domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Abruzzo > Teramo, Rifondazione Comunista di nuovo in piazza contro la povertà

Teramo, Rifondazione Comunista di nuovo in piazza contro la povertà

rifondazione comunista

Ieri mattina il Circolo di Teramo del Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea, ha organizzato un banchetto di propaganda ed effettuato un volantinaggio in Largo San Matteo a Teramo, durante il mercato settimanale, per proseguire la campagna nazionale del PRC sui temi sociali e la povertà. I militanti di Rifondazione, con il Segretario cittadino Mirko De Berardinis, sono scesi nuovamente in piazza per incontrare i cittadini e rilanciare le proposte del partito per la lotta alle disuguaglianze.

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il Rapporto OXFAM 2020 “La terra delle disuguaglianze: la ricchezza globale resta concentrata al vertice della piramide distributiva”. I dati del rapporto gridano vendetta: in Italia l’1% più ricco detiene quanto il 70% della popolazione. Tre persone hanno più soldi del 10% degli Italiani. E ovviamente non si può contare l’enorme quantità di ricchezza accumulata off shore nei paradisi fiscali. L’Italia è uno dei Paesi più ingiusti se pensiamo che negli ultimi 20 anni i più ricchi hanno incrementato i loro patrimoni del 7,6% mentre il 50% dei più poveri ha perso il 36%. Altro dato inquietante è quello dei giovani: oltre il 30% sono sotto gli 800 euro lordi al mese.

Queste sono le conseguenze delle politiche neoliberiste e capitaliste, come il pareggio di bilancio, portate avanti dai governi di centrodestra e centrosinistra in Italia e in UE. Ecco perché c’è bisogno di una tassa sui grandi patrimoni (sopra 800 mila euro) e di aliquote fiscali progressive che facciano pagare più tasse ai ricchi per finanziare lo stato sociale. I poveri esistono perché i ricchi sono troppo ricchi, non per colpa dei migranti come vogliono farci credere. Il rapporto OXFAM ci ricorda dunque la vera emergenza della nostra epoca: la crescita della disuguaglianza mentre ci sarebbe abbastanza ricchezza per affrontare tutti i problemi sociali del pianeta.

Duemila persone nel mondo sono più ricche di 4,6 miliardi di esseri umani e si stima che più di 22 milioni di persone moriranno di fame. La sinistra non può che essere anticapitalista e battersi con misure concrete per contrastare questa barbarie. Per questo non rinunciamo a dirci comunisti e a cercare di unire tutti coloro che non accettano questo stato di cose.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net