sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 4 gennaio alle 14 su RAI 1:  viaggio in Val Comelico nell’alto Cadore

Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 4 gennaio alle 14 su RAI 1:  viaggio in Val Comelico nell’alto Cadore

Linea Bianca
Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 4 gennaio alle 14 su RAI 1:  viaggio in Val Comelico nell’alto Cadore Risultati immagini per linea bianca rai
Legno, profumo e oro del tempo Il prossimo appuntamento di “Lineabianca”, con Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi, in onda sabato 4 gennaio, alle 14.00 su Rai1, sarà un viaggio in Val Comelico, territorio dell’alto Cadore in provincia di Belluno. Quota 3.046 metri sul livello del mare: sulla vetta del monte Popera, nella spettacolare cornice di un panorama mozzafiato, direttamente nel cuore delle Dolomiti, un’emozionante apertura del nostro conduttore con Lino Zani e una guida alpina. “Da agricoltore ad allevatore di cani husky”: a Santo Stefano di Cadore, la giornata tipo di Lorenzo, giovane ragazzo con la passione per la terra e gli animali, che da 4 anni, con i suoi meravigliosi esemplari, si dedica all’attività dello sleddog lungo gli incontaminati percorsi del Cadore. Pannelli solari, caldaia a legna, sistema di recupero acque piovane, luci a led: sul monte Zovo, nel comune di San Nicolò Comelico, lungo un suggestivo sentiero, il rifugio “De Doo”, esempio di gestione virtuosa eco-sostenibile, interamente realizzato con il legno tagliato nel bosco. Le foreste di conifere, la fatica dei cavalli da lavoro che trainano i tronchi, il duro lavoro delle persone: a Padola, caratteristica frazione di Comelico Superiore, l’economia del legno, fondamentale linfa per la sopravvivenza di queste aree montane. “Una diga per ricostruire la storia del Comelico”: sul torrente Padola, aneddoti e curiosità della “Stua”, ingegnoso sbarramento delle acque, eretto nel 1500, per il trasporto del legname fino a Venezia. “I sentieri e i boschi dei Papi”: a Val Visdende, il toccante ricordo della religiosità che ha attraversato questo incantevole ambiente naturale con i soggiorni estivi di Papa Wojtyla e Papa Ratzinger.