giovedì, Maggio 13, 2021
Home > Italia > “T’Adoro, Italia”: il Paese ripensato dai giovani a partire dalla scuola

“T’Adoro, Italia”: il Paese ripensato dai giovani a partire dalla scuola

adoro

“T’Adoro, Italia”: il Paese ripensato dai giovani a partire dalla scuola

Ha i natali in Umbria “T’Adoro, Italia”, il nuovo progetto politico messo in piedi da un gruppo di giovani guidati da Michael Zurino, 29enne da anni impegnato nei settori artistico, culturale e sociale. “È tutto nato da un profondo desiderio di ripensare il Paese a partire dal basso, e quindi dalla scuola – afferma Zurino – Le proposte finora avanzate dalle forze politiche non ci soddisfano. Il futuro merita di più. “Scuola” è per noi la base di una società maggiormente attenta ai talenti e ai sogni di ciascuno, e quindi che ha cura soprattutto della felicità dell’individuo.

Tanti temi che oggi sono all’ordine del giorno sarebbero fuori discussione con una scuola con tali caratteristiche. Ma in questo progetto ambizioso non sono solo. Con me, tanti giovani preparati e desiderosi di un’Italia dalle migliori prospettive. Cito le due persone che mi hanno spinto più di tutte a dare vita a questa nuova creatura. Federica Nossini, 36 anni, giurista esperta e Gioia O. Federici, 30, storica dell’arte.

“T’Adoro, Italia” è già al lavoro sui primi contenuti. Per crescere, avremo bisogno di chi fa della sua passione politica o sociale un vero e proprio strumento di servizio, con originalità, lungimiranza ed un linguaggio che arrivi alla mente e non alla pancia. Vogliamo inoltre che i giovani tornino ad interessarsi della politica, in modo attivo, con la forza di quelle idee che diventano azione e che rafforzano un “noi” collettivo. T’Adoro Italia accoglie giovani energie, appassionate. L’Italia ha bisogno di gente che la adori e che si metta al lavoro per valorizzarne ogni aspetto”.

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.