domenica, Novembre 28, 2021
Home > Mondo > Israele attacca la Striscia di Gaza. Gli ultimi aggiornamenti

Israele attacca la Striscia di Gaza. Gli ultimi aggiornamenti

israele

Israele attacca la Striscia di Gaza. Gli ultimi aggiornamenti

Dopo aver posizionato numerose truppe al confine di Gaza, le forze di difesa israeliane affermano di aver effettuato attacchi aerei contro una vasta rete di tunnel militanti palestinesi.

  • L’esercito di Israele afferma che attacchi aerei e artiglieria hanno preso di mira una rete di tunnel palestinesi 
  • Hamas ha lanciato dozzine di razzi contro Israele per rappresaglia
  • Gli israeliani che vivono vicino al confine di Gaza si sono precipitati ai rifugi antiaerei
  • Almeno 119 palestinesi sono morti, secondo il ministero della Salute di Gaza
  • Nove persone sono state uccise in Israele

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di proseguire con ulteriori attacchi contro Hamas a Gaza.

“Hanno attaccato la nostra capitale, hanno lanciato razzi contro le nostre città. Stanno pagando e continueranno a pagare a caro prezzo per questo”, ha detto dopo i colloqui al quartier generale delle forze di difesa israeliane a Tel Aviv.

Almeno quattro palestinesi sono stati uccisi dal fuoco israeliano in Cisgiordania, compreso uno che ha tentato di accoltellare un soldato israeliano, secondo il ministero della Salute palestinese. 

La violenza in Cisgiordania ha lasciato oltre 100 palestinesi feriti dalle forze israeliane usando gas lacrimogeni e proiettili di gomma, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese citata dall’agenzia di stampa AFP. 

Le forze di Israele hanno aperto il fuoco per disperdere i manifestanti che hanno attraversato il confine libanese con Israele, ha dichiarato l’IDF.

Secondo l’emittente KAN, dozzine di rivoltosi sostenuti da Hezbollah hanno marciato vicino alla barriera di confine. 

Folle dalla Giordania si sono radunate vicino al confine con la Cisgiordania occupata per protestare contro gli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza e le violazioni a Gerusalemme, ha riferito l’agenzia di stampa statale giordana.

I manifestanti hanno marciato verso la zona di Al-Karameh, vicino al valico di frontiera del ponte Allenby, noto in Giordania come il ponte del re Hussein.

La polizia antisommossa giordana ha disperso con la forza i manifestanti che cercavano di raggiungere il ponte, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters. 

Le immagini circolate sulle piattaforme dei social media hanno mostrato centinaia di manifestanti che portavano bandiere palestinesi in mezzo a una forte presenza di sicurezza. Alcuni filmati hanno mostrato altri che marciavano verso la zona di confine.

Gli attivisti avevano esortato il governo giordano ad aprire i confini e lasciarli andare a sostenere i palestinesi.

Il ministro della Giustizia israeliano Benny Gantz ha invitato le piattaforme dei social media a rimuovere rapidamente dai loro siti i contenuti che incitano alla violenza o diffondono disinformazione.

Secondo un portavoce del ministero, Gantz ha detto ai dirigenti di Facebook e Tik Tok durante una riunione su Zoom che l’attuale ciclo di violenza è “intenzionalmente agitato attraverso i social media da elementi estremisti” che hanno giurato di danneggiare Israele.  

Il ministro ha descritto le violenze come “un momento di emergenza sociale e ci aspettiamo la vostra assistenza”.

Il portavoce ha affermato che le piattaforme di social media hanno espresso il loro impegno ad agire rapidamente ed efficacemente per prevenire l’incitamento.

Il capo dell’agenzia di sicurezza interna israeliana Shin Bet afferma che non tollererà la violenza etnica “da parte di arabi né ebrei” dopo gli scontri notturni di questa settimana in alcune città del paese.

Il capo Nadav Argaman ha dichiarato venerdì che l’agenzia “non permetterà ai trasgressori violenti di compiere atti di terrorismo nelle strade di Israele”.

Le città di Lod, Jaffa, Haifa e altre sono state scosse da apparenti attacchi di vendetta da parte di folle arabe ed ebree sul conflitto tra Israele e Gaza.

Argaman ha detto che Shin Bet sta lavorando con la polizia israeliana e la pattuglia di frontiera in quelle città miste.

Lo sforzo è volto a identificare, catturare e perseguire “chiunque cerchi di ferire cittadini israeliani, ebrei e arabi, finché la pace non ritorna nelle strade del Paese”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net