali turni e spostare i riposi compensativi al sabato in modo da poter consentire un vero confronto sulle reali necessità aziendali e costruire un percorso che veda accolte le richieste dei Lavoratori: più salario e riduzione di orario di lavoro.

La FIOM, fino a quando l’azienda non aprirà un confronto sui volumi produttivi, sugli orari, sul salario e sul futuro dello stabilimento, continuerà a sostenere le ragioni dei Lavoratori.

La FIOM proclama 8 ore di sciopero per sabato 16 novembre 2019 sul turno pomeridiano”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *