lunedì, Agosto 15, 2022
Home > Marche > Diagnosi prenatali patologiche: intervista al dott. Marco Strozzieri

Diagnosi prenatali patologiche: intervista al dott. Marco Strozzieri

latina

Diagnosi prenatali patologiche: intervista al dott. Marco Strozzieri

A San Benedetto del Tronto uno sportello di accoglienza per le maternità difficili, finalizzato a realizzare un punto di riferimento ed un aiuto concreto per donne e famiglie che affrontano diagnosi prenatali patologiche. Ce ne parla il dott. Marco Strozzieri, ginecologo, coinvolto in prima persona nel progetto, che abbiamo intervistato.

Dottor Strozzieri, può parlarci del progetto relativo allo sportello di accoglienza per le maternità difficili, finalizzato a creare un punto di riferimento ed un aiuto concreto a donne e famiglie che affrontano diagnosi prenatali patologiche? In che cosa consiste e come si sta sviluppando?

Buongiorno, La ringrazio molto della opportunità di esporre un progetto così interessante finalizzato a creare un servizio per chi vive una situazione particolare come quello della maternità difficile. Un sincero ringraziamento al Professor Giuseppe Noia, docente di medicina dell’ Età Prenatale presso la Università del Sacro Cuore di Roma che mi ha accolto e dato la possibilità di essere al servizio di famiglie che hanno la necessità di un punto di riferimento nel difficile ma non impossibile percorso del proseguimento della maternità con feto con diagnosi patologica. Il progetto nasce dalla esigenza di una alternativa all’aborto nei casi di diagnosi patologica attraverso cure prenatali e accompagnamento del feto terminale. Il riferimento per le cure prenatali è il Prof. Giuseppe Noia con la sua equipe.

Di fronte ad una diagnosi patologica si può scegliere di non abortire e si può accedere alle cure prenatali ed alle cure palliative. Inoltre nel caso in cui venisse diagnosticata al bambino una patologia incompatibile con la vita, si può decidere di farlo nascere e accompagnarlo fino all’esito naturale.

Lo sportello accoglie quelle famiglie che amorevolmente guardano il proprio figlio con un amore così grande da non vedere la malattia o la prospettiva della morte dopo la nascita ma prioritario è il loro bambino. La malattia è comunque una realtà che crea disagio, dubbi, sofferenza. Il supporto medico allora interviene al servizio delle famiglie come braccio scientifico offrendo l’opportunità di una consulenza in modo da informare in modo equilibrato, nel rispetto delle decisioni, così da trattare il proprio nascituro come individuo e consentire ai genitori di avere una ragionevole speranza e sostenere la famiglia nel difficile percorso che intraprende.

Qual è l’iter da seguire una volta scoperto che il feto è affetto da malformazioni?

Nel primo step, i genitori possono rivolgersi allo sportello che li accoglie e li sostiene fornendo loro un punto di riferimento. Successivamente vengono indirizzati al Policlinico Gemelli dove verranno accolti dal Prof. Noia per una valutazione specialistica ostetrica e successivamente multidisciplinare ( neonatologica, psicologica e chirurgica in caso di necesstà ) che traccerà il percorso da seguire. Lo sportello ha una figura medica responsabile ed ha il supporto di un gruppo di famiglie che hanno condiviso il percorso della maternità difficile e pertano particolarmente in grado di comprendere ed essere di riferimento vista l’esperienza vissuta.

Quali sono a suo avviso le malformazioni più facili e quelle più difficili da diagnosticare?

Rispondo molto brevemente.. Le facili quelle macroscopicamente evidenti all’esame ecografico già dal primo trimestre come alcune malformazioni del sistema nervoso tipo l’acrania caratterizzata dall’assenza delle ossa della volta cranica. Le difficili sono quelle particolrmente difficili da evidenziare come per esempio la spina bifida occulta.

C’è una particolare esperienza vissuta in qualità di medico che ha piacere di raccontarci?

L’accompagnamento dei genitori che vivono l’esperienza della maternità difficile è una esperienza unica, ricchissima, anche gioiosa che costantemente fa riflettere sul significato e grandezza della Vita nascente, che unisce i componenti dello sportello e le famiglie che devono affrontare il percorso della diagnosi prenatale patologica.. Non dimenticherò mai la forza, la determinazione, le lacrime, ( espressione di sofferenza e preoccupazione ), di su un volto poi immediatamente sorridente (per il gesto di amore per il loro bambino e la Vita nascente ) , di una mamma e papà che hanno deciso di portare avanti una gravidanza con diagnosi prenatale patologica già preceduta da una gravidanza sempre con diagnosi
prenatale patologica e con accompagnamento della loro bimba fino all’’esito naturale dopo 2-3 giorni dal parto. Dalla esperienza condivisa è nata una profonda amicizia.

Quali consigli e quale messaggio si sentirebbe di dare alle donne che riscontrano difficoltà
di questo tipo con la gravidanza?

Direi di ascoltare e seguire ciò che avvertono nel profondo del loro cuore. L’esperienza mi ha insegnato che una mamma non vuole abortire e spesso sento dire ..non voglio ma lo debbo fare. E’ comprensibile la preoccupazione per il futuro di un figlio e in mancanza di sostegno prevale il condizionamento esterno,- amici, parenti, difficoltà lavorative, – che potrebbe indirizzare verso l’aborto.

Noi dello sportello ci siamo e la porta è aperta a tutti. Non bisogna avere paura di accogliere la Vita nascente. Una piccola creatura può dare origine ad un immensa realtà.Concludo con l’espressione di San Giovanni Paolo II all’inizio del suo pontificato: non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net