martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato dopo pranzo in TV: “Niente da dichiarare?” sabato 11 luglio 2020

Il film consigliato dopo pranzo in TV: “Niente da dichiarare?” sabato 11 luglio 2020

film niente da dichiarare
Il film consigliato dopo pranzo in TV: “Niente da dichiarare?” sabato 11 luglio 2020 alle 14.10 su IRIS (Canale 22)  Rien à déclarer.png
Niente da dichiarare? (Rien à déclarer) è un film del 2010 scritto e diretto da Dany Boon, già noto al pubblico soprattutto per il film record di incassi Giù al Nord. Il 1 ° gennaio 1993, due doganieri, uno belga e l’altro francese, devono occuparsi della chiusura della loro piccola dogana situata tra Courquain in Francia e Koorkin in Belgio. Ruben Vandevoorde, un francofobo ereditario e un ufficiale doganale belga troppo zelante, è costretto a unirsi alla prima squadra mobile franco-belga. Il primo volontario francese per la squadra è Mathias Ducatel, la bête noire personale di Vandervoorde. Lo fa perché si è innamorato della sorella di Vandervoorde, Louise, e ha paura di svelare il loro amore a causa dei problemi che causerà all’interno della sua famiglia. Nel frattempo, nel tentativo di raccogliere fondi per il ristorante No Man’s Land durante la transizione all’accordo di Schengen, Jacques e Irene vengono assunti da un trafficante di droga di nome Duval per trasmettere informazioni relative ai posti di blocco della squadra mobile. Sfortunatamente, le informazioni sono rese inutili poiché il complice di Duval, Tiburce, esilarantemente non riesce a evitare le usanze e finisce in prigione. Nella loro ricerca del trafficante di droga, Vandevoorde e Ducatel si avvicinano, inizialmente perché il prete dice a Vandevoorde che il suo odio verso i francesi lo porterà dritto all’inferno. Ma presto, Vandevoorde inizia davvero a pensare a Ducatel come a un buon amico fino a quando non scopre che Ducatel vede sua sorella in segreto da un anno. A quel punto, estrae la pistola e cerca di sparare a Ducatel ma sua sorella lo ferma, perché lei lo ama. Alla fine, Vandevoorde li accetta come una coppia ma rimane un razzista e il pubblico rimane nell’oscurità se il padre, che è molto più di un francofobo, li accetta o meno. Regia di Dany Boon Con: Benoît Poelvoorde, Dany Boon e Karin Viard Fonte: WIKIPEDIA