sabato, Maggio 21, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Bernanos del 14 aprile alle 15.30 su Rai 5: “I dialoghi delle Carmelitane”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Bernanos del 14 aprile alle 15.30 su Rai 5: “I dialoghi delle Carmelitane”

i dialoghi delle carmelitane

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di George Bernanos del 14 aprile alle 15.30 su Rai 5: “I dialoghi delle Carmelitane”

Lucia Mosca on Twitter: "(Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di  Molière del 22 febbraio alle 15.45 su Rai 5: “Il misantropo”) Segui su: La  Notizia - https://t.co/OcN4KZlJWI… https://t.co/bUS2bZ9xXI"

Per il Grande Teatro in TV oggi pomeriggio giovedì 4 aprile alle 15.30 va in onda su Rai 5 il dramma “I dialoghi delle Carmelitane” scritto da George Bernanos nel 1949 e messo in onda dalla Rai nel novembre 1962 nella versione diretta da Orazio Costa Giovangigli.

Gli interpreti dell’opera sono Ilaria Occhini, Davide Montemurri, Giulia Lazzarini, Ave Ninchi ed Antonio Meschini.

I dialoghi delle Carmelitane (Le dialogue des Carmélites) è una pièce teatrale di Georges Bernanos (basata sul racconto L’ultima al patibolo di Gertrud von Le Fort)

La storia narra la vicenda delle sedici Martiri di Compiègne, condannate a morte e giustiziate tramite ghigliottina il 17 luglio 1794, a Parigi.

Trama

Durante i difficili anni della Rivoluzione francese, la giovane nobildonna Bianca, su consiglio del padre, il marchese de la Force, decide di entrare nel convento di clausura delle Carmelitane di Compiègne. La necessità di trovare un rifugio sicuro si accompagna a una certa vocazione religiosa, ma, nonostante questo, Bianca ha paura di affrontare i sacrifici e la sofferenza e teme di non essere all’altezza della sua scelta.

Ben presto le autorità rivoluzionarie e il popolo cominceranno a infastidire le monache, accusate di essere delle reazionarie, nemiche della patria, che accaparrano ricchezze e danno ospitalità ai fuggiaschi. Costrette ad abbandonare il convento, le monache fanno voto di essere disposte a sacrificare la loro vita affinché la religione cattolica possa sopravvivere in Francia.

Disperse in piccoli gruppi, verranno quasi tutte arrestate, giudicate colpevoli e condannate a morte. Il corteo che le accompagna alla Piazza del Trono Rovesciato, dove avverrà l’esecuzione, attraverserà le strade di Parigi tra preghiere, benedizioni e canti religiosi. Bianca de la Force, con coraggio, salirà sul patibolo al posto di Madre Maria dell’Incarnazione, che sarà l’unica a salvarsi e che da sola dovrà continuare a praticare l’insegnamento del Carmelo.

Georges Bernanos (Parigi20 febbraio 1888 – Neuilly-sur-Seine5 luglio 1948) è stato uno scrittore francese.

Nato a Parigi nel 1888, ha vissuto l’infanzia per lo più nella regione del passo di Calais. È morto a Neuilly-sur-Seine nel 1948 ed è sepolto nel cimitero di famiglia di Pellevoisin, nella regione dell’Indre. Padre dello scrittore Michel Bernanos, si deve al figlio minore, Jean-Loup Bernanos, morto nel 2003, la biografia e l’iconografia di riferimento riguardo a Georges Bernanos.

Il padre Émile Bernanos era un tappezziere-decoratore originario della Lorena; la madre, Hermance Moreau, proveniva da Pellevoisin, nella regione del Berry, ed era cresciuta in una famiglia d’origine contadina. Bernanos ricevette un’educazione profondamente cattolica e legata alle convinzioni monarchiche. Trascorse le vacanze a Fressin, nell’Artois, regione del nord della Francia, che lo segnò profondamente nel corso di tutta l’infanzia e l’adolescenza, tanto che farà da sfondo alla maggior parte dei suoi romanzi.

Sconvolto dalle successive arrendevolezze di Francia e Regno Unito nei confronti della Germania di Hitler, culminanti nell’accordo di Monaco (1938), si autoesiliò in Brasile, luogo in cui fu uno dei primi ispiratori della Resistenza in Francia. Prima di morire scrisse La Francia contro la civiltà degli automi, pubblicato nel 1947.