martedì, Novembre 30, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Jean Cocteau in TV del 14 aprile alle 15.40 su Rai 5: “La macchina da scrivere”

Anticipazioni per il Grande Teatro di Jean Cocteau in TV del 14 aprile alle 15.40 su Rai 5: “La macchina da scrivere”

la macchina da scrivere

Anticipazioni per il Grande Teatro di Jean Cocteau in TV del 14 aprile alle 15.40 su Rai 5: “La macchina da scrivere”

Lucia Mosca on Twitter: "(Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di  Molière del 22 febbraio alle 15.45 su Rai 5: “Il misantropo”) Segui su: La  Notizia - https://t.co/OcN4KZlJWI… https://t.co/bUS2bZ9xXI"

Per il Grande Teatro in TV oggi pomeriggio 14 aprile alle 15.40 va in onda su Rai 5 l’opera teatrale “La macchina da scrivere” scritta nel 1941 da Jean Cocteau nella versione diretta da Mario Landi ed andata in onda sulla Rai nel gennaio 1971. Gli interpreti sono Emzo Tarascio, Raoul Grassilli, Marina Malfatti, Relda Ridoni. Mariano Rigillo ed Alida Valli.

La macchina da scrivere (La Machine à écrire) è un’opera teatrale i in tre atti scritta dal drammaturgo francese Jean Cocteau , presentata in anteprima il 29 aprile 1941 al Théâtre Hébertot di Parigi ed è stata tradotto in inglese come The Typewriter da Ronald Duncan.

Inizio 1939. Albert Willemetz , direttore del Théâtre des Bouffes-Parisiens , incoraggia Cocteau a scrivere, per il boulevard , un dramma ispirato al famoso affare Corrèze delle lettere anonime di Tulle 1 . A maggio, Cocteau ha presentato una prima versione del dramma, ma Willemetz gli ha chiesto di rivedere il testo perché l’esito di questa vicenda di lettere anonime era insoddisfacente. Dopo l’esodo diGiugno 1940, rifugiato a Perpignan, Cocteau ha rielaborato il suo testo, riprendendo interamente il terzo atto. È questa seconda versione nota come Perpignan, con un esito tragico, risalente all’estate del 1940, che verrà utilizzata per la creazione dell’opera nel 1941.

Il tema del gemellaggio

Lo spettacolo si basa sul gemellaggio: uno dei gemelli è “buono” e l’altro è “cattivo”. Questo tema del gemellaggio è ridondante nel lavoro di Cocteau. Il doppio ruolo dei fratelli gemelli interpretato da Jean Marais in The Typewriter risuona con altri personaggi di Cocteau: Gaalad e il falso Galalad in I cavalieri della tavola rotonda , l’anarchico Stanislas, doppio del re in L’aquila a due teste , Ruy Blas e Don César in Ruy Blas , Avenant, il principe e la bestia in La bella e la bestia , tutti interpretati dallo stesso attore.

Il brano appartiene al repertorio boulevard  : un piccolo paese di provincia è stravolto da una serie di lettere anonime. È una piccola famiglia conformista quella che Cocteau sceglie per osservare i disordini della società. Due gemelli (Pascal e Maxime) in una situazione di rivalità, un padre vedovo (Didier) severo e rassegnato, una ragazzina capricciosa ed esasperante (Margot, la nipote) che, dalla sua soffitta, interpreta la pazza di casa e due figure adulte che complicano il gioco: Fred, l’amico di vecchia data, un poliziotto in missione segreta; Solange, il bellissimo e doloroso signore di Malemort, un tempo innamorato del padre, e ora innamorato di Maxime, il figlio maledetto, uscito di prigione, tornò a vagare nella città in decomposizione. Pezzo dal forte tono detective e romantico. Mistero che lo spettatore cerca di svelare: chi è il corvo? Questa è Margot? Maxime o Solange?

Prima versione dell’opera

Offre un lieto fine: nessuno dei protagonisti in cui lo spettatore è stato portato a interessarsi è il corvo. Margot affida la sua vita amorosa a Pascal in modo più chiaro; Solange lascia Malemort per Parigi e pone fine alla sua relazione impossibile con il giovane Maxime, la testa calda di un avventuriero, che emigra in India; Fred diventa l’angelo della riconciliazione generale. Questo lieto fine è reso possibile dall’emergere ex nihilodel colpevole. Il corvo non è altro che la Maid of the Posts, Monique Martinet, chiamata ma invisibile sul palco, permettendoci di uscire dal dramma, appena ci svegliamo da un brutto sogno. Tutti erano sospettati e sospettati, ma alla fine il male veniva da altrove. È questo fine, drammaticamente frustrante, che il popolo del teatro, Albert Willemetz , Jacques Hébertot , Alice Cocéa , Raymond Rouleau , ha voluto vedere modificato. ”  Volevano assolutamente un vero colpevole  ” scrive Jean Marais in ”  Histoires de ma vie  “.

Seconda versione controversa

Propone una modifica importante, nella persona di Solange. La signora di Malemort, una donna matura tardivamente presa dalla passione, diventa così la colpevole sia sorprendente che predestinata del dramma. Uccidendosi, Solange salva la morale in due modi poiché il crimine sociale del corvo e il crimine morale di una donna matura innamorata di un uomo molto giovane vengono puniti.

L’opera così modificata fu rappresentata in prima assoluta, messa in scena da Raymond Rouleau, il 29 aprile 1941 al Théâtre Hébertot . Dapprima rifiutata dalla censura tedesca, che la vede come una critica all’occupazione , poi autorizzata dopo la cancellazione di una scena, l’opera doveva suscitare scalpore. In effetti, fu all’origine di uno dei più grandi scandali che Cocteau avesse conosciuto. L’attacco arriva dalla stampa collaborazionista e in particolare dal quotidiano Je suis partout . Il12 maggio 1941, François Vinneuil, alias Lucien Rebatet , autore del libro antisemita Les Tribus du cinéma et du théâtre , ha scritto un articolo intitolato “  Marais et marécages  ” affermando che questa commedia “  è il tipo stesso di teatro invertito  ”. Alain Laubreaux , il19 maggio e il 16 giugno, continua sullo stesso giornale l’opera di distruzione iniziata da Vinneuil, accusando il dramma di decadenza e perversità. Secondo lui, The Typewriter , con le sue lettere anonime che pretendevano di rendere giustizia, in un momento in cui il regime di Vichy chiamava quotidianamente denunce , rappresentava l’esempio caratteristico del teatro anti-francese. Il risultato dello scandalo è davvero spettacolare: Jean Marais, attraversando una sera di giugno in un ristorante Alain Laubreaux, “si è  rotto la faccia  “.

Questa scena violenta sarà ripresa da François Truffaut nel suo film The Last Metro , nel 1980.

Un pezzo a immagine della società del tempo

In molti modi, The Typewriter , in gran parte precedente all’occupazione , sembra riflettere questo periodo di decomposizione. La città avvelenata da lettere anonime è un riflesso della società malata in cui vivevano gli spettatori nel 1941. È così vero che l’attore Jacques Baumer , interprete di Fred, ha detto alla rivista Vedettes (N ° 29 di31 maggio 1941) che nel terzo atto, quando Jean Marais gridò fragorosamente “  Polizia!  Sentiva che metà della stanza si sarebbe alzata e sarebbe scappata.  

L’opera di Cocteau, infatti, è la controparte teatrale del film Le Corbeau (1943) di Henri-Georges Clouzot . Le due opere sono infatti ispirate a un procedimento penale che a suo tempo fece rumore: il caso delle lettere anonime di Tulle .

Trama

Un’intera città impazzita, esasperata da misteriose lettere che cadevano su ciascuna famiglia, dove i difetti segreti l’uno dell’altro venivano smascherati, denunciati, minacciati di pubblica rivelazione. Un dramma balzacchiano, di cui Jean Cocteau fa un bizzarro intrattenimento psicologico e poliziesco, una sorta di balletto per intellettuali oziosi, a cui non si deve chiedere né plausibilità nelle avventure né verità nei personaggi.

L’azione si concentra su Didier, i suoi gemelli Maxime e Pascal, la figlia adottiva Margot e una giovane vedova, Solange, che amava Didier e che divenne l’amante di Maxime. Il rapporto ambiguo tra questi cinque personaggi e Fred, il loro amico, che, allo stesso tempo indagando sulla vicenda, costituisce l’interesse principale di questa commedia di boulevard che finisce in tragedia , nella versione definitiva del 1941.