giovedì, 20 Febbraio, 2020
Home > Mondo > Il Capodanno cinese funestato dal virus

Il Capodanno cinese funestato dal virus

capodanno

Il Capodanno cinese 2020 sarà sabato 25 gennaio prossimo. Questa festa non ha una data fissa perché segue il calendario lunare tradizionale e secondo l’astrologia cinese, ad ogni anno lunare corrisponde un segno zodiacale (il 2020 è l’anno del Topo). Le statistiche degli ultimi anni confermano che in occasione del capodanno lunare oltre 10 milioni di cinesi andranno in vacanza all’estero, e in molti aeroporti europei, incluso quello di Roma Fiumicino ed è appena scattata la macchina dei controlli sui voli provenienti dalla Cina. 

Ma quale è il reale problema? Si tratta del “virus sconosciuto” con i sintomi della POLMONITE (tosse “secca”, mal di gola, febbre e difficoltà resp.) proveniente dalla Cina e precisamente, sembra, dal mercato ittico della città di Wuhan che attanaglia da settimane non solo i cinesi. Il 31 dicembre 2019 la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’Organizzazione Mondiale della Sanità casi di polmonite dovuti a virus sconosciuto. Tutti i pazienti avevano un legame con il mercato Huanan Seafood, che si trova a sud della Cina e in cui si vendono animali vivi e frutti di mare.Da venerdì 17 pomeriggio hanno chiuso tutte le fabbriche e le scuole, masse di centinaia e migliaia di cinesi hanno preso d’assalto stazioni e aeroporti per tornare nelle città d’origine.

E sarà così per tutta la settimana: lo spostamento di persone sarà costante nonostante la preoccupazione di ammalarsi. MASCHERINE ANTISMOG (ancche le std visto che non si è avuto il tempo di crearne una “ad hoc” … ) sono tutte SOLD OUT! negli ospedali, negli studi medici, nei luoghi pubblici affollati ma anche per le strade sono affissi cartelli con le indicazioni su come proteggersi dal contagio, anche ricordando di lavarsi frequentemente le mani…

Quindi ecco le precauzioni “Made in Italy” sul caso: se fossero individuati  soggetti con sintomi riconducibili al virus, questi verrebbero trasferiti all’ospedale Spallanzani di Roma in quanto specializzato nelle malattie infettive e quindi il migliore in Italia per l’isolamento/quarantena. Non meno importante poi monitorare le condizioni delle persone che invece partiranno dall’Italia per raggiungere le famiglie in Cina prima di fare ritorno nel paese da dove sono partiti. Ma vediamo nel dettaglio il virus che sembra aver origine dalla città più popolosa della Cina Centrale e appunto Whuan che fa oltre 11 milioni di abitanti e ha ufficialmente chiuso il mercato ittico cittadino il 1 gennaio sera. Il 5 gennaio u. s. il virus aveva “mietuto vittime” da alcune settimane e il professor Zhong Nanshan fra i Capi della Commissione della Salute Pubblica del Governo di Pechino HA UFFICIALMENTE confermato che “un virus simile alla SARS si sta diffondendo in Cina e trasmissibile con una certa facilità da persona a persona”. Ricordiamo che la SARS 18 anni fa in meno di 2 anni fece oltre 600 morti in Cina e Hong Kong.

Alla mezzanotte del 20 gennaio i casi individuati di contagio erano già ltre i 225 (di cui 217 accertari) e vengono ad oggi definiti “CASI DI POLMONITE DA NUOVO CORONAVIRUS 2020”. Il virus infatti interessa le vie respiratorie e si manifesta con i sintomi della polmonite e accompagnati quindi da febbre, raffreddore, etc. I decessi sono “solo” 4 (ultimo a mezzanotte del 20.01.20 ora italiana) ma ben 36 i casi gravi (oltre 15% dei contagiati). Purtroppo i casi confermati riguardano persone anche fuori della città di Whuan come a Pechino, in Giappone, Thailandia e Corea del Sud. Il motivo principale sono gli spostamenti aerei che possono intraprendere i contagiati ed ecco appunto il rischio con la festa di domenica 25 gennaio del capodanno lunare che l’Europa è quindi L’Italia possono essere interessati dal contagio.

Purtroppo il suddetto articolo, per non creare allarmismi, non lo abbiamo pubblicato il 21 ma ad oggi ci siamo SENTITI IN DOVERE DI INFORMARVI ACCURATAMENTE: mercoledì 22 gennaio alle ore 16 i morti da 4 sono saliti a 9, ma quello che desta timore e che sono OLTRE 100 i nuovi casi (uno accertati pure negli Usa!!) e 2 ore fa un contagio pure a Macao. La Corea del Nord si comporta come 17 anni fa quando si parlava di “RISCHIO SARS” e oggi valuta se chiudere i confini in serata. GLI ACCERTATI A OGGI SONO 450Fra i peronaggi famosi in Italia Heather Parisi sapeva tutto prima degli altri: come appariva 15 giorni fa su Instagram.

Nessun allarmismo per l’ITALIA, la direzione sanitaria dell’aeroporto Leonardo Da Vinci ha chiesto alle compagnie di controllare passeggeri in arrivo da Wuhan (il principale scalo romano ha tre voli diretti con Wuhan e molti voli indiretti). Inoltre tutte le compagnie aeree con voli provenienti dalla Cina (tutti gli Aeroporti) sia con voli diretti che con scalo intermedio devono avere a bordo un numero di PLC (scheda individuazione passeggeri per fini di sanità pubblica) pari al massimo numero di passeggeri ed equipaggio imbarcabili” Nel documento allegato c’è una “scheda di individuazione passeggeri per fini di sanità pubblica (PLC) ” che deve essere compilata nei casi in cui l’autorità di sanità pubblica sospetti la presenza di una malattia infettiva.Qualora ci fosse il RISCONTRO DI CONTAGIO importante sarà organizzare efficacemente un eventuale quarantena sui sospetti che potrebbero giungere sulla nostra penisola: Spallanzani avvisato.

RD Leo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *