mercoledì, Settembre 28, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film thriller stasera in TV: “The cell” giovedì 25 agosto 2022

Il film thriller stasera in TV: “The cell” giovedì 25 agosto 2022

the cell

Il film thriller stasera in TV: “The cell” giovedì 25 agosto 2022 alle 21:20 su Rai 4

The Cell – La cellula (The Cell) è un film horror fantascientifico del 2000 diretto da Tarsem Singh e interpretato da Jennifer LopezVince Vaughn e Vincent D’Onofrio.

n un futuro non troppo lontano, una particolare tecnologia permette ad addetti specializzati di venire proiettati all’interno della mente di pazienti in cura presso laboratori sperimentali. Catherine è un’assistente sociale che lavora in uno di questi centri e da tempo sta lavorando con Edward, un bambino in coma: nel tentativo di risvegliarlo a cadenza regolare si immerge nella sua mente al fine di conquistare la sua fiducia e liberarlo dalle costrizioni che lo tengono intrappolato dentro se stesso.

Nonostante i progressi fatti, i genitori del piccolo decidono di fermare la sperimentazione e tentare altri modi per risvegliare il figlio.

Nel frattempo viene catturato Carl Stargher, un maniaco che uccide le proprie vittime facendole annegare all’interno di una cellula sigillata che si riempie poco per volta d’acqua e trasformandole successivamente in oggetti sessuali. Carl viene catturato dall’agente Peter Novak, ma cade in coma una volta esauriti gli psicofarmaci che lo tenevano lucido e gli permettevano di controllare le voci terribili e perturbanti nella sua testa.

Dal momento che l’ultima vittima non viene ritrovata e calcolando che secondo le abitudini dell’uomo la donna potrebbe ancora essere viva, sebbene per ancora poco tempo, si decide di trasportare Carl al centro dove lavora Catherine e si chiede a questa di investigare nella mente di quegli per trovare la cellula di tortura messa in atto dalla sua parte mostruosa. Questo naturalmente comporta grossi rischi per Catherine che, visti i problemi dell’uomo, potrebbe perdersi all’interno della mente distorta di Carl e non riuscire a fare ritorno.

Fin dalla prima immersione è infatti chiaro che l’uomo è particolarmente disturbato e vede se stesso come un despota malvagio all’interno di un proprio mondo perverso, in cui le sue vittime assumono le sembianze di bambole abusate e irriconoscibili. Catherine, terrorizzata, riesce ad uscire dalla mente di Carl poco prima di venire aggredita. Fuori esterna le sue paure, ma Novak le pone la questione della salvezza dell’ultima ragazza rapita e la convince a rientrare nella testa di Carl.

Catherine accetta a malincuore. Già dal secondo viaggio si accorge che in Carl esistono due personalità: Carl da adulto (il mostro) e Carl bambino (l’innocenza). Desiderosa di aiutare il Carl bambino, decide di inoltrarsi ulteriormente nella sua mente per aiutarlo.

Man mano che le investigazioni proseguono Catherine adotta il suo solito metodo tentando di guadagnarsi la fiducia del bambino per poter poi conoscere le risposte che sta cercando sulla cellula. Scopre così che Carl da bambino veniva picchiato e abusato dal padre, uomo mentalmente disturbato e membro di una setta religiosa. Ciò aveva causato in Carl un terribile trauma rendendolo schizofrenico e mentalmente instabile.

Carl bambino si dimostra disposto ad essere aiutato da Catherine ma è preoccupato per quanto riguarda il mostro e per ciò che questo può fare alla donna, nei cui confronti è anzi protettivo. Catherine passa dal mondo di Carl bambino a quello di Carl adulto, cercando di farsi dire dove ha nascosto la ragazza rapita. Ma il mostro riprende il sopravvento e alla fine colpisce Catherine, catturandola nella sua rete. Di conseguenza, la donna non ricorda più chi sia e diventa parte della realtà distorta dell’uomo, trasformandosi in uno dei suoi oggetti sessuali.

A questo punto, vedendo la difficoltà della donna, l’agente Novak decide di entrare anche lui nella mente di Carl e liberare Catherine. Una volta entrato però l’uomo trova una Catherine totalmente fuori di sé, trasformata in una dominatrice sessuale.

Questo lo spiazza e permette a Carl di avere il sopravvento su di lui. Viene così torturato, ma fa in tempo a risvegliare Catherine dal suo stato di trance. Catherine, allora, riesce a liberarsi e tirar fuori con sé l’agente.

Nonostante tutto, alla fine del viaggio viene identificato il simbolo di produzione dei macchinari usati da Carl per la preparazione dei cadaveri. Tramite altri indizi, Novak riesce a trovare la cellula in mezzo ad una zona desertica, sottoterra (il motivo del deserto era anticipato sin dall’inizio del film), e a liberare la ragazza intrappolata appena in tempo per evitarne l’annegamento.

Catherine, però, si accorge che dentro Carl non è ancora stata risolta la lotta tra il Carl mostro e il Carl fanciullo. Inverte così il procedimento e lascia entrare Carl all’interno della sua mente, mettendo a rischio la propria integrità.

Nella sua mente, ora Catherine rappresenta se stessa come una donna quasi soprannaturale, animata da una grande tenerezza materna verso il Carl bambino, ma anche da una invincibile determinazione a sconfiggere il Carl adulto, che appare invece con sembianze spaventose. Avviene perciò uno scontro violento tra Catherine e il mostro, ma alla fine la donna riesce ad avere la meglio, ferendo il suo avversario mortalmente.

È infatti avvantaggiata, in quanto, nel mondo della sua mente, è lei a essere la più forte. In quello stesso momento, però, Catherine vede che anche il Carl bambino cade a terra ferito e sanguinante. Allora, il morente Carl adulto, con fare derisorio, le spiega che, ormai, lei ha ucciso entrambi, affermando che i due Carl sono la stessa cosa.

Catherine fa appena in tempo a prendere fra le braccia il Carl bambino e a esaudire la sua ultima richiesta, quando i due Carl esalano contemporaneamente l’ultimo respiro: momento, questo, che corrisponde anche alla morte del Carl reale. Catherine ritorna quindi alla realtà, rattristata per non essere riuscita a fare di più per salvare Carl. Poco tempo dopo, l’agente Novak fa un sopralluogo nell’appartamento di Stargher con l’FBI, e Catherine lo raggiunge per salutarlo.

La donna prende con sé Valentino, il pastore tedesco albino di Stargher e Novak le rivela che ha deciso di dimettersi, sconvolto dall’esperienza vissuta. In più, Catherine gli fa sapere che ha deciso di continuare a ricorrere all’inversione del processo, lasciando che siano i suoi pazienti ad entrare nella sua mente. In questo modo potrà avere un maggior controllo della situazione e creare un distacco terapeutico tra la persona malata e i suoi incubi. I due si salutano con la promessa di rivedersi.

Catherine, allora, cerca di riacquistare la fiducia del piccolo Edward, il suo paziente di sempre, portandolo appunto nella sua mente.

Regia di Tarsem Singh

Con Jennifer LopezVince Vaughn e Vincent D’Onofrio

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://en.wikipedia.org/wiki/The_Cell#/media/File:Thecellposter.jpg