giovedì, Dicembre 9, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” dell’8 aprile alle 21.25 su Rete 4: ospite Luigi Di Maio

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” dell’8 aprile alle 21.25 su Rete 4: ospite Luigi Di Maio

dritto e rovescio

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” dell’8 aprile alle 21.25 su Rete 4: ospite Luigi Di Maio 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-3.png

Giovedì 8 aprile, a “Dritto e Rovescio” – in prima serata, su Retequattro – Paolo Del Debbio intervisterà il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi di Maio sui temi di più stretta attualità politica, economica e sociale.

Nel corso della puntata Paolo Del Debbio analizzerà il caso Astrazeneca, che continua a suscitare timori in molti cittadini: da settimane in tutta Europa si susseguono frenate e ripartenze nella sua somministrazione a causa dei dubbi sulla sua sicurezza. Con il contributo del prof. Massimo Galli, direttore del Reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, si cercherà di fare il punto della situazione sulla campagna vaccinale e sull’emergenza sanitaria. 

A seguire, ancora ampio spazio al tema dei vaccini – con la difficoltà a raggiungere i numeri auspicati dal Governo Draghi e le polemiche per i “furbetti” che hanno saltato la fila – e dell’aprile blindato che ci aspetta, con l’Italia divisa tra zone arancioni e rosse che, al contrario di altri Paesi, non ha ancora le date per la ripartenza. 

Come di consueto, attraverso testimonianze e racconti, una pagina del programma sarà dedicata alla crisi economica che molte categorie si trovano ad affrontare e alle loro proteste di piazza in tutta Italia. Infine, un’intervista a tutto tondo a Mauro Corona e un dibattito sugli ultimi risultati delle indagini dell’Oms in merito all’origine della pandemia, su cui gravano ancora molte incognite. 

Tra gli ospiti della puntata: l’eurodeputata Silvia Sardone (Lega), il senatore Gianluigi Paragone (Italexit), i deputati Andrea Romano (Pd), Stefano Fassina (Leu) e Gianfranco Librandi (IV).