mercoledì, Gennaio 19, 2022
Home > Abruzzo > Le opposizioni attaccano: “Abruzzo unica regione in Zona Rossa? Che disastro. Ma Marsilio sapeva…”

Le opposizioni attaccano: “Abruzzo unica regione in Zona Rossa? Che disastro. Ma Marsilio sapeva…”

le opposizioni

Le opposizioni attaccano: “Abruzzo unica regione in Zona Rossa? Che disastro. Ma Marsilio sapeva…”

L’AQUILA – Sull’eventualità dell’Abruzzo unica “Zona Rossa” in Italia, ancora prima dell’ufficialità sono già iniziati gli attacchi delle opposizioni che incalzano il Presidente Marsilio.
Silvio Paolucci e Dino Pepe, rispettivamente Capogruppo e Vicecapogruppo del Partito Democratico, ironicamente in coro:” Grazie Presidente Marsilio. Che disastro”.

A tal proposito ha dichiarato Dino Pepe:“Marsilio, dopo aver deliberato il passaggio della nostra regione in zona rossa il 18 novembre, ora ci fa sapere che ha chiesto al Governo di modificare le norme nazionali e velocizzare il passaggio in zona arancione. Siamo circondati  – ha aggiunto Pepe – da una politica vuota di programmazione, di azioni, di tempismo, di priorità. I cittadini abruzzesi sono esausti per una gestione dell’emergenza finita sulle cronache nazionali, le attività rischiano di restare chiuse una settimana in più sotto Natale, gli operatori sanitari e i cittadini lamentano la grave carenza di vaccini per l’influenza” 

“Presidente,  – si chiede infine Dino Pepe – ce lo dica lei, di cosa la dovremmo ringraziare esattamente?” 
Anche Silvio Paolucci non è tenero con Marsilio e va giù duro “Abruzzo unica regione a rimanere in Zona Rossa? Marsilio conosceva le norme quando decise!”. 

“Ci tornano in mente – ha spiegato Paolucci – le parole del presidente romano Marsilio che solo qualche giorno fa, faceva il giro di tv e radio per annunciare che l’Abruzzo sarebbe stata Zona Rossa per scelta della Regione; e alle domande dei giornalisti rispondeva che “tanto tra pochi giorni saranno tutte rosse le regioni. Ora diciamo al presidente romano – ha continuato Paolucci – che secondo le attuali norme probabilmente a restare Rossa sarà solo la nostra regione“.

Se così fosse “ora Marsilio non può lamentarsi perché: 1) Ha voluto lui la zona rossa anche quando i nostri parametri non erano da zona rossa. 2) Conosceva le norme e sapeva che l’Abruzzo sarebbe potuto di nuovo essere zona arancione il 10 dicembre e dopo altri 14 giorni a ridosso del Natale, zona gialla. Ora – ha commentato Paolucci – siamo appesi ad una qualche possibilità che si modifichino norme valide per tutte le Regioni. Norme che Marsilio conosceva”.
Pertanto, Paolucci pone le seguenti domande al Governatore Marsilio: “Chi vi dovrebbe ringraziare? I cittadini abruzzesi esausti per una gestione emergenza finita sulle cronache nazionali ? Le attività che resteranno chiuse una settimana in più sotto Natale? Gli operatori sanitari e i cittadini per la grave carenza di vaccini per l’influenza? Così la Regione perde credibilità!”


Cristiano Vignali

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net