mercoledì, Settembre 28, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “Annabelle 2 – Creation” venerdì 23 settembre 2022

Il film horror stasera in TV: “Annabelle 2 – Creation” venerdì 23 settembre 2022

annabelle 2

Annabelle 2: Creation (Annabelle: Creation) è un film del 2017 diretto da David F. Sandberg ed interpretato da Stephanie SigmanLulu Wilson, Talitha Bateman e Anthony LaPaglia.

Si tratta di un prequel del film Annabelle, e il quarto capitolo cinematografico dell’universo immaginario di The Conjuring.

1943. Samuel Mullins produce delle pregiate bambole artigianali. Lui e la moglie Esther hanno una figlia di sette anni, Annabelle, detta Bee. Una mattina, tornando dalla messa domenicale, la famiglia rimane con l’auto in panne. Mentre Samuel tenta di ripararla, un bullone cade al centro della strada, suscitando l’attenzione di Annabelle che, precipitatasi a raccoglierlo, viene investita ed uccisa da un’altra autovettura di passaggio.

Passano dodici anni. I Mullins decidono di ospitare alcune giovani orfane rimaste senza dimora dopo la chiusura del loro orfanotrofio, guidate da suor Charlotte, che nel suo passato ha operato nel Monastero di Cârţa in Romania. Le ragazze sono Janice, con una disabilità motoria alla gamba, Nancy, Carol, Kate, Tierney e Linda, la migliore amica di Janice e la più piccola del gruppo. Nell’esplorare la casa, Janice trova uno stipite di una porta con incise delle altezze, come se fosse stata la cameretta di un bambino, ma quando tenta di entrare viene fermata dal signor Mullins, il quale la avverte che quella porta deve rimanere chiusa. Alla fine Janice si sistema in una camera piena di bambole non terminate insieme a Linda.

Una notte, Janice viene attirata da qualcuno che lascia dei bigliettini sul pavimento e decide di avventurarsi nella stanza chiusa che scopre essere una cameretta perfettamente allestita per una bambina, con una grande casa delle bambole. All’interno di quest’ultima trova una chiave, che apre un armadio al cui interno è custodita una bambola in porcellana. I tentativi di richiudere il ripostiglio risultano vani e, temendo di essere scoperta dal signor Mullins,

Janice esce frettolosamente dalla camera. Da quel momento iniziano a susseguirsi avvenimenti paranormali attraverso i quali Janice capisce che la bambola era il contenitore di uno spirito ora libero, in apparenza quello della figlia dei Mullins. Janice decide di confessare il peccato commesso a suor Charlotte e, nel frattempo, anche le altre ragazze iniziano a vivere delle esperienze paranormali: Linda viene presa di mira dalla bambola di porcellana trovata da Janice; e Carol e Nancy, mentre giocano a raccontarsi storie paurose durante la notte, vengono attaccate da uno spirito con le sembianze della signora Mullins.

Dopo aver origliato una conversazione tra suor Charlotte e la signora Mullins, in cui quest’ultima ha raccontato della morte di sua figlia, Janice si imbatte in una foto che ritrae proprio la piccola Annabelle insieme all’inquietante bambola. Janice decide dunque di tornare nella stanza di Bee e qui incontra uno spirito con le sue sembianze, ma quando le chiede di che cosa abbia bisogno la bambina si rivela per quello che è: un demone che vuole impossessarsi del corpo della bambina. Mentre tenta di scappare dall’entità, la bambina rimane bloccata sul montascale, finché una forza invisibile non la fa precipitare giù dalle scale. Janice riesce a sopravvivere, ma rimane paralizzata sulla sedia a rotelle.

Questo fatto mina la fede e le speranze residue della ragazza. Qualche giorno dopo, mentre si trova all’aperto, la sedia di Janice viene afferrata da un’entità con l’aspetto di suor Charlotte, che la spinge violentemente nel fienile, dove Janice viene infine posseduta dallo spirito con le sembianze di Annabelle. Janice sfoga allora la sua furia omicida, inizialmente uccidendo il signor Mullins.

Suor Charlotte si rivolge quindi ad Esther, moglie di Samuel, la quale è costretta a letto a causa delle sue condizioni fisiche, per le quali indossa anche una maschera di porcellana. La signora Mullins spiega a Suor Charlotte che dopo la morte della figlia lei e il marito hanno cercato in tutti i modi di entrare in contatto con Annabelle attraverso medium e pratiche religiose poco ortodosse, riuscendoci. Inizialmente il contatto era debole e lo spirito della figlia si manifestava di rado. Con il passare del tempo, tuttavia, lo spirito ha guadagnato forza anche dopo aver ottenuto dai Mullins il permesso di poter prendere possesso della bambola. I due coniugi, però, si sono accorti che lo spirito non era quello della figlia, ma qualcosa di malefico e pericoloso. Dopo che la signora Mullins è stata gravemente ferita al volto dalla creatura, motivo per il quale indossa la maschera, i due hanno deciso di chiudere la bambola nell’armadio, benedetto e tappezzato di pagine della Bibbia. Ospitando le ragazze dell’orfanotrofio come forma di redenzione, i coniugi hanno in realtà fornito ciò che lo spirito voleva: un modo per liberarsi delle spoglie della bambola e prendere possesso di un nuovo corpo.

Nella casa regna il terrore: la signora Mullins viene uccisa e ritrovata crocifissa al muro della sua stanza, tagliata a metà. Dopo che Janice ferisce anche suor Charlotte, comincia a braccare le altre ragazze, compresa l’amica Linda, che in precedenza, notando lo strano comportamento dell’amica, aveva cercato di sbarazzarsi della bambola gettandola in un pozzo vicino alla casa ed era stata attaccata dal demone. Suor Charlotte, dopo essersi ripresa, riesce a rinchiudere la bambola e Janice nell’armadio, proprio mentre questa cerca di accoltellare Linda. All’arrivo della polizia, l’armadio presenta un buco nella parete e Janice non viene ritrovata. La casa verrà in seguito benedetta da padre Massey e la bambola portata via dalle autorità, mentre le ragazze e suor Charlotte se ne vanno dalla casa.

Successivamente si viene a sapere che Janice è scappata in un altro orfanotrofio ed è stata poi adottata dai coniugi Sharon e Pete Higgins, residenti a Santa Monica. Ai nuovi genitori, che nel frattempo le hanno regalato una bambola di pezza dai capelli rossi, Janice si presenta come Annabelle. Nel 1967, dopo essere scappata di casa per unirsi alla setta satanica “I discepoli dell’ariete”, Annabelle/Janice uccide i genitori adottivi insieme al suo compagno, anch’esso appartenente alla setta. Sentite delle urla provenienti dalla casa a fianco, Mia Gordon manda suo marito John a controllare cosa sia successo. È in questo modo che la narrazione si collega al primo film.

Dopo la conclusione del film, in un primo finale a sorpresa, si rivede la bambola di Annabelle che, abbandonata in una stanza buia, muove per un istante il capo. In un secondo finale a sorpresa, nel Monastero di Cârţa in Romania, la suora demoniaca Valak, già riconoscibile per alcuni istanti del film in una vecchia fotografia di suor Charlotte scattata insieme ad alcune suore di clausura, avanza in un corridoio buio, ricollegando la narrazione anche agli eventi di The Nun – La vocazione del male, avvenuti tre anni prima, nel 1952, e lasciando intendere che le presenze demoniache sono in qualche modo accomunate.

Regia di David F. Sandberg

Con: Stephanie SigmanLulu Wilson, Talitha Bateman e Anthony LaPaglia

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://mediasetinfinity.mediaset.it/article/infinity-plus/annabelle-3-streaming-infinity-plus_a26569