giovedì, Dicembre 1, 2022
Home > Mondo > Dagli Europei ai Mondiali, da George Floyd alle giovani iraniane, chi si inginocchia stavolta?

Dagli Europei ai Mondiali, da George Floyd alle giovani iraniane, chi si inginocchia stavolta?

dagli europei

Dagli Europei ai Mondiali, dal poliziotto statunitense alla polizia morale iraniana, chi si inginocchia questa volta? – Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ha dichiarato durante la conferenza stampa di inaugurazione dei mondiali di calcio che “noi europei per quello che abbiamo fatto negli ultimi tremila anni dovremmo scusarci per i prossimi tremila anni prima di dare lezioni morali agli altri”.

Io, “cittadino semplice” europeo che non ha nessun desiderio di dare lezioni di morale a chicchessia, desidero, però, chiedere al presidente Infantino se le persone uccise dalla polizia per un eccesso di violenza da parte della stessa vanno ricordate tutte con la stessa enfasi e sdegno oppure no.

Tutti noi ricorderemo come agli ultimi europei di calcio in Inghilterra la pressoché totalità dei giocatori si inginocchiasse prima del fischio di iniziò della partita. 

Atto che veniva compiuto in memoria di un afro americano di nome George Floyd, uomo che nel maggio precedente ai campionati europei veniva ucciso con un ginocchio sul collo da un poliziotto della Contea di Minneapolis negli Stati Uniti.

Probabilmente in molti ricorderanno anche lo sdegno dei commentatori televisivi nei confronti di quei giocatori che si rifiutarono di compiere il gesto di inginocchiarsi.

Ebbene era lo scorso settembre, allorquando a Teheran Masha Amini, ragazza curdo-iraniana di ventidue anni, moriva uccisa in carcere dopo essere stata arrestata dalla polizia morale iraniana.

Era “colpevole” di essersi tolta il velo ed aver fatto vedere i propri capelli in pubblico. Questo il motivo che portò la polizia morale del suo paese ad ucciderla.

Scaturirono da quell’ inaccettabile fatto proteste in tutto l’Iran e, durante una di queste, una ragazza di vent’anni con i capelli biondi volle girare un video.

Questa giovane si chiamava Hadid Najali ed era probabilmente pronta ad affrontare la repressione della polizia morale iraniana, altrettanto probabilmente non era pronta a morire. 

Hadid Najali fu uccisa da 6 colpi di pistola sparati dalla stessa polizia morale che la colpirono al viso ed al petto.

A sparare uno o più poliziotti iraniani. La motivazione di tanta violenza quella di essersi permessa di togliersi il velo ed aver, senza velo, protestato nella città di Karaj a venti chilometri dalla capitale iraniana.

Hadid protestava per l’assassinio della sua collega universitaria in un carcere iraniano perché aveva deciso di togliersi il velo e liberare al vento di Teheran i suoi capelli. Questo è stato sufficiente per ammazzarla.

Masha ed Hadid non sono le uniche ragazze morte per aver contestato l’obbligo di indossare il velo in Iran in questi tristi mesi di protesta e repressione.

Sarebbero, infatti, almeno quarantuno i morti durante le manifestazioni, in alcuni casi delle minorenni. 

Adolescenti che volevano liberarsi dall’obbligo del velo. Una di diciassette anni buttata giù dal tetto di un palazzo.

Nessuna rapina, nessuno spaccio o induzione alla prostituzione come nel caso americano, solo ricerca di libertà, voglia di sognare, di esistere, di parlare, di pensare. 

In Iran parrebbe essere un reato per cui si può essere uccisi, che si trratti di una adolescente o una giovane universitaria, piuttosto che di una donna.

Ieri, 21 novembre, si sono aperti i campionati mondiali di calcio in Qatar. Nessuno si è inginocchiato in memoria di quelle giovani vite iraniane.

Ricordate i campionati europei in Inghilterra? Ricordate i giocatori pressoché tutti inginocchiati per marcare la loro, e delle loro federazioni nazionali, indignazione per quanto era successo negli Stati Uniti? 

Sarebbe bello vedere le stesse federazioni nazionali chiedere lo stesso gesto ai loro tesserati per queste povere giovani iraniane. 

Senza voler insegnare la morale a nessuno, ma dando pari dignità a fatti che vedono essere colpevoli poliziotti che, in spregio del loro dovere di difendere la vita umana, si sono assurti a carnefici.

Se nessun calciatore, nessuna federazione nazionale, vorrà esprime sdegno pubblico per le morti di quelle giovani ragazze iraniane, noi “cittadini semplici” non potremmo che comprendere che il mondo del calcio non reputa la vita di giovani donne, in alcuni casi adolescenti, di eguale dignità di quella di un afro americano ucciso da un poliziotto bianco.

Sia le prime che il secondo uccisi da alti di esponenti delle forze dell’ordine.  Atti, tutti, egualmente scellerati. Atti, tutti, egualmente Inaccettabili.

Atti che, però, il mondo del calcio mondiale non ha ricordato con eguale sdegno e fermezza.

Noi “cittadini semplici” dovremo iniziare ad avere paura che di diritti delle donne, tema tanto presente nel nostro amato mondo occidentale, non si debba parlare allorquando non serva a fare propaganda nelle nostre nazioni. Propaganda che ha sempre un colore, una ideologia, una posizione politica. Quanta tristezza nel vedere tanta iniquità.

Caro mondo del calcio batti un colpo, dai a noi la speranza che tu sia ancora libero di pensare autonomamente.

Caro mondo del calcio inginocchiati per queste povere ragazze come con tanto orgoglio facesti, solo due anni fa nel campionato europeo, per i fatti americani.

Se non saprai essere altrettanto “attento ai valore della vita” anche questa volta, caro mondo del calcio non ci disturbare più. 

Continua a tirare calci a quel pallone, ci continueremo a divertire ed a rilassarci nel vedere ventidue giovanotti in mutandoni correre spensierati in un campo verde invidiandoli per quanto guadagnano solo per “giocare”, ma lascia ad ambienti più seri e liberi i messaggi sulla morale.

Tu, o mondo del calcio miliardario, ci avrai, infatti, dimostrato che dei temi morali ti ricordi esclusivamente quando fa comodo a te o ai tuoi amici e non perché la tua morale ti costringe a prendere posizione memore che i comportamenti di quei ventidue ragazzi milionari solo per tirare un calcio ad un pallone sono un esempio per tanti.

Come potresti, o mondo miliardario del calcio, se fossi veramente libero, non sdegnarti per delle giovani ragazze uccise da poliziotti senza senso del rispetto della vita?

Ignoto Uno

Foto di Ebrahim Amiri da Pixabay

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net