mercoledì, Settembre 22, 2021
Home > Marche > PROSEGUONO AD ASCOLI LE ATTIVITÀ DEL CENTRO ANZIANI

PROSEGUONO AD ASCOLI LE ATTIVITÀ DEL CENTRO ANZIANI

< img src="https://www.la-notizia.net/perugia" alt="perugia"

Mettere k.o. la solitudine attraverso la socializzazione e la creazione di luoghi di aggregazione dedicati agli anziani. Ecco l’obiettivo raggiunto dal Centro pomeridiano per la terza età “Attivamente”, che ha sede presso la Casa Albergo Ferrucci, ad Ascoli Piceno. Le attività della struttura in questione continueranno almeno fino a maggio 2018. La notizia è stata data ufficialmente in un incontro svoltosi lunedì 29 maggio. Il progetto ha avuto l’avvio due anni fa grazie all’importante finanziamento della Fondazione Carisap, in sinergia con il Comune di Ascoli e altri enti del Terzo Settore.

“Vista l’utilità e il gradimento riscosso dai nostri anziani, abbiamo ritenuto importante alla scadrnza del progetto finanziato dalla Fondazione, dare continuità a questo progetto utilizzando fondi comunali- spiega l’Assessore alle Politiche Sociali Donatella Ferretti- ma è stata necessaria anche la sinergia con la cooperativa Pagefha che gestisce il servizio, che si è resa disponibile a nuove progettualità affinché Attivamente proseguisse”

‘Attivamente è una realtà di riferimento per tanti anziani in città. Annovera 104 iscritti, 40 dei quali rappresentano le presenze stabili. Numerose le attività del centro (ginnastica, canto, lezioni sul benessere psicofisico della persona, teatro ecc…) portate avanti dalla coordinatrice Marisa Lubes, con l’aiuto di tanti preziosi collaboratori.

“La Fondazione, assieme alla fondamentale partnership del Comune e degli enti del Terzo Settore, ha apportato un notevole contributo al progetto Attivamente – spiega il Vicepresidente della Fondazione Carisap Sergio Maria Remoli -. Centri del genere rappresentano un patrimonio per la comunità. In questi anni abbiamo lavorato su 5 macroaree: realizzazione centro ricreativo, assistenza domicilare, servizio spesa a casa, servizio di trasporto e gli orti sociali”.
Soddisfatto e orgoglioso Mirko Loreti, direttore della P.A.Ge.F.Ha: “Questo progetto ha creato valore sociale, possiamo dire con certezza di aver fatto centro”.