mercoledì, 19 Febbraio, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stasera in TV: “TOP GUN” giovedì 2 gennaio 2019

Il film consigliato stasera in TV: “TOP GUN” giovedì 2 gennaio 2019

film top gun

Il film consigliato stasera in TV: “TOP GUN” giovedì 2 gennaio 2019 alle 21:35 su  ITALIA 1

Risultati immagini per TOP GUN POSTER

Top Gun è un film d’azione del 1986, diretto da Tony Scott con Tom Cruise, Kelly McGillise Val Kilmer, e prodotto da Don Simpson e Jerry Bruckheimer, in associazione con la Paramount Pictures.

La sceneggiatura è stata scritta da Jim Cash e Jack Epps Jr., ed è stato ispirato da “Top Guns”, un articolo scritto da Ehud Yonay per la rivista California.

Il film è interpretato da Tom Cruise, Kelly McGillis, Anthony Edwards, Val Kilmer, e Tom Skerritt. Cruise interpreta il tenente Pete “Maverick” Mitchell, un giovane aviatore della marina militare americana (US Navy). A lui ed al suo Navigatore Nick “Goose” Bradshaw (Anthony Edwards) viene offerta la possibilità di partecipare alla prestigiosa scuola Top Gun. Il film racconta i progressi di Maverick attraverso la formazione, la sua storia d’amore con un istruttore femminile (Kelly McGillis), il suo superamento di una crisi di fiducia a seguito di un incidente fatale durante le esercitazioni, e l’abbattimento di aerei nemici in dogfight.

La pellicola prese come spunto gli scontri aerei della guerra fredda e lanciòTom Cruise come star di Hollywood. Inoltre vinse un Oscar per la miglior canzone con Take My Breath Away, prodotta da Giorgio Moroder per i Berlin.

Il tenente Pete “Maverick” Mitchell e il sottotenente Nick “Goose” Bradshaw sono rispettivamente pilota e navigatore di un F-14 della Marina degli Stati Uniti e sono imbarcati sulla portaerei USS Enterprise. Durante un volo di pattugliamento sull’Oceano Indiano insieme ad un altro F-14 (il cui equipaggio è composto da “Cougar” e “Merlin”), i due aerei vengono inviati ad intercettare il segnale di un velivolo non identificato che si rivela essere una coppia diMiG-28 sovietici. I due caccia affrontano subito i MIG: ma mentre Maverick riesce a mettersi in posizione ottimale di tiro rispetto ad uno dei MIG costringendolo così ad allontanarsi, Cougar finisce per essere messo in difficoltà dall’altro velivolo che, però, pur avendo una posizione ottimale di tiro, non apre il fuoco contro l’F-14 di Cougar. Nel frattempo, dopo aver messo in fuga il primo MiG, Maverick corre in aiuto del compagno e con una manovra estremamente azzardata si pone in volo rovesciato sopra di lui, irridendone il pilota, che poco dopo si allontana verso la sua base.

L’azione nel frattempo ha scosso così tanto Cougar che questi viene colto da un attacco di panico e ha difficoltà a rientrare alla portaerei. Così Maverick, che stava per appontare, decide di disobbedire all’ordine di rientrare immediatamente e torna indietro affiancandosi all’aereo di Cougar. Maverick riesce così a guidarlo verbalmente fino all’appontaggio. Una volta sulla nave Cougar fa rapporto al comandante della squadriglia “Stinger” a cui rassegna le proprie dimissioni, poiché non riesce ad accettare di aver quasi reso orfano il suo piccolo figlio che ancora non hai mai visto. Il comandante successivamente chiama Maverick e Goose e dopo averli richiamati per aver disobbedito all’ordine di rientrare immediatamente, li informa di doverli mandare a Miramar, ove dovranno frequentare la prestigiosa scuola “Top Gun”, essendo diventati, dopo le dimissioni di Cougar, l’equipaggio di punta della loro squadriglia.

Risultati immagini per TOP GUN POSTER

Così i due aviatori giungono alla base aerea di Miramar, sede della scuola dell’United States Navy Fighter Weapons School(chiamata “Top Gun”), diretta dal comandante Mike “Viper” Metcalf, coadiuvato dal tenente comandante Rick “Jester” Heatherly. Durante un’uscita serale al circolo ufficiali, Maverick tenta di abbordare una donna che il giorno seguente scoprirà essere l’astrofisica Charlotte “Charlie” Blackwood, una civile facente parte del programma di addestramento alla Top Gun. Durante l’addestramento Maverick si dimostra subito un pilota molto abile, ma il suo carattere inquieto, derivante dal fatto che è all’oscuro delle circostanze in cui è scomparso suo padre (anch’egli pilota dell’U.S. Navy) in Vietnam, si ripercuote anche sul suo modo di volare. Viene così richiamato severamente dal comandante Viper. Nel frattempo Charlie è sempre più attratta dal pilota fino ad iniziare con lui una vera relazione. Durante un volo di esercitazione in coppia col tenente Tom “Iceman” Kazinsky, Maverick finisce nella scia del velivolo del rivale, cosa che interrompe il flusso d’aria causando lo stallo di entrambi i motori del suo F-14.

Segue un avvitamento incontrollato che costringe i due all’eiezione dal velivolo, ma nell’espulsione del seggiolino Goose batte violentemente la testa contro il tettuccio, morendo sul colpo. Profondamente scosso ed incapace di accettare la morte dell’amico di cui si ritiene responsabile, il pilota riprende a volare in modo irriconoscibile, come se avesse paura, finché decide di lasciare la Marina. Charlie, ottenuta la promozione a Washington, lo raggiunge per salutarlo e prende atto che la sua decisione di mollare è definitiva. Prima delle dimissioni ufficiali però, viene invitato a casa propria dal comandante Viper che, inaspettatamente, gli rivela cosa fosse realmente successo a suo padre, disperso (e probabilmente morto) in Vietnam dopo aver coraggiosamente combattuto nonostante il suo aereo fosse stato danneggiato in combattimento. La vicenda era stata secretata perché la battaglia si era svolta nello spazio aereo di uno Stato confinante con il Vietnam dove i caccia statunitensi ufficialmente non avrebbero dovuto operare. Viper conclude facendogli capire che solo lui può decidere se ritirarsi o meno.

Il giorno della consegna dei brevetti e della premiazione di Iceman e Slider, vincitori del trofeo, Maverick decide di rimanere e ritira il suo brevetto. La cerimonia viene però interrotta da Viper che convoca i più qualificati del corso (tra cui lo stesso Maverick) per fronteggiare un’emergenza. Giunti a bordo della portaerei Enterprise, i piloti apprendono nel corso di un briefing che una nave per comunicazioni Usa è in avaria in acque territoriali nemiche e le operazioni di soccorso necessitano di supporto aereo. Vengono inizialmente inviati dalla portaerei due aerei, uno pilotato da Iceman con Slider e l’altro da Hollywood con Wolfman, mentre Maverick rimane pronto a partire con Merlin, come aereo di riserva. I due aerei fanno appena in tempo a giungere nell’area delle operazioni quando vengono affrontati da un numero soverchiante di MIG nemici che attaccano subito i caccia Usa abbattendo l’aereo di Hollywood che riesce, però, a paracadutarsi insieme a Wolfman.

Mentre Iceman rimane così da solo contro cinque aerei Maverick decolla immediatamente ma, raggiunto il teatro di battaglia, si blocca, così come aveva fatto nelle ultime esercitazioni. Stringendo in mano le piastrine di Goose e dietro l’esortazione di Merlin, il pilota entra finalmente in azione ingaggiando una serie di dog-fight con i MIG nemici salvando Iceman ed abbattendo diversi aerei avversari, costringendo gli ultimi MiG rimasti a rientrare alla base. Rientra così in trionfo alla portaerei dove viene acclamato come eroe; a bordo della nave quando Stinger gli offre di scegliere cosa fare in Marina, Maverick risponde di voler tornare da istruttore alla Top Gun. Rientrato quindi a Miramar, in un momento di relax, Maverick, mentre si trova in un bar vicino alla base, ascolta improvvisamente dal jukebox la canzone che egli stesso aveva intonato quando conobbe Charlie; avvicinatosi al jukebox poco dopo lei appare di sorpresa alle sue spalle e i due si abbracciano.

Regia di  Tony Scott

Con Tom Cruise, Kelly McGillis e Val Kilmer

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *