venerdì, Maggio 24, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Report” del 24 aprile alle 21.25 su Rai 3: rete elettrica europea, beni della Curia di Napoli e campanili con le antenne

Anticipazioni per “Report” del 24 aprile alle 21.25 su Rai 3: rete elettrica europea, beni della Curia di Napoli e campanili con le antenne

report

Anticipazioni per “Report” del 24 aprile alle 21.25 su Rai 3: rete elettrica europea, beni della Curia di Napoli e campanili con le antenne – Tre le inchieste di “Report”, in onda lunedì 24 aprile alle 21.20 su Rai 3. Si comincia con “Una rete elettrica per l’Europa” di Michele Buono, con la collaborazione Edoardo Garibaldi e Filippo Proietti.

Se ci fosse una super rete elettrica europea, l’energia sarebbe conveniente, sicura e i suoi approvvigionamenti sarebbero stabili. Il dibattito si sviluppa, però, su uno solo degli ingredienti della decarbonizzazione: l’installazione di nuova capacità energetica da fonti rinnovabili. Non si parla di come far viaggiare l’energia tra i singoli Stati europei e di come accumularla.

Se le rinnovabili sono energie non programmabili, mettendo insieme il vento dei paesi del nord e il sole dei paesi del sud, si potrebbe compensare questo effetto, rendendo il Vecchio continente un’unica grande centrale elettrica da fonti rinnovabili. Per far questo è necessario migliorare le infrastrutture su cui viaggia l’energia per non perdere quella prodotta in eccesso in alcuni momenti dell’anno.

Le tecnologie ci sono e le materie prime non potranno essere sottratte da nessun dittatore, ci vuole solo la volontà politica. L’Europa ha conosciuto la pace, dopo la creazione della Comunità del carbone e dell’acciaio. Potrebbe conoscere nuovamente un periodo di grande prosperità.

La seconda inchiesta ha per titolo “Andate in pace”, di Danilo Procaccianti con la collaborazione di Goffredo De Pascale e Andrea Tornago. Una parrocchia cinquecentesca, in pieno centro storico, da anni è occupata abusivamente da una famiglia, una parte della quale ha scontato lì anche gli arresti domiciliari.

Poi, il borbonico Cimitero monumentale delle 366 fosse, che è stato modificato, seppur vincolato dalla Soprintendenza. Prosegue, così, l’inchiesta di “Report” sulla gestione dei beni della Curia di Napoli, tra assenza di controlli, singolari attività imprenditoriali e cospicui lasciti, gestiti senza tenere conto delle volontà testamentarie, come è accaduto per il maestoso complesso immobiliare che domina la collina di Posillipo, lasciato alla Curia purché destinato a scopi di beneficenza, istruzione ed educazione, ma messo in vendita con il nulla osta dell’Arcivescovo Emerito di Napoli Crescenzio Sepe.

SI chiude con “Segnali divini” di Chiara De Luca e la collaborazione di Marzia Amico. L’Italia è nota come il paese dei mille campanili. Per la loro altezza e la posizione centrale dagli anni Duemila sono stati scelti per l’installazione di antenne telefoniche. L’ente incassa un canone dalle aziende di telecomunicazioni.

Questo comporterebbe l’uso del campanile per finalità commerciali e la perdita dell’esenzione fiscale dedicata agli immobili della chiesa destinati al culto. Come si sono comportate le diocesi italiane?

Report è anche su RaiPlay:  www.raiplay.it/dirette/rai3

www.rai.it/report – Facebook – Instagram – Twitter – Telegram: @reportrai3

Report è una trasmissione televisiva italiana condotta da Sigfrido Ranucci che propone inchieste giornalisticheMilena Gabanelli è stata la conduttrice della trasmissione dagli esordi fino al 28 novembre 2016. È trasmessa su Rai 3.

Il programma, improntato sullo schema del rotocalco televisivo, nasce su Rai 2 come Professione Reporter e mantiene questo nome dal 1994 al 1996 in seconda serata. Dal 1997 si evolve in Report e approda su Rai 3 in prima serata con un budget di 10 milioni di lire a puntata.

L’autrice e conduttrice, fino al 28 novembre 2016, è stata la giornalista freelance Milena Gabanelli, il regista è Claudio Del Signore; i videogiornalisti sono: Giovanna Boursier, Michele Buono, Giovanna Corsetti, Giorgio Fornoni, Sabrina Giannini, Bernardo Iovene, Paolo Mondani, Sigfrido Ranucci, Piero Riccardi, Emilio Casalini, Giuliano Marrucci, Luca Chianca, Emanuele Bellano, Claudia Di Pasquale, Giorgio Mottola.

L’edizione del programma è a cura di Michele Ventrone. Chiara Baldassari ha collaborato fino alla sua morte, avvenuta improvvisamente nel 2005. In passato hanno fatto parte del programma anche i giornalisti Piero Giansanti e Paolo Barnard, autore di alcune delle inchieste più critiche verso i potentati economici della globalizzazione e verso Stati Uniti e Israele.

Nel 2016 il programma vince il Premio regia televisiva 2016 come Miglior programma dell’anno.[2] Il 28 novembre 2016, come annunciato ad inizio stagione, la conduttrice Milena Gabanelli abbandona il programma dopo vent’anni per dedicarsi ad altri progetti. La conduzione del programma è passata a Sigfrido Ranucci, già co-autore insieme alla Gabanelli, a partire dal 27 marzo 2017[3]. Sotto la conduzione di Ranucci, Report riceve, nel 2021, il premio Flaiano di televisione[4].

Foto interna ed esterna: https://www.rai.it/ufficiostampa/assets/template/us-articolo.html?ssiPath=/articoli/2023/04/Le-inchieste-di-Report-c2b3ed84-e859-4833-96d3-920a274c2aa9-ssi.html