lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film drammatico stasera in TV: “La giusta causa” sabato 22 maggio 2021

Il film drammatico stasera in TV: “La giusta causa” sabato 22 maggio 2021

la giusta causa


Il film drammatico stasera in TV: “La giusta causa” sabato 22 maggio 2021 alle 21 su Iris (Canale 22)

Causagiusta.PNG

La giusta causa (Just Cause) è un film del 1995 diretto da Arne Glimcher ed interpretato da Sean Connery, Laurence Fishburne e Kate Capshaw. È ispirato al libro di John Katzenbach, ma liberamente riadattato.

«Ci sono i poliziotti neri per farti ancora più nero… si chiama affermazione etnica»
(Bobby Earl a Paul)

Paul Armstrong, un professore liberale di Harvard ed ex avvocato di successo e oppositore della pena capitale, è convinto da una donna anziana di colore a recarsi in Florida per indagare e dimostrare l’innocenza del nipote Bobby Earl Ferguson accusato, otto anni prima, di avere stuprato e ucciso una ragazzina di dieci anni Joanie Shriver. Ferguson denuncia ad Armstrong di essere stato indotto a una falsa confessione dal detective afroamericano Tanny Brown con l’asso della violenza e giocando con la “roulette russa”.

Ferguson continua ad affermare la sua innocenza e convince Armstrong a occuparsi del suo caso e non finire sulla sedia elettrica. Armstrong su suggerimento di Ferguson, scopre che l’omicidio è stato effettivamente commesso da Blair Sullivan, un serial killer in attesa di esecuzione nel braccio della morte. Secondo Ferguson, Sullivan con l’uso di indizi criptici biblici, si accusa dell’omicidio della giovane, rivelando in seguito la posizione del coltello usato per uccidere la ragazza. Armstrong e Brown si recano sul posto, dove Armstrong chiede a Brown di recuperare il coltello poiché Brown è l’ufficiale di polizia vero e proprio. Brown cerca di minacciare Armstrong di abbandonare l’indagine. Armstrong scopre allora perché Brown è così appassionato di mantenere Ferguson in galera: la ragazza assassinata era la migliore amica della figlia di Brown. Con una nuova testimonianza e con l’arma del delitto a portata di mano, Ferguson ottiene un nuovo processo e viene assolto. Successivamente, il governatore autorizza l’esecuzione di Sullivan.

A casa, Armstrong riceve una chiamata da Sullivan, che afferma di avere un ultimo indizio da condividere, ma prima vuole che Armstrong faccia visita ai suoi genitori per portargli l’addio del figlio. Arrivato a casa, Armstrong vede vari oggetti religiosi prima di trovare scioccamente i loro corpi in decomposizione. Tornato alla prigione, Sullivan gongola del fatto che lui e Ferguson abbiano fatto un patto: Ferguson avrebbe ucciso i genitori di Sullivan in cambio della libertà, mentre Sullivan avrebbe rivendicato la responsabilità dell’omicidio della ragazza, che Ferguson in effetti aveva commesso. Armstrong chiede perché fosse necessario per il loro piano, e Sullivan risponde che era “la chiamata di Bobby Earl”, nel senso che Armstrong sarebbe molto più credibile nello stabilire i verdetti di Ferguson o Sullivan. Armstrong, nella sua rabbia per essere stato raggirato, mente a Sullivan e gli dice che i suoi genitori erano vivi e che “lo perdonano”. Sullivan si infuria. Successivamente, viene forzatamente portato dalle guardie alla sedia elettrica, dove viene giustiziato.

Armstrong e Brown perseguono Ferguson, dopo che Armstrong sospetta che Ferguson abbia rapito sua moglie e sua figlia. Le motivazioni di Ferguson per tutto si rivelano un desiderio di vendetta per la moglie di Armstrong, Laurie; lei è stata la pubblica accusa contro di lui in un precedente processo per stupro. Ferguson dice di essere stato assolto per un problema tecnico ma che è stato brutalizzato e castrato in carcere, oltre a essere cacciato da Cornell e aver perso una borsa di studio: un fatto, questo, che ha rovinato così la sua vita e il suo futuro.

Nelle paludi regionali locali, Armstrong trova sua moglie e sua figlia in una piccola baracca, dove appare subito Ferguson. I piani di Ferguson includono in qualche modo lo stupro e poi l’omicidio della moglie e della figlia di Armstrong e poi di fare sparire i cadaveri. In un momento critico, Brown riappare (dopo essere stato apparentemente attaccato e ucciso da Ferguson) e lui e Armstrong si uniscono. Feriscono Ferguson, che annega e viene successivamente mangiato da un alligatore. La famiglia di Armstrong è così salvata.

Regia di Arne Glimcher

Con: Sean Connery, Laurence Fishburne e Kate Capshaw

Fonte: WIKIPEDIA