mercoledì, Agosto 10, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film cult stasera in TV: “Superman” mercoledì 27 luglio 2022

Il film cult stasera in TV: “Superman” mercoledì 27 luglio 2022

superman

Il film cult stasera in TV: “Superman” mercoledì 27 luglio 2022 alle 21.10 su Twenty Seven (Canale 27)

Superman è un film di fantascienza del 1978, diretto da Richard Donner e interpretato da Marlon BrandoChristopher Reeve e Gene Hackman.

Il soggetto è tratto dall’omonimo personaggio dei fumetti della DC Comics ideato da Jerry Siegel e Joe Shuster. La pellicola fu distribuita nelle sale statunitensi il 10 dicembre 1978; nelle sale italiane giunse il 9 febbraio 1979. L’opera cinematografica è conosciuta anche con il titolo Superman: Il film (Superman: The Movie), usato nel materiale promozionale.

Ebbe un grandissimo successo, prima presso il pubblico americano poi nel resto del mondo: ha avuto tre seguiti: Superman II, girato contemporaneamente al primo e con un cast praticamente invariato, Superman III, e Superman IV; di questi tre, solo il primo seguito ottenne un successo pari se non superiore al primo film, mentre gli altri due ebbero scarso successo sia di pubblico sia di critica, motivo per il quale la serie cinematografica dedicata a Superman fu interrotta, almeno fino all’uscita di Superman Returns nel 2006.

Benché preceduto da alcune altre produzioni di questo filone, il primo Superman è considerato il capostipite dei film di supereroi, essendo il primo prodotto cinematografico di successo girato con notevoli mezzi. Il successo di Superman convinse i produttori, anni dopo, a realizzare altri adattamenti basati sui supereroi dei fumetti, tra i quali Batman di Tim Burton nel 1989.[1]

In Italia è uscito al cinema venerdì 9 febbraio 1979 distribuito dalla Warner Bros.[2][3]

Pianeta KryptonJor-El, uno degli uomini più influenti del pianeta, accusa davanti al Consiglio di Governo tre pericolosi ribelli criptoniani, il generale ZodUrsa e Non, di avere complottato per rovesciare l’ordine costituito, facendoli condannare all’esilio perpetuo nella Zona fantasma, una zona della galassia in cui i prigionieri esistono in una sorta di limbo, alienati dal resto dell’universo.

Geniale scienziato, Jor-El successivamente informa le autorità che il mondo kryptoniano è condannato a venire risucchiato nel proprio sole rosso nel giro di soli trenta giorni e che è pertanto indispensabile iniziare a trasferire l’intero popolo su un altro mondo abitabile. Il Consiglio di Governo teme che Jor-El voglia scatenare il panico, e le sue teorie vengono respinte: la comunità scientifica è infatti convinta che Krypton stia soltanto cambiando la propria orbita e che non sussista alcun vero pericolo per la popolazione. Jor-El allora, in accordo con la moglie Lara, costruisce una piccola astronave con la quale salvare almeno il piccolo figlio Kal-El verso un mondo incredibilmente lontano, che i nativi chiamano Terra, illuminato da un sole giallo, lo stesso che, data l’insolita biologia genetica e molecolare dei Kryptoniani, gli conferirà poteri superumani; il veicolo viene lanciato nell’iperspazio appena in tempo, e il pianeta esplode violentemente insieme con il proprio sole, esattamente come lo sventurato Jor-El aveva previsto. Il viaggio, che avviene alla velocità della luce, per il veicolo durerà tre anni, mentre per il resto dell’universo trascorreranno molti secoli.

Il piccolo Kal-El raggiunge la Terra e si schianta in un campo di grano a Smallville, in Kansas, dove viene trovato e adottato dai coniugi Jonathan e Martha Kent, che lo chiameranno Clark. Quando compie i diciotto anni, Clark Kent ha già sviluppato moltissimi dei suoi poteri: può correre più velocemente di un treno, può vedere attraverso gli oggetti e può addirittura sollevare a mani nude degli autoveicoli. L’unico tormento che lo insegue è la curiosità circa le sue vere origini e il motivo per cui dispone di questi straordinari poteri, che lo rendono diverso dagli altri.

Alla morte del padre adottivo Jonathan, Clark ritrova un misterioso cristallo verde luminoso e percepisce di doversi recare nell’Artide; giunto tra le nevi e i ghiacci perenni, lancia il cristallo nel mezzo di una calotta, da cui emerge una struttura cristallina monumentale, la Fortezza della solitudine; Clark accede alle memorie in essa custodite, frutto del lavoro di suo padre Jor-El, la cui proiezione gli riferisce che egli è l’unico superstite di un pianeta esploso ormai da centinaia di anni. Sotto la guida paterna, Clark comprende chi è in realtà, e che cosa deve fare: aiutare l’umanità a evolversi senza però interferire nella sua storia.

All’età di trent’anni, Clark inizia a lavorare come redattore presso il Daily Planet, la principale testata giornalistica della città di Metropolis, dove recita la parte del ragazzetto imbranato, timido e ridicolmente goffo; al suo fianco lavorano la giornalista Lois Lane, il giovane fotografo Jimmy Olsen e il redattore capo Perry White. Proprio in quei giorni, nei sotterranei di Metropolis, il potente criminale Lex Luthor sta tirando i fili per completare una folle e complessa macchinazione che gli frutterebbe miliardi di dollari; da tempo, infatti, sta comprando a prezzi stracciati molti terreni brulli e desertici in California, e tra breve il governo statunitense lancerà due missili atomici sperimentali: il suo intento è riprogrammarli perché esplodano sulla Faglia di Sant’Andrea, facendo sprofondare la California in mare e provocando un enorme rialzo del prezzo dei terreni acquistati.

Clark fa la sua prima apparizione, in costume blu con un mantello rosso, per salvare la vita a Lois, in pericolo su un elicottero, sventando poi due rapine e salvando l’Air Force One del Presidente degli Stati Uniti da un temporale devastante. Tornato alla Fortezza della Solitudine, Kal-El chiede al padre Jor-El consiglio sul da farsi, e il padre gli suggerisce di mantenere la sua identità terrestre e di continuare ad aiutare i bisognosi, ricordandogli di non interferire con la storia umana per alcun motivo.

Lois Lane intervista lo sconosciuto eroe, che le riferisce di arrivare dal pianeta Krypton e di essersi messo a disposizione per servire la giustizia; è proprio lei a coniare il nome con cui l’insolito paladino della giustizia diverrà famoso: Superman. Lex Luthor, frattanto, si rende conto che, per evitare ostacoli alla realizzazione del suo piano, deve eliminare il nuovo eroe; indagando sulle origini del nemico, scopre che alcuni frammenti del pianeta esploso, composti di kryptonite, sono arrivati in massa sulla Terra, e che questo minerale avrebbe effetti letali su qualunque kryptoniano.

Parlando tramite ultrasuoni, Luthor invita Superman nel suo rifugio, facendogli credere con l’inganno che sta per uccidere il popolo di Metropolis con gas letale. Quando i due finalmente si incontrano, il folle criminale espone il supereroe alle radiazioni di un frammento di kryptonite, che in pochi istanti indebolisce Superman fino quasi a ucciderlo. Intanto, i due missili riprogrammati vengono lanciati su due traiettorie opposte: uno diretto in California e l’altro nel New Jersey. La bella collaboratrice di Lex Luthor, Miss Teschmacher, temendo per le sorti della propria madre, che abita nella zona che verrà colpita dall’impatto dell’esplosione (Hackensack, nel New Jersey appunto), libera Superman dal meteorite mortale; riacquistata la propria forza, il supereroe tenta di fermare i due missili, ma riesce a deviarne solo uno; l’altro, esploso nel punto voluto da Luthor, causa una catastrofe e la faglia di Sant’Andrea inizia a spostarsi. Superman fa l’impossibile in pochi minuti: salva un pulmino scolastico, si sostituisce alle rotaie ormai divelte per far passare indenne un treno mentre il Golden Gate è crollato, raggiunge il sottosuolo e rialza il poco terreno finito in mare, e blocca la piena proveniente dalla diga ormai distrutta. Tuttavia, una sciagura lo sorprende: Lois Lane, infatti, è in California, nei pressi della Diga di Hoover, per riportare al Planet un colossale scoop giornalistico proprio sul grosso magnate che sta comprando a un prezzo molto alto alcuni terreni praticamente senza valore. Mentre sta guidando su una strada in mezzo al deserto, la giornalista cade con la sua auto in una voragine aperta dal terremoto; Superman ode la chiamata di aiuto della ragazza con il superudito, ma il terremoto è più veloce: giunto sul posto, può solo constatare la morte dell’amata. Fuori di sé, violando il comando del padre che gli impone di non interferire nella storia degli uomini, Superman torna indietro nel tempo di alcuni minuti (volando a velocità superluminale intorno alla Terra), così da salvare la donna. Alla fine, Superman consegna alle patrie galere Lex Luthor, infuriato per la sconfitta e il denaro perduto.

Regia di Richard Donner

Con: Marlon BrandoChristopher Reeve e Gene Hackman

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://en.wikipedia.org/wiki/Superman_(1978_film)#/media/File:Superman_(1978_film_poster).jpg